Come accendere una stufa a legna

Accendere un bruciatore a legna non è la stessa cosa che accendere un caminetto convenzionale. Lo spazio ristretto della stufa può renderlo un po’ complicato, ma con i nostri pratici consigli avrai un fuoco accogliente che si accende in pochissimo tempo. Innanzitutto, assicurati di essere adeguatamente preparato e di avere tutti i materiali corretti a portata di mano. Non dovresti mai lasciare la stanza finché il fuoco non si è spento e la porta della stufa a legna non è ben chiusa.

Cosa serve per accendere una stufa a legna

Accendifuoco

Questa è la tua arma segreta. Realizzati con sottoprodotti del legno, gli accendifuoco naturali si accendono facilmente, sono inodori e non contengono sostanze chimiche nocive. Se non disponi di accendifuoco, i pezzi di giornale strappati in strisce prenderanno fuoco facilmente, ma potresti aver bisogno di alcune strisce poiché la carta brucia rapidamente.

Piccoli pezzi di legno

L’accensione consiste in piccoli pezzi di legno che bruciano facilmente. Viene utilizzato per aumentare il calore del fuoco prima di aggiungere il combustibile principale. L’accensione dovrebbe essere estremamente secca ed è più facile da lavorare se è in lunghezze corte e uniformi, un po’ come i fiammiferi sovradimensionati.

Tronchi essiccati

Questo sarà il combustibile principale per il tuo fuoco e dovresti assicurarti di utilizzare solo legno di alta qualità che sia stato adeguatamente essiccato e stagionato. La legna con troppa umidità sarà difficile da accendere e genererà molto fumo nero e fuliggine che coprirà rapidamente il vetro della tua bellissima nuova stufa a legna con un residuo nero appiccicoso. È quindi meglio evitare la legna del tuo giardino o quei pacchi di rete economici in vendita presso la stazione di servizio locale. Il legno di alta qualità è più facile da accendere, brucia più caldo e riduce il disordine da pulire in seguito.

Fiammiferi o un accendino

Ovviamente hai bisogno di una scintilla per accendere il fuoco. Puoi usare un accendino, ma per noi niente batte il suono e l’odore di un fiammifero appena acceso. Quando accendi una stufa a legna non dovresti usare benzina o altri liquidi combustibili poiché questi sono molto difficili da controllare all’interno e potrebbero causare la propagazione del fuoco nelle aree circostanti.

Cinque passi per costruire il fuoco perfetto

  1. Quando accendi un fuoco, l’aria è tua amica. Ogni stufa a legna ha prese d’aria che dovrebbero essere aperte completamente prima di iniziare. Possono quindi essere regolati una volta che il fuoco ha preso.
  2. Costruisci una piccola struttura a forma di piramide al centro della stufa usando la legna da ardere e un paio di accendifuoco. Assicurati che ci sia spazio tra gli oggetti in modo che l’aria possa entrare per alimentare il fuoco mentre si accende.
  3. Accendere gli accendifuoco con un fiammifero e poi, man mano che il fuoco fa presa, chiudere parzialmente lo sportello della stufa lasciando uno spazio di circa un pollice per far entrare al massimo l’aria. Non dovresti lasciare la stanza mentre la porta è aperta.
  4. Una volta che la legna sta bruciando forte, puoi aggiungere due o tre ceppi più grandi, facendo attenzione a non soffocare il fuoco.
  5. Ora puoi chiudere e fissare la porta della stufa a legna. Una volta che i ceppi sono correttamente accesi, puoi regolare le prese d’aria a metà o meno in modo che la legna bruci più a lungo. Potrebbe essere necessario riaprirli se il fuoco si spegne o quando si aggiungono nuovi ceppi.

Come accendere correttamente un fuoco nella tua stufa a legna

  1. Assicurati che ci sia abbondanza d’aria aprendo i controlli di ingresso dell’aria secondaria e primaria nella tua stufa a legna
  2. In basso, posizionerai due tronchi in modo che siano paralleli l’uno all’altro
  3. Metti un accendifuoco tra i ceppi e metti della legna da ardere sui ceppi. Accendere un fuoco.
  4. Metti dei piccoli ceppi sulla parte superiore e posiziona uno o due accendifuoco sulla parte superiore e accendili.
  5. È importante che l’aria scorra attraverso il fuoco mentre allo stesso tempo i ceppi sono posizionati così vicini l’uno all’altro da “scaldarsi” a vicenda. Durante i primi 5-10 minuti la porta dovrebbe essere leggermente socchiusa in modo che il vapore dal vetro evapori.
  6. Quando le fiamme sono accese e il vetro è così caldo che non puoi più toccarlo, puoi chiudere la porta e regolare l’alimentazione dell’aria.

Suggerimento: lasciare sempre uno strato di cenere di due o tre centimetri sul fondo della stufa a legna. Aiuta a isolare, allo stesso modo delle piastrelle isolanti nel focolare. In questo modo otterrai una temperatura di combustione più elevata, importante per una combustione completa.

Quando mettere più legna da ardere nella stufa a legna?

Quando si mette altra legna nella stufa a legna, bisogna aprire il comando della presa d’aria primaria, che si trova sotto la porta, fino a quando i nuovi ceppi non hanno preso fuoco.

Per ottenere il massimo dalla legna da ardere, puoi rimandare l’inserimento di nuovi ceppi nella stufa a legna fino a quando lo strato di brace è così piccolo che ci vorrà circa 1 minuto prima che il fuoco si attacchi ai ceppi. Ricordarsi sempre di aprire il comando della presa d’aria primaria quando si aggiunge altra legna al fuoco.

Per ridurre il rischio che la cenere fuoriesca dalla stufa a legna quando si apre la porta, è buona norma aprire il comando di ingresso dell’aria primaria sotto la porta circa un minuto prima di aprire la porta. In questo modo aumenterai il tiraggio nella stufa a legna e ridurrai il rischio di caduta della cenere.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *