Come scegliere un ventilatore estrattore per il bagno

Una buona ventilazione è importante per tutta la casa, ma è vitale nelle aree che creano più umidità, come cucine e bagni. Senza un’adeguata ventilazione, i bagni possono essere soggetti a condensa, umidità e muffa nera. Se non viene trattata, l’umidità persistente nel bagno potrebbe diffondersi, portando a umidità in altre aree della casa. Un estrattore meccanico può essere un buon modo per rimuovere l’aria umida dal bagno, ma è importante scegliere quello giusto. Ecco quindi un’utile guida.

Un aspiratore da bagno non è un lusso, è un must. Un ventilatore per doccia rimuove l’umidità dall’aria in un bagno e nelle stanze con doccia per aiutare a prevenire la minaccia di umidità, che può altrimenti causare danni a lungo termine, soprattutto se il tuo bagno non ha una finestra esterna. Sono una soluzione semplice e in genere sono venduti in kit che contengono tutti gli elementi necessari per la tua comodità, piuttosto che acquistare gli articoli separatamente.

Modalità di attivazione della ventola aspirante

Tutti i ventilatori possono essere collegati al circuito di illuminazione, in modo che si accendano e si spengano con le luci o un interruttore remoto separato, consentendo loro di essere azionati in modo indipendente. Inoltre, gli estrattori hanno una gamma di opzioni di commutazione aggiuntive che si adattano a diverse applicazioni e requisiti. Molti ventilatori sono disponibili in tre versioni: Base, Timer e Umidostato, ma alcune gamme hanno anche versioni con cavo di trazione e PIR.

I modelli base sono azionati solo dalla luce o dall’interruttore remoto. I modelli con timer sono dotati di un timer che mantiene la ventola in funzione per un determinato periodo dopo lo spegnimento della luce o dell’interruttore remoto. Ciò garantisce che tutto il vapore sia stato estratto dal bagno. I sensori PIR (Passive Infra Red) azionano automaticamente l’aspiratore quando qualcuno entra nella stanza.

I ventilatori con umidostato si accenderanno automaticamente quando l’umidità nel bagno raggiunge un livello preimpostato e si spegneranno quando l’umidità torna al livello preimpostato. Questi sono ottimi nei bagni in cui le luci (e il ventilatore) non vengono sempre accese manualmente e sono apprezzati dai proprietari o in quelle installazioni in cui è necessario un ventilatore solo per estrarre il vapore.

La maggior parte degli aspiratori domestici aspirano circa 21 litri d’aria al secondo, il che è sufficiente per un bagno o una doccia di dimensioni medie. Per garantire che la stanza sia completamente ventilata, è una buona idea cercare un modello con un timer di over-run, che mantiene la ventola in funzione per un determinato periodo dopo averla spenta.

La durata precisa dell’over-run è normalmente configurata durante l’installazione, con la maggior parte delle ventole che offre un intervallo compreso tra 30 secondi e 30 minuti. Tanto vale tendere verso il secondo estremo della scala, dal momento che il costo è molto basso: in media un aspiratore da bagno tipico consuma circa 8 watt.

Rumore ed estetica

Le misurazioni del rumore espresse in decibel (dB) tipiche per gli aspiratori assiali da bagno variano tra 35dB (A) e 45dB (A) con i ventilatori centrifughi più potenti tra 40dB (A) e 55dB (A). Negli ultimi anni, tuttavia, la tendenza si è spostata verso livelli di decibel ancora più bassi.

Si prega di notare che i livelli di decibel indicati dai produttori sono presi “a 3 metri”: questo è lo standard del settore. Inoltre, queste misurazioni vengono effettuate in ambienti di test che potrebbero non necessariamente replicare l’installazione. Tieni inoltre presente che qualsiasi ventilatore attivato durante la notte, ad esempio da un richiamo alla natura, suonerà più forte che durante il giorno.

La maggior parte dei ventilatori è inoltre dotata di un otturatore a tiraggio posteriore per impedire l’ingresso di aria fredda dall’esterno. Lo svantaggio di questi è che le condizioni ventose possono far sbattere la persiana contro il muro; se la tua presa è esposta alle intemperie, potrebbe essere meglio lasciare semplicemente l’otturatore spento.

Ricorda inoltre che è probabile che tu veda questo ventilatore ogni volta che usi il bagno. I soldi che hai risparmiato al momento dell’acquisto saranno presto dimenticati, quindi non installare un brutto ventilatore solo perché è economico. I proprietari di case stanno spendendo di più per rendere belli i loro bagni con luci fantastiche e accessori originali e il design dei ventilatori è migliorato enormemente. La vecchia “scatola con griglie” viene lentamente sostituita da design a lamelle smussate che si adattano comodamente a qualsiasi estetica del bagno.

Tuttavia, l’aspiratore più discreto è ovviamente quello che non può essere visto! Un ventilatore “in linea” è così chiamato perché si trova al centro del condotto che scorre nel soppalco sopra il bagno. Un’estremità è canalizzata verso il mondo esterno, l’altra è canalizzata su una griglia discreta da 15 cm circa che si trova a filo del soffitto del bagno. La griglia a filo, quindi, è l’unica parte dell’intero sistema di aspirazione che effettivamente compare nel bagno!

Estrattori centrifughi

Nella tua ricerca potresti aver trovato il termine “ventilatore estrattore centrifugo”. Questo è un tipo speciale di ventilatore che utilizza un design della girante completamente diverso per generare pressioni dell’aria di scarico più elevate. In termini semplificati: l’aria vecchia / viziata / umida estratta dalla stanza viene spinta con maggiore forza lungo la canalizzazione verso il mondo esterno.

Ciò è particolarmente utile in situazioni in cui il ventilatore si trova alla fine di un lungo condotto, oltre i 10 metri, ad esempio in bagni interni, seminterrati o in suite. Mentre i ventilatori centrifughi e assiali utilizzano giranti di dimensioni costanti come 15 o 20 cm per installazioni domestiche, i ventilatori centrifughi sono più grandi dei ventilatori assiali. Tendono anche a sembrare “squadrati” poiché siedono necessariamente orgogliosi nel muro per accogliere la girante molto più profonda.

La velocità di estrazione dell’aria è misurata in “litri al secondo” (l/s) o “metri cubi all’ora” (mc h). Questa è la velocità con cui l’aspiratore rimuove l’aria quando è in funzione ed è uno dei fattori più vitali. I regolamenti edilizi dicono che un ventilatore deve estrarre non meno di 15 l/s in un bagno domestico standard, quindi la maggior parte dei modelli lo faranno. I bagni grandi o ben utilizzati potrebbero richiedere tassi di estrazione più elevati.

Estrazione intermittente vs. ventilazione continua

Nonostante i cambiamenti di tendenza negli ultimi anni, gli estrattori intermittenti sono ancora di gran lunga il tipo più comune di dispositivo di movimento dell’aria. L’estrazione intermittente è il movimento dell’aria in momenti specifici di bisogno quando l’aria è inquinata o piena di vapore acqueo, ad esempio quando qualcuno sta cucinando o facendo la doccia. Fondamentalmente, l’unità di ventilazione, manualmente o automaticamente, si accende e si spegne – non funziona sempre.

La ventilazione continua è diventata più popolare negli ultimi anni poiché i regolamenti edilizi, in alcuni Paesi, hanno richiesto un maggiore controllo sull’aria in entrata e in uscita dalle proprietà. In particolare, poiché gli edifici sono diventati meglio isolati e più a tenuta d’aria, nella spinta verso un utilizzo più efficiente dell’energia, soffrono più spesso di mancanza di aria fresca. Prima che i doppi vetri e la meccanica di precisione le correnti d’aria naturali mantenessero ventilati i nostri edifici e in assenza di questo movimento naturale di aria, si è passati sempre più alla ventilazione continua.

Ventilazione meccanica normale o a recupero di calore

Con la ventilazione meccanica a estrazione (MEV) ci si riferisce alle unità di estrazione che semplicemente espellono l’aria viziata (continuamente). Operando a basse portate comprese tra 50 m3c/h e 65 mc/h, le unità MEV mantengono il flusso d’aria attraverso una stanza o un edificio, agendo piuttosto come una piccola finestra. Alcune unità MEV possono passare a un’impostazione più potente, ad esempio fino a 80 mc/h, in momenti di richiesta specifica.

Ma la ventilazione meccanica a recupero di calore (MVHR) è sempre più popolare e l’industria della ventilazione sta investendo molto in questa tecnologia. Le unità MVHR utilizzano uno scambiatore di calore per riportare aria fresca calda nell’edificio al fine di sostituire l’aria calda riscaldata che è stata espulsa. I sistemi MVHR sono stati sviluppati per risolvere il problema causato dalla ventilazione continua: perdita di calore e spreco di energia.

Attualmente sono più comuni come unità di “Ventilazione di tutta la casa”, in cui un’unità centrale, solitamente piuttosto grande, con più punti di canalizzazione, aspira e sostituisce l’aria da più stanze. Tuttavia, con la crescita del settore, stiamo assistendo a più unità a estrattori reversibili per stanza singola che assomigliano molto di più agli estrattori tradizionali, ma con in più uno scambiatore di calore.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *