Come risparmiare sul riscaldamento autonomo?

Tutti vogliamo che il nostro riscaldamento mantenga le nostre case calde e accoglienti, ma sarebbe bello se non costasse un braccio e una gamba. È probabile che il tuo sistema di riscaldamento autonomo sia il più grande contributore alle bollette domestiche. Il che significa che c’è il potenziale per alcuni grandi risparmi. Segui i nostri migliori consigli per ottenere il meglio dal tuo sistema di riscaldamento – dalla manutenzione della caldaia e del radiatore ai controlli della caldaia – per trovare modi semplici per ridurre il consumo di energia e ottenere bollette energetiche più economiche.

  1. Fai effettuare la manutenzione alla tua caldaia

Prima che arrivi l’inverno, la tua caldaia ha bisogno di una buona manutenzione. Ciò garantirà che la caldaia funzioni in modo efficiente senza problemi o perdite, inoltre se si dispone di un filtro magnetico, è tempo di pulirlo. Potresti prendere in considerazione la manutenzione della tua caldaia durante le vacanze estive: i tecnici del riscaldamento tendono a essere molto occupati a settembre/ottobre quando le persone iniziano ad accendere il riscaldamento e scoprono che non funzionerà! Forse è meglio farlo riparare in tempo, in modo che se avremo un raffreddore in anticipo, saprai che il tuo riscaldamento funzionerà felicemente.

  1. Regola le impostazioni della caldaia

Ha chiaramente senso essere a conoscenza delle impostazioni della caldaia e abbassarle se possibile. Più basse sono le impostazioni, meno energia verrà utilizzata e più basse saranno le bollette. Le caldaie della maggior parte delle persone riscaldano sia il riscaldamento che l’acqua calda, quindi assicurati che siano abbastanza alte da svolgere il lavoro ma non superiori a quanto necessario. Abbassandoli di 1 grado si otterrà un notevole risparmio.

  1. Isola il tuo soppalco

Il calore aumenta. Se hai un soppalco in casa, isolare il tuo loft eviterà inutili perdite di calore. Isola il tuo loft secondo i requisiti di isolamento consigliati, attualmente intorno a 270 mm. Ciò manterrà le bollette basse mantenendo la casa calda. Se possibile, scopri in che altro modo puoi isolare la tua casa in preparazione per i mesi invernali a venire.

  1. Considera l’isolamento dell’intercapedine della parete

Vale la pena verificare se si dispone di un isolamento delle pareti intercapedine e, in caso contrario, richiedere un preventivo per l’installazione e chiedere all’installatore quale sarà il periodo di ammortamento. Molte case lo hanno già oggi, ma se la tua non lo fa, ridurrà l’importo che devi spendere per le bollette del riscaldamento. È lo stesso principio dell’isolamento del loft, isolando le pareti si riduce la quantità di calore persa attraverso di esse. È un’opzione semplice ma efficace, in particolare se hai una casa “fredda”.

  1. Risolvi le perdite dovute al tiraggio nella tua casa

Il più grande colpevole per il calore sfuggito sono le correnti d’aria. Ispeziona la tua casa per possibili perdite di corrente. Potrebbero essere sotto la porta, crepe vicino alle finestre, pavimenti in legno e così via. Ove possibile, correggere le perdite di tiraggio. È un’auto-manutenzione che puoi eseguire da solo in modo abbastanza economico: vai in qualsiasi negozio di fai da te e dirigiti verso i prodotti impermeabilizzanti e il mastice per decoratori: rimarrai sorpreso di quanto siano ragionevoli e di quanto siano semplici da adattare.

  1. Usa il tuo termostato per un riscaldamento efficiente

Il tuo riscaldamento autonomo non ha bisogno di funzionare costantemente a temperature elevate affinché la tua casa possa beneficiarne. Anche se può darti quella sensazione di caldo e caldo, la tua bolletta elettrica ne risentirà. È facile mettere un ponticello e abbassare il termostato di uno o due gradi invece di alzare il termostato del riscaldamento autonomo. Prova la temperatura minima accettabile di 18/19 gradi sul termostato per iniziare e aumentala di un grado alla volta per trovare la temperatura accettabile per te. In combinazione con questi altri suggerimenti potresti essere sorpreso dalla temperatura che ti fa sentire comodo e ancora più sorpreso quando vedi la tua prossima bolletta del riscaldamento! Ricorda che puoi sempre alzare il termostato per dieci minuti per dare una sferzata di calore alla casa. Ricorda solo di abbassarlo dopo che ha fatto il suo lavoro.

  1. Installa le valvole termostatiche del radiatore

Tutta la tua casa non ha bisogno di essere riscaldata allo stesso livello. Guarda l’installazione di valvole termostatiche per radiatori in ogni stanza della tua casa. Queste valvole per radiatori ti aiuteranno a regolare il flusso d’acqua ai tuoi radiatori che a loro volta ti aiuteranno a controllare la temperatura richiesta per ogni stanza.

Puoi pensare alla caldaia come alla centralina di controllo, che imposta la temperatura dell’acqua che riscalda i radiatori. Quello che fa una valvola termostatica è darti il ​​controllo individuale di ogni radiatore. Il quadrante permette di scegliere la temperatura ambiente intorno alla testa termostatica, questa a sua volta mantiene la temperatura ambiente. Il radiatore si accenderà e si spegnerà a un’impostazione più bassa e più efficiente, maggiore è l’impostazione, più caldo è il radiatore.

  1. Installa dei pannelli riflettenti

Puoi investire in pannelli riflettenti dietro i tuoi radiatori. Sebbene non siano estremamente attraenti, i pannelli riflettenti aiuteranno a riflettere il calore nella stanza che verrà altrimenti assorbito dalle pareti dietro i radiatori. Questi assicurano che quanto più possibile del calore che paghi entri nella tua stanza per tenerti caldo e comodo. Questi non dovrebbero essere realmente necessari se il radiatore è della dimensione corretta, tuttavia il riflettore avrà comunque un effetto positivo.

Ciò ti consente di mantenere il tuo soggiorno dove trascorri più tempo, più caldo della tua stanza degli ospiti vuota, che potrebbe semplicemente non essere utilizzata, ad esempio. Mantieni la temperatura a un livello che tenga il freddo lontano dalle stanze che non usi, ma quelle in cui vivi un po’ più calde per stare a tuo agio. Non è necessario che tutta la casa abbia sempre la stessa temperatura!

  1. Spurga i tuoi termosifoni

Assicurati che i tuoi radiatori siano pieni d’acqua e non parzialmente riempiti. L’aria sta essenzialmente sostituendo l’acqua calda che sarebbe necessaria per riscaldare il radiatore per essere efficace durante l’uso. Scopri come spurgare il tuo radiatore.

Alcune domande frequenti sull’argomento

È conveniente lasciare acceso il riscaldamento?

Tutto dipende dai controlli di riscaldamento che hai sul tuo sistema. È meglio abbassare il riscaldamento quando non sei in casa o di notte quando sei a letto, questa è chiamata temperatura di abbassamento. Spegnendo il riscaldamento, non incorrerete affatto in bolletta per il riscaldamento. Più alto e più a lungo hai il riscaldamento acceso, più ti costerà. Ti consigliamo di utilizzare i TRV per avere il giusto livello di calore in ogni stanza, il che farà risparmiare energia e che quando esci potresti abbassare il calore al minimo indispensabile per tenere il freddo lontano dalla casa.

Se hai il riscaldamento controllato tramite Wi-Fi, puoi riaccenderlo venti minuti prima di arrivare a casa per assicurarti che ci sia un calore accettabile in casa. In caso contrario e sai a che ora sarai a casa, imposta il riscaldamento in modo che si riaccenda un quarto d’ora prima di arrivare a casa. Riguarda il modo in cui gestisci le tue impostazioni: tieni acceso il riscaldamento quando ne hai bisogno e a un livello accettabile per te. Quindi, quando non è in uso, impostare la temperatura su un’impostazione “comfort” per evitare di utilizzare un’energia eccessiva quando si raggiunge la temperatura “in uso”.

È più economico lasciare il riscaldamento autonomo sempre basso?

In climi molto freddi potrebbe essere, ma se costantemente “acceso” l’impostazione potrebbe essere di 18-19 °C. Ti assicurerà di non avere congelamento di tubi. Ma in termini generali no. Dovresti sempre spegnere il riscaldamento se sai che non sarai a casa e impostare il timer per il riavvio del riscaldamento appena prima di tornare a casa.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *