Caldaia a condensazione: quali sono i rischi?

Le caldaie non a condensazione ed a bassa efficienza vengono rapidamente eliminate su scala globale come parte del tentativo di ridurre il consumo di energia, i costi associati e le emissioni. Si tratta di un cambiamento positivo considerando i vantaggi che le caldaie a condensazione hanno da offrire – come maggiore efficienza, minori bollette energetiche, design moderno e dimensioni compatte – ma è anche un cambiamento significativo per il mercato del riscaldamento statunitense, che storicamente è stato dominato da meno caldaie non a condensazione efficienti. I grossisti e gli installatori ora non solo avranno bisogno di formazione sulla vendita e sul montaggio di caldaie a condensazione ad alta efficienza, ma dovranno anche imparare a proteggerle per prevenire rischi.

Cos’è una caldaia a condensazione?

Le caldaie a condensazione sono apparecchi per il riscaldamento dell’acqua che funzionano a gas o a gasolio. Come suggerisce il nome, il principio di funzionamento della caldaia si basa sulla condensazione del vapore acqueo, un processo che consente una maggiore estrazione di calore dal combustibile utilizzato. Lo fa sfruttando il calore precedentemente non sfruttato proveniente dai gas di scarico, che nel caso di un impianto a caldaia convenzionale, verrebbe normalmente rilasciato in atmosfera.

Una caldaia a condensazione è quindi in grado di sfruttare questo calore latente trasformando il vapore acqueo, che fuoriesce insieme ai gas di scarico, in condensa liquida. Così facendo, una caldaia a condensazione può fornire un tasso di efficienza più elevato, che varia dall’86 al 92%, a seconda del modello.

Con una maggiore efficienza arrivano componenti più sensibili

Al fine di fornire un’elevata efficienza, le moderne caldaie a condensazione sono necessariamente costruite in modo molto diverso dalle caldaie a bassa efficienza e di vecchia tecnologia (come le caldaie in ghisa).

Ad esempio, i metalli utilizzati nelle caldaie a condensazione offrono livelli di efficienza notevolmente più elevati ma hanno vuoti più piccoli, maggiore densità di flusso termico e richiedono una maggiore protezione dall’acqua non trattata, mentre i circolatori ora sono modulanti in base alla temperatura dell’impianto, più compatti e hanno tolleranze fini tra albero e cuscinetti.

Questi cambiamenti, pur aumentando l’efficienza energetica, fanno sì che le caldaie a condensazione siano meno tolleranti all’acqua di rete non trattata rispetto alle caldaie tradizionali. Senza il trattamento dell’acqua dell’impianto di circolazione, la corrosione e l’accumulo di calcare (quest’ultimo è un problema quando l’impianto è pieno di acqua dura) sono inevitabili.

Prevenzione dei problemi negli impianti con caldaie a condensazione ad alto rendimento

È probabile che la corrosione e il calcare diano luogo a una serie di problemi costosi e scomodi nelle caldaie a condensazione ad alta efficienza e in altri componenti del sistema come le tecnologie delle pompe ECM (motore a commutazione elettronica), da guasti prematuri e sostituzione delle parti, durata ridotta e aumento del consumo energetico ed emissioni, scarse prestazioni del sistema, punti freddi nei radiatori, rumore eccessivo e perdite.

Infatti, prove e ricerche effettuate da un importante produttore di caldaie (in un mercato in cui le caldaie a condensazione sono obbligatorie da alcuni anni) hanno rilevato che circa l’87% delle chiamate di caldaie riguarda impianti senza un corretto trattamento dell’acqua.

Il trattamento dell’acqua aiuta a prevenire la corrosione, il calcare e i problemi associati ed è considerato la migliore pratica dai principali organismi internazionali del settore del riscaldamento e la sua applicazione è incorporata in molti regolamenti edilizi e standard di qualità.

Con i moderni sistemi di caldaie a condensazione, viene prodotto solo circa un litro all’ora di condensa, che ha livelli di pH compresi tra 3,5 e 5. Se è installato un tubo di scarico adeguato, non c’è motivo di preoccuparsene. Per assicurarti che sia installato correttamente, dovresti sempre chiedere a un installatore certificato MCS di eseguire il lavoro.

È importante sottolineare che per i grossisti, gli installatori e le famiglie, il trattamento dell’acqua fa anche parte dei termini e delle condizioni di garanzia della maggior parte dei principali produttori di caldaie.

Potenziali problemi con i fumi

Sono molti i problemi e le lamentele delle moderne caldaie a condensazione per quanto riguarda i loro sistemi di scarico fumi; soprattutto il fattore di disturbo relativo alla dispersione dei pennacchi di condensa, anche quando sono stati installati in modo migliore rispetto alle normative e ai produttori dichiarano.

Le caldaie a rendimento standard hanno una temperatura dei fumi che al massimo dovrebbe essere di 260 gradi C, ma in circostanze normali sarà in media tra 180 e 200 gradi C quando lascia il terminale della canna fumaria. Poiché il calore aumenta e i gas sono molto più leggeri e più caldi delle temperature ambientali esterne; canna fumaria i gas si disperdono facilmente e causano pochissimi problemi se installati correttamente.  Anche in caso di condizioni di maltempo, i problemi sono minimi a causa della maggiore temperatura dei gas.

Le caldaie a condensazione ad alta efficienza sono un’altra cosa. Spesso hanno una temperatura massima di 100 gradi C e di solito sono molto più bassi; spesso tra i 50 e i 70 gradi C. Anche nei periodi di buona tempo questo può causare problemi in quanto i gas sono così “freddi” e molto più pesanti a causa della quantità di umidità che contengono, che attorno al terminale della canna fumaria possa rimanere il “pennacchio” che può quindi portare a problemi in quanto i gas di scarico di scarico vengono risucchiati nell’alimentazione dell’aria dei bruciatori; questo è comunemente noto come viziato.

Ciò può portare a problemi con fotocellule sporche, danni alle punte degli ugelli che possono quindi portare a guasti completi o intermittenti della caldaia. Così come il bruciatore che soffre di intermittente blocchi dovuti a combustione irregolare, se i gas di scarico vengono risucchiati nella propria alimentazione d’aria dei bruciatori può inoltre causare problemi di fatica del metallo e/o deformazione dei deflettori all’interno dello scambiatore di calore delle caldaie.

Durante i climi più freddi il problema può essere ancora peggiore poiché i gas si raffreddano rapidamente all’uscita dalla canna fumaria terminale, rendendoli ancora più freschi e pesanti di prima. Aggiungi una giornata nebbiosa, neve o pesante o pioviggina, piove e peggiora di nuovo!



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *