Come prevenire l’incendio di una stufa?

Portatili e semplici da usare, i riscaldatori per ambienti sono diventati una delle scelte migliori per riscaldare una casa o un edificio occupato durante la gelida stagione fredda che affligge sia l’emisfero settentrionale che quello meridionale del mondo. Con la maggior parte dei paesi che si affidano a qualche forma di riscaldamento per mantenere i propri cittadini caldi e accoglienti durante una tempesta di neve particolarmente brutta o addirittura una tempesta di neve, i riscaldatori per ambienti sono diventati molto diffusi nel fornire calore in spazi chiusi o persino in aree esterne.

Design, modelli, forme e dimensioni variabili hanno anche reso i riscaldatori di spazio molto ricercati in base alle preferenze personali di un individuo per la scelta di un dispositivo specifico per stare al caldo. I riscaldatori per ambienti generalmente si dividono in tre categorie principali: convettivi, radianti e una combinazione tra i due tipi di cui sopra.

Ogni tipo è unico nel modo in cui genera e fornisce calore, sebbene il suo scopo vitale rimanga lo stesso. La maggior parte dei riscaldatori funziona tra 600 e 1500 Watt (W) in termini di potenza. Le unità più grandi possono persino consumare fino a 6000 W, ma un riscaldatore di queste dimensioni e potenza viene spesso utilizzato per riscaldare aree più grandi come padiglioni, stalle o fienili.

Tuttavia, il consumo più massiccio di energia da parte di un riscaldatore d’ambiente lo espone a un rischio maggiore di surriscaldamento e persino di incendi. La maggior parte degli incendi domestici è dovuta a qualche forma di dispositivo di riscaldamento, il principale responsabile sono i riscaldatori di ambienti.

Ciò mostra chiaramente che i riscaldatori d’ambiente possono rappresentare un grave rischio di incendio, principalmente se utilizzati in modo non sicuro o utilizzati, installati o mantenuti in modo non corretto.

Quali sono le cause degli incendi di una stufa?

L’errore umano sembra essere il fattore clamoroso nella maggior parte degli incendi delle stufe. La tendenza delle persone a utilizzare in modo improprio il proprio riscaldatore o a configurarlo in modo errato, o addirittura a non eseguire la manutenzione regolare dell’unità di riscaldamento, è semplicemente la punta di un enorme iceberg di fattori che delineano i difetti nell’utilizzo del riscaldatore per ambienti.

In alcuni casi, le persone scelgono semplicemente di ignorare i difetti tecnici del proprio dispositivo e tentano di risolvere il problema da sole senza la guida o l’esperienza adeguate per farlo.

Questi tentativi a metà di fornire una “soluzione rapida” al loro riscaldatore spesso aumentano il rischio che il loro dispositivo si trasformi in un pericolo di incendio e di conseguenza mettano in pericolo la vita di tutti coloro che si trovano nelle vicinanze.

Sebbene ciò non sia intenzionale nella maggior parte dei casi, è sempre consigliabile seguire le misure di sicurezza adeguate quando si utilizza la stufa.

Come puoi evitare che la tua stufa si trasformi in un pericolo di incendio?

Prevenire un incendio è sempre meglio che affrontarne uno frontalmente. Nel caso di stufe, che possono surriscaldarsi o danneggiarsi se utilizzate o installate correttamente, si consiglia di prendere in considerazione queste misure di sicurezza e metterle in atto per evitare che diventino un pericolo di incendio in un dato momento:

  1. Controllare il cavo di alimentazione e l’alimentatore

La prima cosa di cui devi prendere nota è l’alimentatore che alimenta la tua stufa, in questo caso la presa elettrica.

Cerca eventuali segni di carbonizzazione o danni alla presa. Se noti anche il minimo scolorimento, evita di collegare la stufa alla presa perché molto probabilmente ha un guasto tecnico e può trasformare il tuo dispositivo in un rischio sia di scosse che di incendio.

Guarda il tuo cavo di alimentazione o qualsiasi cablaggio che deriva dal tuo riscaldatore e prendi nota di eventuali segni di danni o rotture all’involucro di gomma avvolto attorno al cavo.

Inoltre, fai attenzione a eventuali segni di sfilacciamento del cavo e non toccare i fili scoperti senza guanti di gomma protettivi, soprattutto se il riscaldatore è collegato a una presa elettrica ed è acceso.

Evitare l’uso di strisce di prolunga quando si utilizza una stufa. Il riscaldatore d’ambiente medio consuma 1500 W di potenza e richiede 120 V di elettricità per funzionare, sebbene questa specifica vari da radiatore a riscaldatore.

Quando si collega una stufetta a una striscia di prolunga, si sovraccaricherà il pezzo, principalmente quando lo si utilizza anche per collegare altri dispositivi elettrici come il telefono cellulare, la stampante o persino il laptop.

Ciascuno di questi dispositivi si aggiunge al carico utile complessivo di elettricità richiesto per il funzionamento di uno strumento specifico nella striscia.

Poiché i riscaldatori d’ambiente consumano più energia, aggiungeranno una parte significativa al carico elettrico e sovraccaricheranno la prolunga, il che può provocare un cortocircuito o, peggio, un incendio, soprattutto se la prolunga non è dotata di un limitatore di sovratensione.

Pertanto, si consiglia vivamente di collegare la stufa direttamente a una presa elettrica ogni volta che si desidera utilizzarla per riscaldare la stanza.

  1. Acquista un riscaldatore per ambienti con una funzione di spegnimento automatico

La maggior parte dei riscaldatori d’ambiente moderni è dotata di una funzione di spegnimento automatico che si attiva ogni volta che il dispositivo si guasta o si surriscalda.

In questo caso, il termostato situato all’interno della stufa rileverà eventuali anomalie che influiscono sul funzionamento ottimale del dispositivo e avviserà i sensori integrati forniti con l’unità.

Questi sensori avvieranno quindi una serie di processi di spegnimento per preservare i meccanismi interni della stufa da ulteriori danni.

Un riscaldatore d’ambiente che non dispone di questa caratteristica di sicurezza è una responsabilità significativa di fronte a un guasto interno o addirittura a una circostanza che causa il surriscaldamento incontrollato del dispositivo.

Un riscaldatore per ambienti che non è in grado di spegnersi da solo non solo danneggia irreparabilmente i suoi componenti interni, ma può anche esplodere o prendere fuoco.

Per evitare che questa possibilità si trasformi in un’eventualità, selezionare un riscaldatore d’ambiente dotato di una funzione di sicurezza per lo spegnimento automatico.

Anche se il prezzo di un riscaldatore vecchio stile della concorrenza che non ha questa caratteristica tenta il tuo portafoglio, tieni duro e scegli un riscaldatore più moderno con le funzioni di sicurezza appropriate.

  1. Acquista una stufa con funzione antiribaltamento

Quando entri per la prima volta nei negozi alla ricerca della stufa perfetta che si adatti alle esigenze della tua casa e della tua famiglia, opta sempre per un modello che abbia un baricentro più basso.

Evita le stufe con design alto o sottile perché potrebbero ribaltarsi facilmente e avere anche un baricentro più alto. Preferisci sempre la funzione e lo scopo piuttosto che la bellezza e l’estetica quando si tratta di scegliere una stufa.

Alcuni dispositivi sono dotati di una funzione antiribaltamento che impedisce il ribaltamento della stufa, anche se viene accidentalmente urtata o posizionata su una superficie non piana.

Prendi l’abitudine di informarti anche sulle specifiche e le caratteristiche di sicurezza della tua stufa. Assicurarsi che l’unità selezionata abbia il timbro o l’adesivo di approvazione di un ente certificatore con l’approvazione del controllo di qualità (QC). Ciò riduce le possibilità che tu acquisti un prodotto difettoso per errore.

Un riscaldatore per ambienti che non deve soddisfare alcuna forma di approvazione rappresenta un rischio enorme poiché non si sa quando la stufa potrebbe non funzionare correttamente o se esploderà in un’ardente conflagrazione di plastica e metallo, se lo fa.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *