Come dimensionare un depuratore d’aria

Tener conto della dimensione della tua stanza è vitale nel tuo viaggio di acquisto del purificatore d’aria. Il tuo purificatore d’aria è tanto buono quanto inutile quando non può nemmeno coprire l’intera camera da letto o soggiorno in cui intendi usarlo. In questo articolo, discuteremo come misurare le dimensioni di una stanza e le prestazioni del flusso d’aria corrispondente. Alla fine della guida, imparerai come misurare e calcolare la capacità di depurazione esatta necessaria per coprire efficacemente una stanza.

Quanto potente deve essere un purificatore d’aria?

Innanzitutto, sarà necessario calcolare le dimensioni della stanza necessarie per la purificazione dell’aria. Misura la lunghezza e la larghezza della stanza, quindi moltiplica i numeri per ottenere la metratura della stanza. Se si desidera dimensionare un purificatore d’aria per più stanze, ottenere le cifre delle dimensioni di ciascuna stanza e somma il totale.

Ad esempio, hai un soggiorno di 36 metri quadrati e una zona pranzo di 16 metri quadrati, la metratura totale per purificare le due stanze sarà 36 + 16 = 52 mq. Avrai dunque bisogno di un purificatore d’aria con un CADR per gestire 52 metri quadrati. Per calcolare la capacità del purificatore d’aria in metri cubi, occorre moltiplicare la metratura della stanza per l’altezza del soffitto.

Cos’è il parametro CADR e il relativo test?

Il cosiddetto “Clean Air Delivery Rate” (CADR) è una misura standard sviluppata per consentire ai consumatori di confrontare le prestazioni dei purificatori d’aria. Negli USA è riconosciuta dalla US Environmental Protection Agency (EPA) e dall’American Lung Association. CADR indica il volume di aria filtrata da un purificatore d’aria in piedi cubi al minuto (CFM). Più alto è il numero, più veloce e più pulita è l’aria che l’unità può fornire.

Il test CADR viene eseguito indipendentemente dal livello di rumore e dalle prestazioni di filtrazione dell’aria: polvere, polline e fumo. Ogni test determinerà l’efficacia del purificatore d’aria nella rimozione di specifici tipi di inquinanti. Il risultato è solitamente stampato sulla confezione del filtro dell’aria o nel manuale. Puoi di solito trovare ulteriori informazioni sulle valutazioni CADR online.

Qual è il CADR necessario per coprire una stanza?

Seguendo la regola classica, il CADR del purificatore d’aria deve avere un minimo di due terzi delle dimensioni di una stanza in piedi quadrati. Per coprire una stanza di 200 piedi quadrati, il CADR deve essere di almeno 133 CFM. Ovviamente maggiore è l’uscita CADR, più veloce e più aria può coprire.

Ma come si applica questa regola con i metri cubi? Ebbene, 133 piedi cubi al minuto corrispondono a 3,77 metri cubi al minuto MCM), poiché 1 CFM equivale a 0,028 MCM, e dunque possiamo passare facilmente da un’unità all’altra. Invece 1 piede quadrato corrisponde a 0,092 metri quadrati. Quindi, dire che per una stanza di 200 piedi quadrati il CADR deve essere di almeno 133 CFM equivale a dire che per una stanza di 19 mq i MCM devono essere di almeno 3,77.

Si noti che il rapporto fra i due numeri è di 5,0, cioè i MCM devono essere almeno 1/5 della metratura dell’ambiente da purificare. Pertanto, possiamo sintetizzare il tutto nella seguente regoletta per il dimensionamento veloce del purificatore d’aria:

Dimensioni della camera (metri quadrati) x 5 = CADR minimo del purificatore d’aria in MCM

Non tutti i purificatori d’aria sono uguali. Alcuni modelli sono pensati solo per dimensioni minuscole della stanza, mentre altri possono persino coprire l’intero soggiorno. Pertanto, il calcolo appena illustrato è necessario per purificare con efficacia una specifica dimensione della stanza.

Come misurare le dimensioni di una stanza in base al CADR

Un purificatore d’aria con un CADR per il fumo di 300 CFM può coprire fino a 465 piedi quadrati di dimensioni della stanza. Infatti, basta moltiplicare il valore in CFM per 1,55. Se invece il CADR è espresso in unità metri cubi al minuto (MCM), allora l’apparecchio può coprire un’area 5 volte maggiore: in altre parole, se ad es. il CADR è 4, l’area coperta è di 5 x 4 = 20 mq.

Queste sono le formula ufficiali basate sul requisito CADR di rimuovere l’80% delle particelle, ipotizzando un determinato ricambio d’aria ambiente all’ora. Quindi è tutto semplice? Non proprio, poiché il calcolo di cui sopra si basa su una situazione ideale con una produzione costante a un ricambio d’aria all’ora. Ma, in pratica, è necessario tenere in considerazione anche l’altezza del soffitto.

Una misura migliore sarebbe dunque in piedi cubi o in metri cubi. Invece di calcolare solo la lunghezza e la larghezza di una stanza, dobbiamo prendere in considerazione l’altezza del valore del soffitto. Ad esempio, una dimensione della stanza di 200 piedi quadrati con soffitti alti 10 piedi significa che la stanza è di 2000 piedi cubi, e analogamente se si misura superfici e volumi in mq e mc.

Altre limitazioni evidenti del CADR

I numeri CADR sono affidabili e una buona metrica in quanto il CADR viene testato in modo indipendente in un laboratorio di test certificato. Tuttavia, il CADR non è privo di difetti e ci sono più fattori da tenere in considerazione.  L’esistenza del CADR consiste nel creare una misurazione standardizzata che possa essere utilizzata da tutte le marche. Ciò protegge i consumatori dall’essere fuorviati dai produttori in termini di prestazioni.

Il problema è che CADR si basa sulla distribuzione del flusso d’aria e alcuni purificatori d’aria non si concentrano su questo. Un buon esempio potrebbe essere la tecnologia termodinamica che utilizza il calore anziché il flusso d’aria. Un altro problema è che i test CADR vengono condotti con l’impostazione della velocità della ventola più alta e non con la velocità complessiva: un grande svantaggio per i produttori che offre più velocità per una migliore usabilità. Infine, il test CADR inoltre non misura le prestazioni del filtro dell’aria nel tempo.

La qualità del filtro avrà un impatto diretto sulle cifre che non sono contabilizzate dal CADR. Ad esempio, un vero filtro HEPA ha una configurazione più densa, quindi crea una maggiore resistenza al flusso d’aria rispetto a un filtro di tipo HEPA inferiore. Un filtro a carbone attivo spesso è una migliore filtrazione del fumo rispetto a un foglio di carbone sottile, ma il punteggio CADR favorisce maggiormente il foglio di carbonio sottile. Anche la filtrazione aggiuntiva come la luce UV e lo ionizzatore sono esclusi dal test CADR, così come le particelle di gas più piccole di 0,3 micron.

La scelta del depuratore d’aria della giusta dimensione

Questa scelta è molto importante per rimuovere polvere, allergeni, germi, fumo e odori in una stanza. Dopo aver determinato la metratura della stanza necessaria per la purificazione dell’aria, misurare lo spazio in cui si intende posizionare il purificatore d’aria. Per ottenere il massimo dal tuo purificatore d’aria, calcoleremo le dimensioni della stanza richieste in base a 2 ricambi d’aria all’ora:

  • Piccole dimensioni della stanza (bagno, camera da letto, spazio di lavoro personale) – Scegli un piccolo purificatore d’aria, ad es. design desktop o mini tower che può coprire fino a 18 metri quadrati.
  • Camera di medie dimensioni (soggiorno, studio, piccolo seminterrato, bagno con vasca annessa) – Scegli un purificatore d’aria di fascia media che può coprire da 19 a 37 metri quadrati.
  • Dimensioni della stanza più grandi (soggiorno, camera da letto principale, ufficio, seminterrato, garage) – Scegli il purificatore d’aria superiore della linea che può coprire 37 metri quadrati e oltre.
  • Purificatore d’aria per tutta la casa – Può essere personalizzato in base alla planimetria della tua casa. Costoso il fastidioso da installare.

Una persona con ipersensibilità o asma avrà bisogno di un purificatore d’aria HEPA con doppia uscita del flusso d’aria per aiutare a gestire i propri sintomi. In altre parole, il purificatore d’aria deve pulire l’aria a 4 cambi all’ora per rimuovere completamente gli allergeni microscopici nell’aria. La maggiore frequenza di pulizia protegge una persona asmatica dalla respirazione nelle particelle nocive. Pertanto, le dimensioni della stanza consigliate dal purificatore d’aria ufficiale dovranno essere ridotte della metà rispetto alle linee guida di cui sopra.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *