Come risolvere il problema della condensa

L’aria contiene umidità. Le attività quotidiane come cucinare, lavare e asciugare i vestiti, riscaldare e persino respirare producono vapore acqueo. La temperatura dell’aria determina la quantità di umidità che può trattenere e l’aria calda contiene più umidità dell’aria fredda. Quando aria calda e umida viene a contatto sia con una superficie o con aria che è più fredda, l’aria calda è in grado di mantenere la stessa quantità di umidità e l’acqua viene rilasciata sia nell’aria fredda o su una superficie fredda, provocando la formazione di condensa, seguita rapidamente dalla formazione di muffa.

I tre fattori che influenzano la formazione di condensa

Quando si affronta il problema della condensa, i tre problemi che vengono solitamente considerati sono:

  • temperatura, sia dell’aria che delle superfici interne;
  • ventilazione, come l’aria umida fuoriesce dall’edificio e / o l’aria cambia all’interno di un edificio;
  • isolamento termico, di superfici e / o spazi all’interno di un edificio.

Il problema più comune è quando un occupante crea aria calda e umida che non fuoriesce dalla proprietà abbastanza velocemente, causando problemi di condensa e muffa. Lo scenario di cui sopra è probabilmente abbastanza comune ma la soluzione è abbastanza semplice.

Quando hai finito in bagno la finestra dovrebbe essere aperta e la porta dovrebbe essere chiusa. Ciò significa che l’aria calda e umida dovrebbe fuoriuscire dalla finestra. Naturalmente, se si dispone di un aspiratore montato, questo dovrebbe essere acceso per favorire l’evacuazione dell’aria calda e umida. Tutti i bagni, le docce e le cucine, infatti, dovrebbero essere dotati di aspiratori (opportunamente posizionati) in modo che l’aria umida venga espulsa velocemente.

Nelle cucine la cottura può portare a un’eccessiva umidità nell’atmosfera. Se nessuna delle finestre è aperta e non c’è alcun estrattore d’aria in uso quando questa aria calda e umida incontra le pareti esterne e le finestre dell’appartamento diventa condensa. Se l’occupante non asciugato l’umidità, questa diventa muffa e si crea un serio problema di muffa sulle pareti esterne e sulle finestre. Lo stile di vita dell’occupante è chiaramente un fattore importante se non la causa del problema.

Un problema serio che dobbiamo affrontare oggi è che molte case vengono isolate e sigillate a un livello che non era noto o addirittura possibile in precedenza. Ciò significa che i cambi d’aria all’interno di una proprietà sono ridotti e di conseguenza l’aria calda e umida non fuoriesce così rapidamente e il rischio di un problema di condensa aumenta in modo significativo. L’introduzione di aspiratori in cucina e in bagno e il consiglio di aprire le finestre appena rientrati a casa spesso risolvono il problema.

Soluzione 1: Riscaldamento

Prima ho accennato ai tre fattori che possono influenzare le cose. Il primo di questi è il riscaldamento. È importante assicurarsi che una proprietà abbia un sistema di riscaldamento affidabile. Il punto di rugiada è il punto in cui la temperatura dell’aria cambia in modo tale che l’aria non può più trattenere l’umidità come vapore e deve rilasciarla.

La temperatura effettiva varierà a seconda di una serie di fattori. Tuttavia, se le temperature all’interno di una proprietà fluttuano considerevolmente durante un dato giorno o per un periodo, il rischio di raggiungere il punto di rugiada aumenta. Se la temperatura è più costante e mantenuta al di sopra del punto di rugiada, il rischio di condensa viene generalmente eliminato.

Pertanto, mantenere una temperatura abbastanza costante in una proprietà è forse il modo migliore per evitare la condensa. Tuttavia, quando la temperatura dell’aria aumenta, può trattenere più umidità e aumenta il rischio di condensa. Come regola generale mantenere il riscaldamento sempre acceso, ma basso: si pensa che un intervallo di temperatura sensibile dovrebbe essere intorno ai 10-20 ° C.

Naturalmente, questo si riferisce alla temperatura dell’aria e ho già detto che la temperatura superficiale può avere un ruolo importante in alcuni edifici. Questo è certamente il caso di alcuni materiali o elementi all’interno di un edificio. Se la temperatura di alcune superfici è particolarmente fredda, rimane il rischio di condensa. In alcuni edifici può essere semplice fornire l’isolamento, ma non è sempre facile, è spesso costoso e quindi non è un’opzione.

Le finestre negli edifici più vecchi sono a vetro singolo e potrebbero essere un punto freddo e quindi soggette a condensa. I doppi vetri sono un’opzione per molti edifici e possono effettivamente aumentare la temperatura del vetro ma non escludono completamente il rischio di condensa perché il vetro stesso è un materiale relativamente freddo. Con edifici storici e storici, l’installazione di doppi vetri potrebbe non essere un’opzione appropriata e potrebbe non essere consentita.

In alternativa, la vetratura secondaria può fornire un miglioramento in termini di riduzione della perdita di calore. Per molti versi i vetri secondari possono essere più efficienti dei doppi vetri perché l’intera apertura della finestra è coperta da un secondo strato di vetro e non solo dai vetri stessi. L’unico svantaggio dei vetri doppi o secondari è che le correnti d’aria sono ridotte, riducendo così il numero di ricambi d’aria nella proprietà. Detto questo, il vantaggio della vetratura secondaria è che può essere rimossa quando non è necessaria, ad es. durante i mesi estivi.

Soluzione 2: Ventilazione

La prossima questione da considerare è la ventilazione. Questa è forse la questione più importante da considerare quando si valuta la condensa. A volte ricordo ai clienti che desiderano tenere le loro case sigillate, che i granai non soffrono di condensa perché sono spazi aperti pieni di correnti d’aria con molta circolazione d’aria. Ho già discusso dell’uso degli estrattori e dell’apertura delle finestre. Questi sono metodi abbastanza semplici e relativamente economici con cui una proprietà può essere ventilata.

È importante utilizzarli per creare circolazione d’aria e quindi ricambi d’aria, che aiuteranno a rimuovere l’aria calda e umida. Altre semplici cose da considerare includono la regolare apertura degli armadi (in particolare i guardaroba) all’aria interna e lo spostamento dei mobili lontano dalle pareti. L’obiettivo è evitare le aree in cui l’aria può rimanere intrappolata. Come accennato in precedenza, evitare di asciugare i vestiti all’interno ove possibile, non aggiungere ai livelli di umidità inutilmente.

Con un edificio moderno, progettato per mantenere il calore e ridurre al minimo la perdita di calore, c’è un problema intrinseco di mancanza di ricambio d’aria. Per questo motivo negli ultimi anni sono stati sviluppati numerosi sistemi per garantire che l’edificio abbia una fornitura costante di aria fresca in entrata e di ricambio d’aria in generale. Certamente, con gli edifici moderni i sistemi di riscaldamento e ventilazione di tutta la casa sono sempre più comuni. Questi possono funzionare bene ma dovranno essere adeguatamente manutenuti.

Soluzione 3: Isolamento termico

Ho già accennato alla questione dell’isolamento. La maggior parte dei proprietari di case è ben consapevole della necessità di isolare i tetti. Sta diventando raro trovare una proprietà che non dispone di un adeguato o un certo livello di isolamento del tetto. Molto spesso vedo che l’isolamento è posato in modo non uniforme con gravi lacune in alcune aree. L’altro problema è che dove è rivestita una pendenza del tetto, spesso può esserci una ventilazione insufficiente nello spazio del tetto e la condensa si verifica nell’area sopra l’isolamento.

L’unica cosa che ho menzionato ma non discusso è l’isolamento superficiale dei muri. Si può isolare dall’esterno o dall’interno. L’isolamento esterno è più efficiente perché copre l’intera casa, supponendo che colleghi l’isolamento del tetto in modo che non vi siano spazi vuoti nell’isolamento della proprietà. Tuttavia, può essere costoso perché comporta molti cambiamenti all’esterno. Crea una nuova superficie muraria che va oltre la faccia dell’esistente e quindi dettagli come finestre e porte devono essere modificati così come la considerazione di questioni come le gronde del tetto.

L’applicazione di un sistema esterno è spesso molto più complicata della semplice applicazione dell’isolamento sulla faccia della parete. Tuttavia, se può essere installato, è spesso efficiente nel ridurre la perdita di calore. L’isolamento interno è forse leggermente più facile da installare perché può essere affrontato durante la ristrutturazione. Tuttavia, l’isolamento interno cambia anche lo spessore del muro e significa che potrebbe essere necessario modificare battiscopa, finestre e porte interne, ecc.

L’altro problema con l’isolamento interno è che ci sarà un numero di vuoti che vengono spesso dimenticati e non isolati. Qui mi riferisco specificamente ai vuoti del pavimento tra il piano terra e il primo piano e questi formeranno punti freddi all’interno dell’isolamento. Se stai considerando l’isolamento delle pareti la questione deve essere valutata adeguatamente in modo che il sistema una volta installato sia vantaggioso e non crei problemi.

L’altra cosa che richiede un’attenta considerazione è il tipo di prodotti isolanti. Se sono impermeabili, potrebbero causare umidità intrappolata, come già accennato. Tuttavia, esiste una gamma di prodotti permeabili che possono essere utilizzati e non dovrebbero creare problemi di umidità intrappolata.

Ci sono materiali all’interno di una struttura che possono agire come punti freddi; esempi includono architravi in ​​cemento su aperture di finestre e porte. A volte si riscontra condensa in tali aree ma non altrove. Potrebbe essere necessario considerare l’isolamento di alcune aree per ridurre i punti freddi. Ancora una volta, questo è qualcosa che deve essere attentamente considerato se esiste un problema del genere.

Un altro schema realizzato negli ultimi anni è l’isolamento delle intercapedini. Questo potrebbe essere l’argomento di un articolo a parte, ma per ora è importante notare che riempire un muro di intercapedine con qualsiasi cosa significa che non è più un muro di cavità ma un muro solido. Il rischio di trasferimento di umidità dall’esterno all’interno aumenta, ma ciò dipenderà dalla natura dell’isolamento della cavità e da come viene eseguito il lavoro.

Un altro problema è che alcuni materiali utilizzati per riempire le cavità perderanno i loro valori di isolamento se bagnati, mentre altri no. È stato riscontrato che in alcune località del paese l’isolamento delle intercapedini ha creato un problema di condensa. In quelle situazioni, l’isolamento della cavità doveva essere rimosso. In effetti, ci sono diverse aziende che hanno iniziato l’isolamento delle cavità ma sono diventate specialiste nella rimozione dell’isolamento delle cavità a causa di tali problemi.

Pertanto, l’isolamento della cavità deve essere valutato con molta attenzione da uno specialista che comprende i problemi e può specificare il prodotto e il metodo più appropriati, o anche essere pronto a sconsigliarlo. Sebbene il problema dell’isolamento delle intercapedini sia spesso considerato positivo, nella mia esperienza è meglio evitarlo. Sebbene ci possa essere qualche vantaggio in termini di migliore ritenzione termica, può essere controbilanciato dai problemi di umidità che può causare.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *