Dove scaricare la condensa della caldaia a condensazione?

Nel caso in cui un installatore installi una caldaia nuova o sostitutiva, la condensa il tubo di scarico deve essere collegato a un “punto di scarico per gravità” interno come una pila di terra interna (metodo preferito), una cucina interna o un tubo di scarico del bagno come lavandino, lavabo, vasca da bagno o scarico della doccia. I tubi esterni dagli scarichi del lavandino o dalle prese della lavatrice dovrebbe avere un minimo di 30 mm diametro interno, coibentato con materiale impermeabile resistente ai raggi UV, terminato sotto la griglia ma sopra la linea di galleggiamento e con un adeguato scarico/coprifoglia.

Cos’è il tubo della condensa?

La maggior parte delle caldaie moderne sono caldaie a condensazione. Questi usare il gas come combustibile per condensare il vapore acqueo per creare calore. Si differenziano dalle caldaie della vecchia scuola che funzionavano creando gas caldi che passano attraverso un condensatore di calore per poi riscaldare l’acqua.

In effetti, la caldaia a condensazione interviene nella fase di “intermediario” per estrarre il calore latente o aggiuntivo dal gas di scarico. Il risultato è che le caldaie a condensazione sono notevolmente più efficienti.

Tuttavia, porta alcuni requisiti unici. La condensa (vapore) prodotta dalla caldaia è acida. Pertanto, ovunque sia presente la condensa, è necessario utilizzare i materiali giusti. Ad alte temperature, di solito si tratta di acciaio inossidabile o lega di alluminio. A temperature più basse (come con il tubo della condensa), la plastica può essere utilizzata poiché è la più economica.

Nel processo di condensazione vengono prodotte acque reflue. Questo deve uscire dalla caldaia e lo fa attraverso un piccolo tubo chiamato “tubo della condensa”. Questo di solito uscirà dietro la caldaia, attraverso la parete esterna, e si collegherà a uno scarico. Sarà fatto di plastica.

Pertanto, è facile identificare il tubo della condensa guardando sulla parete esterna dietro la caldaia e cercando il tubicino in plastica.

Cosa fa il tubo della condensa?

Semplicemente, il compito del tubo della condensa è quello di prelevare le acque reflue dal processo di condensazione e inviarle alla fogna. L’acqua creata dal processo di condensazione funziona in modo simile alla curva a U in un lavandino. L’acqua si raccoglie finché non c’è abbastanza da svuotarsi in un “colpo”.

Spesso si presenta circa 2-3 litri di acqua di condensa in un’ora se la caldaia è in funzione. In genere, viene espulso in raffiche di circa 300 ml, quindi poter sentire l’acqua che passa attraverso il tubo a intervalli.

L’idea alla base di questo “scroscio” d’acqua, piuttosto che di un rivolo, è proprio quella di fermare il congelamento dell’acqua nel tubo mentre esce dalla proprietà. Scoppi più brevi di acqua più calda dovrebbe impedirlo.

Come rimuovere la condensa dalla caldaia

Nella maggior parte delle installazioni, la condensa può essere rimossa attraverso il normale scarico a gravità in combinazione con le istruzioni del produttore della caldaia. Tuttavia, se una caldaia deve essere installata su pareti interne o all’interno di scantinati, l’uso di una pompa per il serbatoio della condensa della caldaia o dell’ammollo può essere l’unica soluzione per l’installatore.

Durante le prime fasi di introduzione delle caldaie a condensazione, l’industria ha scambiato i valori di pH come un riflesso chiave dei livelli di acidità che sembrano nella condensa. È un po’ fuorviante paragonare la condensa acida delle caldaie al succo di pomodoro e arancia. Il pH della condensa di una caldaia è in genere da 2,9 a 4.

Questo malinteso ha portato ad un numero ragionevole di installazioni inadeguate che potrebbero eventualmente provocare gravi danni alla struttura dell’immobile.

La realtà è che il condensato delle caldaie a gas contiene acido nitrico e che il condensato delle caldaie a olio contiene una miscela di acido nitrico e solforico. Questi condensati dissolveranno la malta a base di calce. In nessun caso la condensa della caldaia deve essere messa direttamente a terra o lungo il lato degli edifici senza prima essere neutralizzata.

Anche l’impatto delle acque sotterranee locali merita ulteriori indagini e può essere ridotto in modo significativo se più installatori utilizzano pompe della condensa per portare la condensa della caldaia alla normale infrastruttura di drenaggio quando non sono disponibili percorsi per gravità.

Uso di una pompa per lo scarico della condensa

Laddove non è disponibile l’accesso immediato a uno scarico, una pompa del serbatoio della condensa può offrire vantaggi e flessibilità.

Le pompe incorporano un serbatoio che trattiene un piccolo volume di condensa, con un set point basso. Quando la caldaia si avvia, la condensa scorre nel serbatoio. Ad un livello di set superiore fisso viene attivato un interruttore a galleggiante, la pompa si avvia e la condensa viene scaricata tramite una valvola di non ritorno (ritegno). Tipicamente nelle applicazioni domestiche la pompa funzionerà per circa 30 secondi tre o quattro volte all’ora.

Le pompe sono disponibili in una serie di specifiche diverse a seconda dei requisiti dell’applicazione, dalle caldaie domestiche alle caldaie commerciali di fascia media. La quantità di sollevamento verticale è un importante fattore di selezione. Una tipica regola empirica per caldaie e scaldabagni è 0,1 l/h di condensa per kW nominale della caldaia.

I problemi con i tubi della condensa

I tubi della condensa possono, in questo periodo dell’anno, congelare. Ciò è particolarmente vero se il tubo di plastica sta attraversando aree esterne o non riscaldate mentre si dirige verso la fogna. Ad esempio, se il tubo della condensa deve passare attraverso un garage.

Per questo motivo si consiglia di cercare di fare in modo che il tubo della condensa, dalla caldaia allo scarico, sia inferiore a 3 m.  Inoltre, il tubo della condensa deve essere posizionato in pendenza. Questo perché dove il tubo entra nello scarico, non vuoi che un controlavaggio da altri apparecchi che trasportano acqua come lavastoviglie e lavatrici ritorni nella caldaia.

L’inclinazione, oltre ad essere il tubo il più diritto possibile, dovrebbe anche aiutare a ridurre il rischio di congelamento dovuto all’eventuale condensa intrappolata all’interno del tubo.

Un problema di congelamento

A volte, nonostante i nostri sforzi, il freddo ha la meglio su tutti e un tubo della condensa può congelare. Questo è uno dei problemi più comuni che i moderni sistemi di riscaldamento devono affrontare nei mesi invernali. L’acqua all’interno del tubo si congela e i sensori incorporati nella caldaia impediranno quindi l’accensione della caldaia. Il risultato è che improvvisamente non hai né riscaldamento né acqua calda, proprio quando lo vuoi davvero!

La buona notizia è che questo è un problema di caldaia incredibilmente semplice da risolvere. Hai due opzioni: versare acqua calda sul tubo fino a quando l’area ghiacciata non passa, o posizionare una borsa dell’acqua calda contro il tubo. In situazioni molto estreme, è possibile tagliare (accorciare) il tubo della condensa per rimuovere la sezione congelata e farla riparare successivamente.

Se il problema era il congelamento, questo diventerà presto evidente. Una volta che l’acqua potrà rifluire, il sensore della caldaia sarà di nuovo felice e accenderà la caldaia, producendo acqua calda e riscaldamento.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *