Che potenza deve avere una stufa elettrica?

Se vuoi usare una stufa o installare un nuovo caminetto in una stanza della tua casa, devi assicurarti che sia in grado di riscaldarlo adeguatamente. L’ultima cosa che vuoi fare è investire in qualcosa che non sarà abbastanza potente per le tue esigenze. Per evitare che ciò accada, è necessario calcolare quanti chilowatt (KW) di potenza termica sono necessari per la stanza che si desidera riscaldare. Neanche questo è così difficile o complesso come sembra, come vedrai qui.

Come stimare la potenza termica necessaria

Il primo passo è calcolare la dimensione della stanza in cui verrà installato il sistema. Misura la lunghezza, la larghezza e l’altezza della tua stanza in metri e moltiplicale per ottenere la dimensione del metro cubo. Una volta fatto questo, devi considerare quanto è ben isolata la tua proprietà. Puoi quindi regolare la potenza di cui hai bisogno in base al livello di calore che è probabile che venga mantenuto nella tua casa.

Se non disponi di doppi vetri o altro isolamento (si pensi ad esempio al sottotetto e / o all’isolamento delle intercapedini) la tua casa è scarsamente isolata. In questo caso dovresti dividere per dieci le dimensioni in metri cubi della tua stanza. Questo ti darà la potenza in chilowatt di cui avrai bisogno per fornire un calore adeguato.

Se invece il tuo immobile è ben isolato in ogni modo, dividi per venticinque la cifra dei metri cubi. Questo tiene conto della quantità di isolamento presente e si adatta quando si fornisce la cifra in chilowatt.

C’è qualcos’altro che dovrei sapere?

Sì, è normale arrotondare la cifra con cui si finisce. Ad esempio, supponiamo che la dimensione della tua stanza in metri cubi sia 38,7. Se la tua casa non è ben isolata, dividi per dieci come indicato sopra. Questo ti porta a una cifra di 3,87 kW. In questa situazione dovresti arrotondare a 4 kW per rendere le cose più facili.

Supponiamo ora che la tua casa sia ben isolata. La stanza rimane la stessa dimensione (38,7 metri cubi) ma in questo caso la divideremmo per venticinque. La cifra risultante in questo caso sarebbe 1.548 kW. Avresti quindi bisogno di una fonte di calore che fornisca tra 1,5 e 2kW per riscaldare comodamente quella particolare stanza.

È possibile utilizzare questo calcolo per ogni stanza della casa, se necessario. Funziona con tutte le fonti di calore, dalle stufe elettrice al gas, fino alle stufe a legna. Basta elaborare prima i calcoli pertinenti e quindi cercare le fonti di calore che soddisfano le tue esigenze.

Questo è molto meglio che scegliere semplicemente un sistema riscaldante e poi scoprire che non può fornire il grado di calore di cui hai veramente bisogno. Come puoi vedere, elaborando prima un semplice calcolo, puoi essere sicuro di trovare l’apparato più appropriato che abbia l’output di cui hai bisogno.

Qual è la potenza in watt della stufa elettrica?

Sul mercato si trovano stufe elettriche di design che offrono molte dimensioni e potenze diverse per riscaldare vari ambienti della tua casa. Ogni radiatore elettrico è dotato di un elemento riscaldante che trasferisce l’energia elettrica dalla rete elettrica in energia termica.

Il wattaggio di un radiatore elettrico ti dice semplicemente la massima potenza elettrica dell’elemento riscaldante. Maggiore è il wattaggio, maggiore sarà il calore fornito dal radiatore. Tuttavia, non è sempre così. Se hai una stanza grande e stai cercando un radiatore elettrico o una stufa con un wattaggio molto alto, potresti pensare di aver trovato quello perfetto.

Ma è importante fare attenzione anche ad altri punti chiave. Ad esempio, i radiatori elettrici inefficienti e progettati in modo inadeguato possono offrire l’elevato wattaggio che stai cercando, ma non sono ancora in grado di riscaldare l’ambiente alla temperatura desiderata. È questa inefficienza antiquata che dà ai radiatori elettrici una cattiva reputazione poiché sono noti per l’utilizzo di enormi quantità di energia e l’aumento delle bollette senza portare a termine il lavoro!

La potenza termica delle stufe a legna o multi-combustibile

Mentre una tipica stufa elettrica ha una potenza tipica di 1,5-2 kW, con altri combustibili si può disporre di una potenza termica assai più elevata. I produttori di stufe di solito offrono una varietà di misurazioni per includere la potenza termica nominale, la potenza termica massima e la valutazione di efficienza della stufa. Nella migliore delle ipotesi i dati sulla produzione forniti dai produttori di stufe offrono però solo un indicatore vago delle prestazioni di una stufa.

Sebbene esista un tempo minimo di rifornimento di 45 minuti, non esiste un periodo di tempo massimo che consenta ai produttori di scegliere la dimensione del rifornimento e la frequenza del rifornimento. L’implicazione è che fintanto che viene raggiunta la potenza termica nominale, è possibile calcolare l’efficienza media del combustibile. Vale a dire variando la potenza termica e l’efficienza è possibile testare una stufa per restituire una potenza termica nominale di 6 kW.

La stufa può quindi essere nuovamente testata con una potenza termica di 4 kW per fornire una migliore classificazione di efficienza del combustibile o per consentire alla stufa di scivolare sotto la potenza nominale di 5kW in modo che non richieda una presa d’aria esterna come richiesto dalle attuali normative edilizie. Il confronto tra la potenza termica nominale e l’efficienza del combustibile non è, per i motivi sopra indicati, un modo accurato per confrontare le stufe o per identificare le dimensioni della stufa necessarie per riscaldare un determinato spazio.

Il valore migliore da utilizzare è il valore della potenza termica massima. I valori di potenza termica massima per una stufa sono spesso espressi come una fascia o un intervallo, ad es. 3-6 kW o 5-7 kW. Il valore più alto nell’intervallo fornisce un’indicazione della potenza termica massima che sarà possibile ottenere.

Tutti i bruciatori a legna o le stufe multicombustibile sono progettate per funzionare al meglio se caricati con la giusta quantità di carburante. Scegliere una stufa di grandi dimensioni e troppo grande per le proprie esigenze e ridurre il carico di combustibile per non surriscaldare l’ambiente spesso significa che il focolare non raggiungerà la temperatura ottimale di funzionamento e il corpo della stufa non si riscalderà adeguatamente per irradiare calore. o consentire la convezione.

È molto probabile che tu finisca per avere freddo, seduto di fronte a un fuoco dall’aspetto miserabile con un collegamento di efficienza del carburante molto basso per il dato guadagno di calore. Bruciando un piccolo fuoco freddo piuttosto che un fuoco caldo luminoso si avrà la produzione di molto fumo ed eventualmente si ridurrà la temperatura nella canna fumaria o camino impedendo il tiraggio della canna fumaria e la sua capacità di portare via il prodotto di scarto in modo efficiente.

Ciò causerà inevitabilmente la formazione di condensa e creosoti altamente infiammabili all’interno della canna fumaria o del camino. La produzione di fumo in eccesso attraverso la combustione inefficiente del combustibile causerà ulteriori problemi se si vive in un collegamento ad area controllata dal fumo anche se si utilizza una stufa senza fumo. Anche bruciare un fuoco spento causerà fuliggine e macchie sul vetro della stufa, poiché i moderni sistemi di lavaggio dell’aria richiedono temperature elevate per bruciare i depositi di particelle secche che si depositano sul vetro.

Dai un’occhiata ai modelli di stufa elettrica con il miglior rapporto qualità / prezzo qui.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *