Cosa fare se la pressione della tua caldaia è troppo alta?

Un piccolo aumento della pressione è del tutto normale nel tuo sistema di riscaldamento, tuttavia, a volte un sistema può diventare eccessivamente pressurizzato. La pressione della caldaia può variare per diversi motivi. Se trovi che la pressione della tua caldaia è troppo alta, questa guida ti spiegherà come ridurla da solo e riportare la pressione alla sua impostazione corretta.

Controlla il manometro

Il primo punto di riferimento della pressione della caldaia dovrebbe essere il tuo manometro. Questo sarà sulla caldaia stessa e assumerà una delle due forme: un display analogico o un display digitale.

Un display analogico avrà l’aspetto di un quadrante di un orologio o di un tachimetro, con un ago che punta alla pressione. Avrà numeri intorno al bordo, ma dovrebbe anche avere una sorta di indicazione di dove si trova l’intervallo ideale, ad esempio un’area ombreggiata o due linee che segnano la pressione massima e minima.

Un indicatore digitale sarà di tipo LCD, LED o schermo e potrebbe essere multifunzione, cioè mostra altre informazioni come timer, temperature o se la caldaia sta servendo il riscaldamento o l’acqua calda. A volte è necessario premere un pulsante per scorrere le diverse misurazioni fino a raggiungere l’indicatore di pressione. Lo schermo potrebbe anche mostrare un messaggio di errore se la pressione lo ha fatto scattare. Controlla il manuale della tua caldaia per i dettagli.

Che pressione deve avere la mia caldaia?

La pressione della tua caldaia viene solitamente visualizzata sul manometro integrato e dovrebbe essere intorno al segno di 1 bar quando non stai facendo funzionare l’acqua calda e il riscaldamento non è acceso. Pertanto, 1 bar è un’impostazione a bassa pressione.

Quando il riscaldamento è acceso, la pressione della caldaia dovrebbe essere compresa tra 1,5 e 2 bar. La maggior parte delle caldaie evidenzierà quest’area in verde sul manometro, mostrando chiaramente che l’impostazione della pressione è corretta.

Una valvola limitatrice di pressione è in grado di controllare questo salto rilasciando automaticamente la pressione aggiuntiva dal sistema.

L’alta pressione della caldaia non è pericolosa, anche se mostra tre bar sul manometro. Nella maggior parte dei casi, la caldaia si spegnerà da sola se la pressione raggiunge un certo livello.

Perché la pressione della mia caldaia è troppo alta?

Una volta che la caldaia inizia a riscaldare l’acqua, l’acqua riscaldata si dilata e fa aumentare il manometro. Con un vaso di espansione, le caldaie sono ben impostate per controllare questi rapidi salti di pressione, quindi non devi preoccuparti se la caldaia mostra una pressione superiore a quella prevista quando utilizzi sia il riscaldamento centralizzato che l’acqua calda corrente.

Come ridurre la pressione della caldaia

Segui questi sei passaggi per ridurre la pressione della caldaia:

  1. Spegnere la caldaia e attendere che l’impianto di riscaldamento si raffreddi
  2. Individuare e controllare il manometro della caldaia
  3. Se è superiore a 2 bar, dovrai ridurre la pressione
  4. Assicurarsi che il circuito di riempimento o la valvola di sfiato siano ben chiusi
  5. Sfiatare i radiatori per rilasciare l’aria intrappolata dall’impianto di riscaldamento
  6. Verificare se la pressione della caldaia ritorna alla sua corretta impostazione

La pressione della caldaia è ancora troppo alta?

Se la pressione della caldaia continua a essere troppo alta, potrebbero esserci due problemi:

  • Il vaso di espansione necessita di ripressurizzazione.
  • Guasto al circuito di riempimento.

La pressione della caldaia è controllata dal vaso di espansione, l’equilibrio dell’aria rispetto all’acqua nell’impianto di riscaldamento centralizzato. Troppa poca aria nel vaso di espansione e la pressione potrebbe diventare troppo alta. con conseguente fuoriuscita di acqua dalla valvola limitatrice di pressione. Troppa aria potrebbe causare un sistema sovrapressurizzato, questo potrebbe anche comportare la fuoriuscita di acqua dalla valvola limitatrice di pressione. Ecco perché è importante che l’installatore risolva la causa dell’alta pressione della vostra caldaia.

Spurgare un radiatore

Oltre a rilasciare l’aria intrappolata nel sistema, è possibile eseguire anche lo spurgo per abbassare la pressione dell’acqua. Abbiamo scritto un articolo sullo spurgo dei radiatori ma, in sintesi, individua la valvola di spurgo su un radiatore, posiziona un secchio o una vasca sotto o accanto alla valvola e apri delicatamente la valvola. L’acqua schizzerà fuori, quindi dovresti proteggere anche la carta da parati e i tappeti nelle vicinanze. Spurgare un radiatore farà il lavoro, ma è molto lento, quindi uno dei metodi sopra è preferibile se disponibile.

Svitare un dado del radiatore

Questo è un lavoro più specialistico e dovrebbe essere tentato solo se nessuno dei precedenti è disponibile e sei un fai-da-te fiducioso. Posiziona un contenitore sotto un dado del radiatore che collega le tubazioni al radiatore e svita delicatamente il dado con una chiave. Otterrai un flusso molto più veloce rispetto al sanguinamento, quindi preparati per gli schizzi e preparati a stringere rapidamente il dado nel caso in cui sia necessario.

Prevenire il ritorno dell’alta pressione

Una volta che hai riportato la pressione all’intervallo normale, dovresti indagare perché è successo in primo luogo. Dai un’occhiata ai suggerimenti qui sotto.

Controllare il ciclo di riempimento

Il circuito di riempimento è il punto in cui l’acqua entra nel sistema dalla rete ed è costituito da due valvole. Quando entrambe le valvole sono aperte, il sistema fa entrare più acqua e la pressione aumenta. Un primo sospetto per l’alta pressione è che queste valvole vengono lasciate aperte accidentalmente. Girano di 90 gradi e se la maniglia è allineata con il tubo, significa che è aperta. Assicurati che siano entrambi chiusi: il tuo sistema fa circolare la sua acqua e raramente ha bisogno di rabbocchi.

A volte c’è una lunghezza di tubo staccabile che si collega alle due valvole nel circuito di riempimento, piuttosto che una tubazione permanente. Se è il tipo di tubo ad anello e il tubo non è collegato, puoi escludere che le valvole siano aperte poiché vedresti fuoriuscire acqua!

Riempimento eccessivo

È possibile che qualcuno in passato abbia reagito alla bassa pressione (ad esempio dopo aver spurgato i radiatori) aggiungendo altra acqua tramite il circuito di riempimento. Anche se questa è la cosa giusta da fare, le persone a volte la riempiono troppo per sbaglio.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *