I possibili interventi di isolamento termico di una casa

La maggior parte delle nuove case includono un isolamento standard al momento della costruzione, tuttavia è importante installare l’isolamento corretto per la casa e l’area climatica. Fattori come la gravità delle condizioni meteorologiche e il budget disponibile dovrebbero essere presi in considerazione quando si determina quali prodotti si adattano meglio alle proprie esigenze. L’isolamento termico può essere installato a soffitto, pareti esterne o interne per ridurre il trasferimento di calore all’interno o all’esterno della casa. L’isolamento termico è spesso costituito da fibre di vetro molto sottili che sono unite insieme per formare milioni di sacche d’aria. Queste sacche d’aria sono pessimi conduttori di calore e resistono al flusso d’aria o alle radiazioni che entrano o escono dalla casa.

Che cos’è l’isolamento termico?

L’isolamento è un materiale che resiste o blocca il flusso di energia termica. L’isolamento viene utilizzato per impedire la fuoriuscita di calore all’interno della casa in inverno e per impedire l’ingresso di calore all’esterno della casa in estate.

Il tipo e la posizione migliori dell’isolamento dipenderanno dal clima locale e dal fatto che l’isolamento sia necessario principalmente per mantenere il calore all’esterno o all’interno (o entrambi). Il primo passo per ottenere un buon risultato dal tuo isolamento è capire come il tuo clima influenzerà l’edificio.

Affinché l’isolamento sia efficace, dovrebbe funzionare in combinazione con un buon design passivo. Ad esempio, se l’isolamento è installato ma la casa non è adeguatamente ombreggiata in estate, il calore accumulato può essere trattenuto all’interno dall’isolamento, creando un effetto “forno”.

L’isolamento funge da barriera al flusso di calore ed è essenziale per mantenere la casa calda d’inverno e fresca d’estate. Una casa ben isolata e ben progettata offre comfort tutto l’anno, tagliando le bollette di raffreddamento e riscaldamento e riducendo le emissioni di gas serra.

Le pareti possono rappresentare circa il 20% della perdita di calore nelle case. Oltre alla perdita di calore attraverso le pareti, ci sono molte crepe e penetrazioni che consentono perdite d’aria incontrollate dentro e fuori la casa.

La resistenza termica

Questa “resistenza” è nota come valore R. I valori R sono lo strumento di misurazione che utilizziamo per valutare il livello di resistenza termica. Più alto è il valore R, migliori saranno le prestazioni termiche che fornirà. È importante che tu capisca cosa significano i valori R perché possono farti ottenere il miglior prodotto per la tua casa. Comprendere i valori R ti aiuterà a confrontare i diversi prodotti disponibili sul mercato.

I valori R del materiale sono forniti con l’isolamento sfuso e si riferiscono al valore isolante del prodotto stesso. I valori R totali sono forniti con l’isolamento riflettente e dipendono dal prodotto che viene installato come specificato. I valori R possono differire a seconda della direzione del flusso di calore attraverso il prodotto, soprattutto nell’isolamento riflettente piuttosto che nella massa. In pratica:

  • I valori R “su” descrivono la resistenza al flusso di calore verso l’alto (a volte noto come valori R “invernali”).
  • I valori R “giù” descrivono la resistenza al flusso di calore verso il basso (a volte noto come valori R “estivi”).

Tutte le nuove case in costruzione hanno determinati livelli di efficienza energetica che devono soddisfare come richiesto dalle normative. Tenendo conto dei valori R del prodotto, questo ti aiuterà a rispettare ciò che il tuo paese richiede.

Tipi di isolamento termico

I prodotti isolanti si dividono in 2 categorie principali: sfusi e riflettenti, che a volte vengono combinati in un materiale composito. Oltre a valutare le prestazioni di isolamento, è possibile confrontare i benefici ambientali di diversi prodotti. Chiedi informazioni sul contenuto riciclato e sulla facilità con cui il prodotto può essere riciclato dopo l’uso. Ad esempio, alcune marche di isolanti in lana di vetro, poliestere e fibra di cellulosa contengono quantità significative di materiale riciclato.

Isolamento sfuso

L’isolamento in serie utilizza sacche di aria intrappolata all’interno della sua struttura per resistere al trasferimento di calore condotto e convezione. La sua resistenza termica è essenzialmente la stessa indipendentemente dalla direzione del flusso di calore attraverso di essa. I prodotti isolanti sfusi hanno un valore R per un dato spessore e includono materiali come:

  • lana di vetro, batuffoli e rotoli (spesso realizzati con materiali riciclati)
  • lana e imbottitura sfusa
  • imbottitura sfusa in fibra di cellulosa (spesso realizzata con fibre di carta riciclata)
  • poliestere, batuffoli e rotoli (spesso realizzati con materiali riciclati)
  • polistirene, espanso (EPS) o estruso (XPS), come pannelli rigidi
  • poliisocianurato (PIR) come pannelli rigidi
  • poliuretano (PUR) come pannelli rigidi.

Isolamento riflettente

L’isolamento riflettente resiste principalmente al flusso di calore radiante a causa della sua elevata riflettività e bassa emissività (capacità di irradiare nuovamente il calore). La sua capacità di isolamento si basa sulla presenza di uno strato d’aria di almeno 25 mm vicino alla superficie lucida. La resistenza termica dell’isolamento riflettente varia con la direzione del flusso di calore che lo attraversa.

L’isolamento riflettente è solitamente un foglio di alluminio lucido laminato su carta o plastica ed è disponibile come fogli (sarking), falde a fisarmonica e falde multicella. Questi prodotti sono noti come laminati in lamina riflettente (RFL).

Poiché qualsiasi foglio di isolamento è elettricamente conduttivo, il rischio di contatto con cavi e apparecchiature elettriche deve essere considerato con tutte le installazioni e devono essere seguite le misure per eliminare il rischio.

Isolamento composito

L’isolamento composito combina l’isolamento sfuso e riflettente. Gli esempi includono pannelli con rivestimento in lamina, coperte riflettenti con rivestimento in lamina e falde con supporto in lamina. L’orientamento della pellicola necessita di un’attenta considerazione per garantire che sia più efficace e non aumenti il ​​rischio di condensa.

Tieni presente che l’isolamento con pellicola riflettente dovrebbe essere sul lato caldo di qualsiasi sistema costruttivo. Generalmente, nei climi più freddi, ciò significa posizionare la lamina sul lato interno dell’isolante sfuso (lamina rivolta verso l’interno), con un’intercapedine d’aria tra la lamina e il materiale del soffitto (ad esempio cartongesso). In climi caldo-umidi (in edifici climatizzati, è meglio il contrario (lamina rivolta verso l’esterno). È necessario chiedere consiglio al produttore dell’isolamento.

Uso della coperta laminata negli spazi del tetto

Tradizionalmente, nel tentativo di impedire che la parte inferiore del tetto cadesse al di sotto del punto di rugiada, veniva utilizzata una coperta in fibra con rivestimento in alluminio. Ma anche se il valore R complessivo è adeguato, ovunque il manto sia compresso su arcarecci o correntini o non sia in continuo contatto con il materiale di copertura, il suo valore R effettivo diminuisce fino a zero e può formarsi della condensa sul lato inferiore del tetto.

Poiché le pratiche edilizie sono migliorate e le case sono diventate più ermetiche, anche gli spazi del tetto sono stati sigillati eccessivamente e il rischio di condensa è stato esacerbato. La soluzione a questo è un sottotetto ben ventilato, per rimuovere il vapore acqueo in eccesso dallo spazio del tetto per evitare la muffa.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *