Come eliminare i VOC o COV e gli odori di cucina?

Sappiamo che la nostra casa è piena di prodotti chimici domestici di cui sappiamo a malapena l’esistenza. Ogni sostanza chimica causerebbe effetti collaterali diversi a seconda del livello di esposizione e del periodo di tempo. In questo articolo sul miglior purificatore d’aria per VOC e formaldeide, impareremo cosa sono i prodotti chimici domestici e quali sono le soluzioni. Occorre imparare a giudicare l’efficacia di ogni purificatore d’aria in base al suo CADR per il fumo (se disponibile), alla velocità del flusso d’aria, al filtro a carbone attivo e a qualsiasi specialità chimica aggiuntiva.

Cosa sono i prodotti chimici per la casa?

I prodotti chimici domestici sono contaminanti chimici comuni e non alimentari che possono essere trovati in ogni famiglia. È possibile trovare prodotti chimici domestici in una varietà di fonti, tra cui mobili, bicchieri, vernici, igiene e beni di consumo come detergenti, bagnoschiuma, disinfestazione, smalti per unghie, deodoranti per ambienti. Poiché quasi tutti gli articoli per la casa emettono sostanze chimiche, è impossibile evitarli. Sostanze chimiche comuni emesse da prodotti per la casa tra cui ammoniaca, acetone, benzene, formaldeide, COV (Composti Organici Volatili).

Vivere in un ambiente malsano con un alto grado di esposizione chimica è pericoloso per la nostra salute. A seconda di quanto è dannoso e di quanto frequentemente sei a contatto con le sostanze chimiche presenti nell’aria, l’esposizione a breve termine include sintomi lievi come prurito agli occhi, tosse, nausea, mal di testa, occhi rossi e respiro sibilante. L’esposizione a lungo termine può causare danni gravi e permanenti (ustioni cutanee, cecità, insufficienza d’organo) e morte.

Odori di cucina e la nostra salute

Da quando gli uomini vivevano nelle caverne, condividere un pasto con la famiglia e gli amici è stato uno dei grandi piaceri della vita. Ma ora che non viviamo in grotte piene di spifferi e non cuciniamo su un fuoco aperto sotto il cielo, dobbiamo prendere provvedimenti per rimuovere gli odori di cucina dalle nostre case. Grasso di pancetta, pesce e curry sono solo alcuni degli odori di cucina che restano oltre il dovuto.

A nessuno piace un cattivo odore in cucina o in tutta la casa. Ma oltre ad essere sgradevoli, alcune classi di odori e composti organici volatili (COV) rilasciati durante la cottura possono effettivamente essere malsani da respirare. Il livello e il tipo di COV emessi sono fortemente influenzati da ingredienti, oli da cucina, combustibili per riscaldamento e da come si cucina il cibo, ma possono includere composti solforosi, azotati, volatili, idrocarburi e alcol. Gli aldeidi, che irritano gli occhi e la pelle, sono tra gli inquinanti più comuni rilasciati durante la cottura.

Una volta rilasciati nell’aria, si attaccano a tessuti e superfici e possono persistere per giorni. Questi tipi di composti possono causare di tutto, dal mal di testa alle malattie respiratorie come il cancro ai polmoni nei non fumatori. L’esposizione ripetuta, specialmente in uno spazio chiuso con scarsa ventilazione, può causare mal di testa, affaticamento, dermatiti e altro – molti degli stessi sintomi spesso usati per diagnosticare la Sick Building Syndrome (SBS).

Come limitare gli odori di cucina

  1. Chiudi le porte

Il grasso e gli odori si assorbono rapidamente nei tessuti rendendoli difficili da pulire. Tenere le porte della camera da letto e dell’armadio chiuse prima e durante la cottura per evitare lettiere che odorano di pesce.

  1. Purifica la tua aria

Il modo migliore per evitare gli odori è eliminarli dall’aria il più rapidamente possibile. Oltre ad aprire le finestre e utilizzare la presa d’aria della cucina, puoi rimuovere gli odori e il fumo della cucina con un purificatore d’aria della cucina dotato di filtro apposito per il fumo. Tali filtri utilizzano carbone attivo, rendendo l’aria della tua cucina fresca e pulita. Il carbone attivo si presenta sotto forma di centinaia di pellet per assorbire odori, fumo e COV dall’aria interna.

  1. Pulisci mentre procedi

Una buona regola per qualsiasi odore di cucina casalingo è pulire le attrezzature e le superfici mentre si vanno usando per evitare che i cattivi odori della cucina si accumulino in primo luogo. Eviti anche di creare un deprimente lavandino pieno di piatti. Rimuovere gli schizzi sul fornello e sul piano di lavoro e lavare le pentole unte il prima possibile.

Utilità e scelta di un purificatore d’aria

Le persone che soffrono di sensibilità chimica multipla (MCS) trarrebbero sicuramente beneficio da un purificatore d’aria. come pure: una famiglia che soggiorna nelle vicinanze di un’area industriale, fabbrica o luoghi con un alto indice di qualità dell’aria (AQI); neonati, bambini, anziani o persone asmatiche che hanno un sistema immunitario più debole. Anche una persona che sta con o vicino ai fumatori rientra nel conto. Ultimo ma non meno importante, puoi utilizzare i purificatori d’aria in qualsiasi casa poiché i prodotti chimici e gli inquinanti atmosferici sono ovunque.

Ecco alcune caratteristiche da considerare nella scelta di un depuratore d’aria:

Fumo CADR

Un buon punto di riferimento per valutare le prestazioni del purificatore d’aria nella rimozione di VOC, fumo e odori è il CADR, il tasso di consegna di aria pulita standardizzato (misurato in piedi cubi al minuto, o CFM) in cui è possibile il confronto incrociato tra diverse marche. Sebbene non tutti i produttori partecipino a questa misurazione, prendiamo in seria considerazione il CADR. Lo valuteremo insieme alla filtrazione chimica, alla copertura purificante e al prezzo di vendita.

Flusso d’aria

Quando le sostanze chimiche contenute nel fumo e negli odori fluiscono rapidamente nei nostri polmoni, possono causare danni gravi e irreversibili ai nostri tessuti e al cuore. Quello che vogliamo dal purificatore d’aria è avere una velocità di erogazione del flusso d’aria decente con almeno 200 CFM. Più veloce è la velocità del flusso d’aria, più sostanze chimiche nocive verranno assorbite riducendo così il volume di esposizione. Giudicheremo il purificatore d’aria chimico in base alla flessibilità del flusso d’aria in uscita, all’area applicabile e alla categoria di prezzo in cui si trova. La priorità sarà data ai modelli con un’uscita di filtrazione eccezionalmente elevata.

Filtro a carbone attivo

I prodotti chimici hanno particelle di dimensioni e peso diversi e alcuni sono notoriamente difficili da trattare. Diversi filtri a carboni attivi hanno diversi gradi di filtrazione contro particelle di gas e odori. Quello che vogliamo dal purificatore d’aria è un filtro a carbone ad alta filtrazione che gestisca prodotti chimici domestici, COV, odori di cucina in modo rapido ed efficace indipendentemente dai tipi di sostanze chimiche. Anche il filtro a carbone dedicato / autonomo è desiderabile.

Filtro per prodotti chimici specializzati

I prodotti chimici hanno dimensioni e peso delle particelle complesse e sono noti da trattare. Pertanto, diversi filtri a carbone attivo hanno un grado di filtrazione diverso contro particelle di gas e odori. Un carbonio di qualità superiore non userebbe colla o solvente per trattenere il filtro in quanto potrebbe rilasciare sostanze chimiche. Questo è ciò che vogliamo e sceglieremo un purificatore d’aria che abbia il miglior filtro al carbone per trattare i prodotti chimici domestici, ad es. COV, formaldeide, fumo di tabacco. Un filtro a carbone dedicato / autonomo è desiderabile mentre un foglio impregnato di carbone no.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *