Come scegliere il miglior umidificatore

Quando le temperature esterne precipitano e aumenti il ​​calore, il livello di umidità all’interno della tua casa può rapidamente passare da piacevole a secco. Un umidificatore può aiutare a prevenire o alleviare la pelle secca. Ma anche l’umidità eccessiva non fa bene: l’eccessiva umidificazione può favorire la crescita di muffe, batteri e acari della polvere. Vuoi ottenere il giusto equilibrio. Il livello di umidità ideale nella tua casa è compreso tra il 30 e il 50 percento. Nelle zone più fredde durante la stagione di riscaldamento, dovrebbe variare dal 30 al 40 percento per evitare la condensa delle finestre.

Ma con così tanti modelli disponibili, come fai a decidere quale umidificatore è giusto per la tua casa? I produttori in genere affermano che i loro umidificatori sono destinati a una dimensione o area specifica della stanza. Continua a leggere questo articolo per scoprire i diversi tipi di umidificatori disponibili, ottenere consigli su come scegliere un umidificatore per le dimensioni della tua stanza e imparare i fattori da considerare quando fai acquisti.

I vari tipi di umidificatori

Gli umidificatori da tavolo e da console (modello da pavimento) sono disponibili in nebbia calda, nebbia fredda o nebbia doppia, in grado di produrre nebbia calda e fredda. l prezzo degli umidificatori varia da 15 a 500 euro. Gli umidificatori dell’intera casa sono ideali se si dispone di un sistema di riscaldamento ad aria forzata e si desidera umidificare l’intera casa. Vengono inseriti nei condotti dell’aria e collegati alla rete idrica della tua casa, quindi di solito richiedono un’installazione professionale.

La maggior parte degli umidificatori venduti sono nebbia fredda. Se hai il raffreddore, un umidificatore a nebbia fredda può aiutare a ridurre il gonfiore nei passaggi nasali, rendendo più facile la respirazione. Ci sono due tipi di umidificatori a nebbia fredda: evaporativi e ad ultrasuoni.

I modelli evaporativi utilizzano una ventola per soffiare l’aria attraverso uno stoppino bagnato e l’aria si raffredda mentre raccoglie l’umidità dallo stoppino. Gli stoppini di ricambio costano circa 10 euro, a seconda del modello. Gli umidificatori a ultrasuoni utilizzano un nebulizzatore, che è un piccolo diaframma vibrante, per creare una nebbia fresca. Poiché non c’è la ventola, i modelli a ultrasuoni sono generalmente più silenziosi.

Gli umidificatori a nebbia calda, noti anche come vaporizzatori a vapore, sono in genere l’opzione più economica. Usano un elemento riscaldante per far bollire l’acqua e creare una nebbia calda, il che significa che usano più energia rispetto ai modelli a nebbia fredda. Ma quando la temperatura scende, potresti preferire avere una nebbia calda che scorre in casa invece di una fredda. I modelli a nebbia calda possono causare il gonfiore dei passaggi nasali e rendere più difficile la respirazione, e non dovrebbero essere usati per alleviare i sintomi del raffreddore.

Il miglior umidificatore per le dimensioni della tua stanza

Quando scegli il miglior umidificatore per il tuo spazio, considera le dimensioni del tuo spazio. Il tuo obiettivo è raggiungere il giusto livello di umidità: dovrebbe essere compreso tra il 30% e il 50%, secondo. Se non c’è abbastanza umidità  continuerai a provare i sintomi di mal di gola e naso chiuso; aggiungi troppa umidità e corri il rischio di favorire la crescita di batteri, acari della polvere e persino muffe.

Per determinare le dimensioni dell’umidificatore di cui hai bisogno, misura prima la metratura della stanza. Gli umidificatori vanno dagli umidificatori personali che possono umidificare fino a 3 metri quadrati, fino alle console per 100 metri quadrati o più. I piccoli umidificatori funzionano per stanze fino a 30 metri quadrati, gli umidificatori medi si adattano a spazi che vanno da 40 a 50 metri quadrati e le grandi varietà sono le migliori per spazi più grandi, oltre 50 metri quadri.

Per le stanze piccole e medie, gli umidificatori da tavolo sono l’opzione meno costosa, ma i loro piccoli serbatoi richiedono frequenti ricariche. Per i grandi spazi, i modelli di console sono i migliori perché generano molta aria umida e poiché hanno serbatoi d’acqua più grandi, hanno bisogno di meno ricariche. Ma a causa delle loro dimensioni e del loro peso quando sono pieni, possono essere difficili da manovrare.

Suggerimenti per l’acquisto di umidificatori

Pensa a dove andrà a finire. Potresti voler eludere il lavoro di capire l’umidificatore giusto per le dimensioni della tua stanza e ottenere solo l’umidificatore più grande disponibile. Non è una buona idea. Ti ritroverai con troppa umidità nell’aria, e questo può generare acari della polvere e muffe e innescare reazioni allergiche. Acquista solo l’umidificatore con l’uscita di umidità per ciò di cui hai bisogno.

Anche la facilità d’uso è importante. Desideri un umidificatore facile da spostare, che si tratti di un modello da tavolo o di un modello da pavimento. Con gli umidificatori evaporativi, controlla che lo stoppino sia semplice ed economico da sostituire; la frequenza con cui devi sostituirlo varia in base al modello e alla quantità di funzionamento dell’umidificatore. Cerca controlli intuitivi e visualizzazioni chiaramente visibili del livello di umidità e delle impostazioni.

Un umidostato aiuta. Quasi la metà degli umidificatori in commercio ha un umidostato che spegne l’unità quando raggiunge un livello di umidità impostato – la maggior parte sono umidificatori destinati a stanze di grandi dimensioni. Notiamo quali modelli hanno un umidostato. Se il tuo umidificatore non ne ha uno, acquista un igrometro (costa circa 10 euro) per monitorare i livelli di umidità della tua stanza.

Considera quanta pulizia è necessaria. Alcuni umidificatori sono più facili da pulire rispetto ad altri. In genere, è necessario scaricare, risciacquare e asciugare l’umidificatore quotidianamente; segui le istruzioni del produttore per la pulizia ordinaria. I batteri crescono in un ambiente umido, quindi è importante pulire l’umidificatore. Altrimenti, un umidificatore può rilasciare batteri dall’acqua stagnante nell’aria, causando potenzialmente sintomi simili a quelli, specialmente nelle persone che soffrono di asma o allergie.

Ulteriori informazioni utili

Gli umidificatori domestici di solito coprono un’area inferiore a quella dichiarata dal produttore, quindi acquista un umidificatore di dimensioni maggiori di quanto pensi di aver bisogno. Gli umidificatori aggiungeranno sicuramente umidità all’aria, ma potresti non essere in grado di raggiungere il livello di umidità che desideri raggiungere, ovvero dal 30 al 40% con un umidificatore di dimensioni corrette.

Sono molti i fattori che possono influenzare il livello di umidità raggiunto. Se lo usi per una stanza specifica e lasci la porta aperta, potresti scoprire che l’umidità che stai aggiungendo da essa la lascia per umidificare altre aree della casa. La velocità con cui esce dalla stanza dipenderà da quanto sono asciutte le parti adiacenti della casa.

Il motivo è che l’umidità nell’aria cerca sempre di equalizzarsi in ogni momento. Circola da alta pressione di vapore (alti livelli di umidità) a bassa pressione di vapore (bassi livelli di umidità). Pertanto, se i livelli di umidità dell’area adiacente sono alti, una quantità maggiore di umidità rimarrà nella stanza. Tuttavia, se il resto della casa è asciutto, scoprirai che una maggiore quantità di umidità fornita dall’umidificatore lascerà la stanza per aiutare a equalizzare l’umidità nel resto della casa. Quindi, lasciare la porta aperta o chiusa può avere un grande effetto sui livelli di umidità che puoi raggiungere e mantenere.

Un’umidità superiore al 50% incoraggia gli acari della polvere e livelli di umidità ancora più elevati incoraggiano la crescita delle spore della muffa. Il livello di umidità che si desidera ottenere dovrebbe variare con la temperatura esterna. Una semplice regola pratica è che come la temperatura dell’aria esterna diminuisce così dovrebbe essere l’umidità desiderata che si desidera raggiungere e mantenere.

Il motivo è che se continui a mantenere un certo livello di umidità al diminuire della temperatura dell’aria esterna, potresti notare una grande quantità di condensa che si forma sulle finestre. Questo perché il punto di rugiada rimane alto quando la temperatura superficiale delle finestre diminuisce, consentendo all’aria di condensarsi e rilasciare la sua umidità quando viene a contatto con la superficie più fredda della finestra. In alcuni casi, potresti voler mantenere un livello di umidità dal 25 al 30 percento solo quando fuori fa molto freddo.

Se nella tua casa è installato un addolcitore d’acqua, gli alti livelli di sodio nell’acqua creeranno polvere bianca se usati in qualsiasi umidificatore a ultrasuoni. Questo è il risultato del sale utilizzato nella maggior parte dei sistemi di addolcimento dell’acqua. Il sodio del sale non può essere rimosso dalle cartucce di demineralizzazione negli umidificatori ad ultrasuoni e il risultato è questa polvere bianca fine che appare su tutte le superfici della stanza.

L’acqua dura rappresenta un problema per tutti gli umidificatori e dovresti aspettarti che i filtri debbano essere cambiati più spesso. D’altra parte, l’acqua addolcita può ancora essere utilizzata negli umidificatori a nebbia fredda evaporativa ma non nell’umidificatore ad ultrasuoni a nebbia calda / fredda e fredda, poiché causerebbe la dispersione della polvere bianca a causa del sale utilizzato per ammorbidirla.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *