Come migliorare l’isolamento termico della casa

Se si desidera ridurre le emissioni di carbonio e mantenere basse le bollette energetiche, l’installazione di isolamento o protezione dalle correnti d’aria ridurrà la perdita di calore. Esistono molti modi semplici ma efficaci per isolare la tua casa, che possono ridurre significativamente la perdita di calore e abbassare le bollette del riscaldamento. Anche piccoli accorgimenti in casa possono portare a risparmi significativi nelle bollette energetiche. Ad esempio, dotare il bollitore dell’acqua calda di una giacca isolante ti farà risparmiare 18 euro all’anno sui costi e 110 kg di emissioni di anidride carbonica. Sia che tu stia cercando vittorie rapide intorno alla tua casa o un professionista per installare l’isolamento, i suggerimenti di seguito ti aiuteranno a mantenere una temperatura costante nella tua casa.

  1. Finestre

Potresti amare le finestre della tua casa, ma potresti amarle di meno quando ti rendi conto che aumentano la bolletta del riscaldamento e del raffreddamento dal 10 al 25% percento ogni estate e inverno. Se si dispone di finestre con telaio in legno, controllare i loro telai per danni e, se necessario, riempire eventuali spazi vuoti con stucco per legno o calafataggio.

Se hai finestre in alluminio, puoi aggiungere paraspifferi per un migliore isolamento della tua casa. Puoi anche applicare la pellicola per finestre all’interno delle tue finestre. La pellicola per finestre riduce la quantità di luce e calore consentita in casa attraverso le finestre. Le case con pellicole per finestre a bassa emissione riducono del 75% la quantità di calore consentita in casa.

Persiane bianche, tende o guarnizioni di tenuta possono essere utilizzate per aumentare l’isolamento delle finestre e possono essere personalizzate per adattarsi bene alla maggior parte degli arredi domestici. Se non hai intenzione di isolare tutte le finestre, concentrati sulle finestre rivolte a sud della tua casa.

  1. Spazi delle porte

Il calore può anche fuoriuscire attraverso le fessure delle porte, specialmente nella parte inferiore delle porte. I paraspifferi a spazzola della porta inferiore sono semplici da usare, discreti ed efficaci nel prevenire la perdita di calore. I paraspifferi delle porte in materiale sono più divertenti da guardare, ma possono intralciare un po’.

  1. Soffitta

Con l’aumento del calore, uno dei principali “punti caldi” in cui fuoriesce è attraverso il tetto. I metodi di isolamento tradizionali per un sottotetto sono l’isolamento sfuso e in batuffolo. Prima di scegliere uno di questi tipi di isolamento domestico, l’attico deve essere prima sigillato all’aria. Ciò significa utilizzare una scatola ben costruita per coprire gli alloggiamenti dei ventilatori sul lato della soffitta di un condotto.

Implica anche la copertura di aperture come controsoffitti, intradossi e paratie con compensato e sigillandole verso il lato della soffitta del soffitto. L’isolamento a riempimento sfuso è più economico del batuffolo e, se fatto correttamente, il riempimento sfuso può fornire una copertura migliore.

Se hai un isolamento in vermiculite nella tua soffitta, c’è il rischio che contenga amianto. Non disturbarlo e invece assumi un appaltatore di isolamento per gestirlo. Il riempimento allentato viene generalmente soffiato nell’attico sopra i travetti del soffitto da un esperto, mentre è possibile posizionare i batuffoli, che sono fogli di fibra di lana minerale, in uno schema incrociato tra i travetti, se te la senti.

  1. Pareti

L’isolamento delle pareti è diverso tra il telaio in legno e le pareti con telaio in mattoni pieni. L’isolamento delle pareti del telaio in legno utilizza riempimento sfuso o schiuma spruzzata, che viene soffiata nella cavità del muro tramite fori praticati nel muro a secco o nel raccordo.

Poiché una cavità di un muro di mattoni pieni è spesso di 25 mm e quindi un riempimento troppo piccolo per ottenere vantaggi di isolamento, un professionista deve creare una cavità. Sul lato interno del muro viene costruito un nuovo muro con intercapedine, mentre all’esterno del muro vengono applicati pannelli e nuovi rivestimenti.

  1. Seminterrato

L’isolamento del seminterrato è vantaggioso ma anche un po’ controverso poiché ci sono molti fattori che lo influenzano. Il risparmio energetico e il risparmio sui costi dipendono dal clima locale e dal tipo di impianto di riscaldamento di cui si dispone.

Dopo aver verificato se isolare il tuo seminterrato è la cosa giusta per te e la tua casa, puoi decidere se isolare le pareti o il soffitto. L’isolamento delle pareti è più semplice e più comune e include un isolamento rigido, come il polistirene estruso o la fibra di vetro rigida da installare all’esterno delle pareti. L’isolamento del soffitto è un isolamento interno. Può essere costoso a seconda del materiale con cui lavori.

Come stimare il tuo risparmio

Per la maggior parte dei proprietari di case, l’installazione di un nuovo isolamento termico significa ridurre significativamente le bollette e risparmiare denaro a lungo termine. Ma può anche riguardare il comfort e la consapevolezza ambientale.

Ma come si calcola il risparmio energetico di un particolare aggiornamento dell’isolamento? Come puoi effettivamente calcolare il ritorno sull’investimento dei tuoi aggiornamenti di risparmio energetico? Poiché il consumo energetico può variare nel corso dell’anno, oltre che da un anno all’altro, può essere difficile ottenere una stima percentuale sul risparmio energetico.

Se stai isolando una casa che ha poco o nessun isolamento, noterai sicuramente importanti riduzioni dei costi energetici – circa il 25% – 30% dopo l’isolamento di un sottotetto e il 30 – 35% dopo l’isolamento delle pareti. È possibile utilizzare questi numeri approssimativi per stimare i risparmi sui costi che si otterrebbero dopo l’installazione dell’isolamento.

Tuttavia, ogni casa e il suo attuale livello di isolamento sono unici. Questi numeri possono variare notevolmente a seconda della casa e della qualità dell’isolamento utilizzato. Sebbene sia difficile ottenere un numero specifico sul risparmio energetico prima di installare l’isolamento, è possibile avere un’idea migliore del risparmio energetico dell’installazione dell’isolamento dopo aver confrontato alcune bollette post-isolamento.

Confronto del consumo energetico attuale con le vecchie bollette

Il primo passo per calcolare i tuoi risparmi energetici è dare un’occhiata alla bolletta e scoprire quanto calore hai utilizzato nell’anno prima dell’installazione dell’isolamento. Tutto il calore che hai usato l’anno scorso è dovuto uscire da casa tua in qualche modo. Potrebbe essere uscito dal tetto, dalle finestre, dai muri, dalle porte o dagli spazi vuoti.

Dopo aver effettuato l’isolamento per un anno, confronta il consumo dell’anno precedente con il consumo dell’anno più recente per ottenere una stima approssimativa dei risparmi energetici derivanti dall’aggiornamento dell’isolamento.

Questo è sicuramente più facile per chi ha la bolletta del gas, dove tutto il tuo consumo di gas andrà generalmente al riscaldamento (e forse allo scaldabagno). A questo punto, puoi prendere il costo totale dell’installazione di isolamento e dividerlo per la differenza tra il costo del consumo energetico dell’anno precedente e il consumo energetico dell’anno più recente. Questo produce il numero di anni che ci vorranno per iniziare a vedere un ritorno sul tuo investimento.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *