Come pulire l’aria con un purificatore d’aria

A casa, la ventilazione può fare un lavoro decente nel mantenere l’aria interna priva di inquinanti. Il problema è che permettere l’aria dall’esterno introduce alcuni inquinanti: ad esempio, fumo di tabacco, gas di scarico dell’auto o fumo di incendi. Qual è il modo migliore per sbarazzarsi degli inquinanti al chiuso? Gli esperti concordano sul fatto che i purificatori d’aria potrebbero aiutare a sbarazzarsi di contaminanti interni, specialmente quando il controllo della fonte o le opzioni di ventilazione sono insufficienti. Se non hai mai usato prima un purificatore d’aria, probabilmente hai qualche domanda.

  1. Tenerlo lontano dalle pareti

Se è la prima volta che acquisti un purificatore d’aria (ne puoi trovare di ottimi qui), probabilmente ti starai chiedendo, qual è la posizione migliore per posizionare un purificatore? Devi sapere che la posizione del tuo purificatore d’aria è molto importante. La maggior parte dei purificatori d’aria ha prese d’aria frontali e prese d’aria laterali con l’uscita nella parte superiore. È fondamentale assicurarsi che la posizione scelta per il purificatore non contenga oggetti che bloccano le prese o l’uscita dell’aria.

Posiziona il purificatore d’aria ad almeno 15 cm dall’oggetto più vicino, comprese le pareti. Senza oggetti che bloccano l’aspirazione e l’uscita dell’aria, il purificatore può aspirare più aria. In questo modo, può intrappolare e rimuovere allergeni e microrganismi prima di distribuire aria fresca e pulita nella stanza. È essenziale posizionare il purificatore su una superficie piana come il pavimento, il comò o il tavolo.

Che si tratti di un supporto o di ruote piroettanti, una superficie piana fornisce stabilità e garantisce prestazioni migliori. Oltre a non avere oggetti che bloccano il purificatore, la posizione migliore non dovrebbe essere umida. Gli esperti raccomandano che la stanza abbia un’umidità relativa inferiore all’85%. Evitare di posizionare il purificatore d’aria all’aperto.

  1. Tenere chiuse porte e finestre

I purificatori d’aria sono per uso interno. È essenziale tenere chiuse le finestre e le porte. Come detto in precedenza, la ventilazione può aiutare a rimuovere l’aria viziata e le sostanze inquinanti all’interno. Ma può introdurre nuovi inquinanti all’interno, come il fumo di incendi e gli scarichi delle auto, o rimuovere l’aria pulita distribuita dal depuratore.

Devi sapere che i depuratori d’aria funzionano meglio in spazi chiusi. In quanto tali, possono intrappolare e rimuovere allergeni e microrganismi nello spazio ristretto in modo più rapido ed efficiente. Distribuiscono anche aria fresca e pulita nello spazio ristretto per il tuo divertimento e la tua famiglia. Se devi aprire le finestre, assicurati che il purificatore pulisca l’aria in un’altra stanza.

  1. Tienilo sempre acceso

Si consiglia di utilizzare un purificatore d’aria 24 ore su 24, 7 giorni su 7 a velocità inferiori. La maggior parte dei purificatori d’aria ha una funzione di modalità automatica. Questa funzione funziona insieme al sistema di qualità dell’aria.

Se i sensori di qualità dell’aria rilevano un aumento del livello di inquinanti nell’aria, il purificatore funzionerà alla massima velocità. La maggior parte dei purificatori ha da 1 a 3 velocità della ventola. Selezionando la velocità della ventola più alta, il purificatore pulisce la stanza più velocemente.

Il sistema di qualità dell’aria monitora continuamente la qualità dell’aria. Se non rileva inquinanti nell’aria, imposterà il purificatore alla velocità più bassa. A questa velocità, il purificatore d’aria funzionerà in modo silenzioso. Consumerà anche meno energia, a differenza della massima velocità della ventola. Consumando meno energia, ti fa risparmiare sui costi energetici.

  1. Manutenere i filtri regolarmente

I sistemi di filtrazione più comuni presenti nei moderni purificatori d’aria hanno da due a cinque filtri. Includono più pre-filtri, filtri HEPA H13 di grado medico o vero e filtri a carbone attivo. Se il purificatore d’aria ha un prefiltro lavabile, puoi gettarlo nella lavatrice almeno due volte al mese o dopo ogni dieci giorni. Puoi anche passare l’aspirapolvere secondo le istruzioni del produttore.

Sebbene i filtri forniscano un servizio eccellente per intrappolare gli inquinanti, hanno una durata breve. La maggior parte dei filtri ha una durata da 6 a 12 mesi, ma dipende dall’utilizzo. Se intasati, avranno un’efficienza bassa. Per sapere quando sostituire un filtro, controllare l’indicatore di stato del filtro. Se diventa rosso, sostituire il filtro seguendo le istruzioni del produttore. Dopo la sostituzione, ripristinare l’indicatore di stato del filtro.

Per mantenere pulito il corpo del purificatore, rimuovi la polvere e i detriti con un panno in microfibra. Evita di usare un panno umido.

  1. Tenere pulito il sensore della polvere (se presente)

Molti purificatori d’aria sono dotati di un sensore di polvere integrato. Questo sensore funziona monitorando la qualità dell’aria interna. Se il sensore rileva un aumento del livello di polvere e altri inquinanti, fa funzionare il purificatore alla massima velocità della ventola. A causa della sua sensibilità, l’obiettivo del sensore di polvere viene coperto di polvere e detriti.

In estate, quando l’inquinamento è elevato, pulire il sensore di polvere almeno due volte al mese. Per i giorni in cui l’inquinamento è basso, puliscilo una volta al mese. La mancata pulizia del sensore della polvere ridurrà le prestazioni del purificatore. Non sarà in grado di rilevare il livello di inquinanti nell’aria. In quanto tale, l’unità non funzionerà in modalità automatica, pulendo l’aria in modo efficiente. Oltre a pulire il sensore di polvere, mantenerlo asciutto.

  1. Utilizzare ventole extra per aumentare la circolazione dell’aria

Ogni purificatore d’aria ha una portata di aria pulita, una copertura della stanza e una specifica del tasso di ricambio dell’aria. Ciò dipende principalmente dal numero e dal tipo di filtri. Ad esempio, un purificatore portatile con un prefiltro, un vero filtro HEPA, un filtro a carboni attivi e da due a tre velocità è ideale per le piccole stanze.

Potresti imbatterti in modelli con più filtri che includono un prefiltro, due HEPA e filtri a carbone attivo. Tali unità (modelli da parete o da pavimento) possono avere da tre a cinque velocità di ventilazione. In quanto tali, sono ideali per stanze di grandi dimensioni.

Sebbene i purificatori d’aria lavorino duramente per pulire l’aria interna ed eliminare i contaminanti, alcune aree potrebbero non godere di questo vantaggio. Questo è vero intorno agli angoli bloccati da oggetti come vasi di fiori e cassettiere. Per garantire che tutta l’aria nella stanza venga trattata dal purificatore, sono necessarie ventole aggiuntive.

Posizionare le ventole nelle aree in cui l’efficienza di pulizia del purificatore non raggiunge. Questi ventilatori soffieranno l’aria non filtrata verso il purificatore e assicureranno che tutta l’aria venga pulita.

  1. Pratica comune (cose da fare / da non fare)

Prima di pulire il purificatore o sostituire i filtri, scollegarlo dalla presa di corrente. In caso contrario, l’unità potrebbe fulminarti mentre la mantieni.

La maggior parte dei purificatori d’aria dispone della funzione blocco bambini / blocco animali domestici. Quando sei lontano da casa, assicurati di attivare questa funzione. Aiuta a garantire che i tuoi bambini o animali domestici non manomettano le impostazioni. A casa, sorveglia i tuoi figli per assicurarti che non giochino con il purificatore.

Evitare di posizionare oggetti come libri, vasi e altri sopra l’unità. Non solo bloccherai l’uscita dell’aria che distribuisce l’aria pulita nella stanza. Ma l’oggetto può premere diversi controlli e modificare le prestazioni dell’unità. Inoltre, l’oggetto può introdurre oggetti estranei attraverso l’uscita.

Dai un’occhiata ai modelli di purificatore d’aria con il miglior rapporto qualità / prezzo qui.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *