A quanti gradi impostare la caldaia a gas a condensazione?

Uno dei grandi vantaggi delle caldaie a condensazione è la loro capacità di recuperare il calore che altrimenti andrebbe perso dalla canna fumaria, migliorandone l’efficienza. Le caldaie a condensazione hanno infatti livelli di efficienza superiori al 90%; cioè, poca energia viene sprecata per il riscaldamento dell’acqua. Tuttavia, se la tua caldaia è impostata alla temperatura sbagliata non otterrai la piena efficienza, quindi qual è la temperatura migliore per una caldaia a condensazione? La risposta semplice è impostare il riscaldamento centralizzato a una temperatura di circa 70 ° C e l’acqua calda a 60 °C, ma perché, potresti chiederti? Tutto dipende dal modo in cui funzionano le caldaie a condensazione.

Come funziona una caldaia a condensazione

Con una caldaia tradizionale, il combustibile viene bruciato per riscaldare l’acqua, ma gran parte di questo viene perso dalla canna fumaria. Con una caldaia a condensazione, c’è uno scambiatore di calore secondario, progettato per riciclare parte di questo calore, aumentando l’efficienza.

Utilizzando una caldaia per il vostro riscaldamento centrale, avete due tubi, mandata e ritorno. Il flusso è il tubo che esce dalla caldaia, che viene utilizzato per riscaldare i radiatori. Il tubo di flusso è passato attraverso lo scambiatore di calore principale della caldaia e viene riscaldato tramite la combustione del combustibile. Questo è effettivamente lo stesso per tutti i tipi di caldaie.

Il tubo di ritorno è il tubo che torna dai tuoi termosifoni. Quest’acqua sarà calda ma non quanto il flusso, poiché un po’ di calore viene rilasciato nelle stanze, tramite i termosifoni, per riscaldarle. In una caldaia a condensazione, il tubo di ritorno entra in uno scambiatore di calore secondario, che ha il compito di captare il calore dai gas di scarico presenti nel camino.

Il processo di fare ciò condensa il vapore acqueo nei gas di scarico, recuperando parte del calore che altrimenti sarebbe stato sprecato dalla parte superiore della canna fumaria. Questa condensa, leggermente acida, viene prelevata dalla caldaia tramite un tubo condensa. Idealmente, questo dovrebbe essere condotto internamente a uno scarico; dove i tubi della condensa sono condotti all’esterno, c’è il pericolo di congelamento quando fa freddo.

La tua caldaia a condensazione è in modalità condensazione?

Affinché la caldaia a condensazione funzioni alla massima efficienza, la superficie dello scambiatore di calore secondario deve essere uguale o inferiore alla temperatura del punto di rugiada del combustibile utilizzato. Questa è la temperatura alla quale si formano le goccioline d’acqua.

Per le caldaie a gas naturale, il punto di rugiada è di circa 55 ° C. In altre parole, l’acqua nel tubo di ritorno deve essere di 55 °C o inferiore o la caldaia non funzionerà alla massima efficienza e potenzialmente non condenserà nemmeno. Abbassare la temperatura della caldaia può aumentare la sua efficienza. La maggior parte delle caldaie moderne avrà un segno sullo schermo che mostra il punto in cui verrà attivata la modalità di condensazione.

Ci sono fattori che influenzeranno questo. Ad esempio, se si dispone di un riscaldamento intelligente con valvole del radiatore individuali, la temperatura di ritorno può cambiare. Ad esempio, se stai riscaldando l’intera casa, con tutte le valvole aperte, otterrai un ritorno più fresco. Se hai solo una valvola del radiatore aperta, il ritorno sarà più caldo.

Tuttavia, il vantaggio di riscaldare solo una stanza significa che la caldaia si spegnerà prima, quindi il risparmio energetico complessivo sarà maggiore. Per il miglior risparmio energetico, un termostato e una caldaia che possono utilizzare questo sistema funzioneranno al meglio, in quanto ciò consente al termostato di regolare (modulare) la temperatura dell’acqua per i migliori risultati.

Per comodità, può sembrare che ignorare tutti questi consigli per far lavorare la caldaia fino alla temperatura massima potrebbe essere la cosa giusta da fare, poiché i termosifoni si surriscaldano e le stanze si riscaldano più velocemente. Tuttavia, spesso è più efficiente aumentare più lentamente la temperatura della casa facendo funzionare i termosifoni a una temperatura più fresca, sfruttando i risparmi sui costi grazie alla condensazione.

C’è anche un mito in giro che è meglio lasciare il riscaldamento acceso in modo permanente per mantenere la temperatura della casa, poiché questo è più economico che raffreddare la casa e poi riscaldarla quando sei dentro. Non è vero e risparmierai molto più denaro riscaldando in modo efficiente la tua casa quando ne hai bisogno e spegnendo il riscaldamento quando non lo fai.

E l’acqua calda al rubinetto?

La temperatura a cui dovrebbe essere impostata l’acqua calda dipende dal tipo di sistema che hai. Tuttavia, è importante notare che la caldaia non può funzionare in modalità di condensazione per l’acqua calda, poiché non c’è flusso di ritorno per creare il processo di condensazione.

Con questo in mente, se si dispone di un serbatoio dell’acqua calda, il flusso dell’acqua calda dovrebbe essere di almeno 60 °C e il serbatoio dell’acqua calda dovrebbe essere impostato per immagazzinare l’acqua a questa temperatura. Questo perché questa è la temperatura che uccide i batteri della legionella. Di conseguenza, potresti voler aumentare la temperatura di qualche grado.

Per una caldaia combinata, l’acqua viene riscaldata su richiesta e c’è un serbatoio dell’acqua molto piccolo. In quanto tale, c’è pochissima probabilità che si sviluppino batteri della legionella, quindi è possibile andare un po’ più sul freddo se si preferisce. Tuttavia, per la sicurezza generale, la raccomandazione è di utilizzare un minimo di 60 °C per uccidere i batteri.

Riscaldamento centralizzato a bassa o alta temperatura?

Tradizionalmente, i radiatori alimentati da sistemi di riscaldamento centralizzato funzionano a temperature più elevate (da 60 a 80 °C). Un flusso di temperatura inferiore (fino a 35 °C) sta diventando più comune ed è auspicabile perché è più efficiente. Il riscaldamento a bassa temperatura è comune nel riscaldamento a pavimento, che può funzionare a circa 35 °C, ma è anche possibile e sempre più comune con un sistema a radiatori.

L’idoneità di un impianto a bassa temperatura per la tua casa dipende da:

  • Valore di perdita di calore del tuo edificio: se il tuo edificio soffre di una perdita di calore significativa che non può essere corretta, potrebbe non essere pratico passare a un riscaldamento a temperatura più bassa.
  • Quanto spazio hai: il sistema a bassa temperatura richiederà più superficie del radiatore (o altro emettitore di calore) per funzionare in modo efficace. Potrebbe essere necessario installare nuovi radiatori.
  • Con una pompa di calore, l’efficienza aumenta al diminuire della temperatura. Quindi è preferibile un sistema a temperatura più bassa. Questi sono comunemente installati con riscaldamento a pavimento, ma possono essere installati anche con radiatori.

In generale, per un sistema di riscaldamento a temperatura più bassa, è più efficiente lasciare il riscaldamento acceso continuamente, e per un sistema a temperatura più alta è più efficiente accenderlo intorno ai periodi chiave di richiesta.

La perdita di calore da un edificio è proporzionale alla differenza di temperatura interna / esterna, ma più il tuo edificio è ermetico e ben isolato, meno diventa importante. Questo spiega perché in edifici ben isolati che utilizzano il riscaldamento a bassa temperatura (ad esempio molte case dei Paesi nordici) diventa efficiente lasciare il riscaldamento acceso 24 ore al giorno.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *