I purificatori d’aria eliminano l’inquinamento da traffico?

Sebbene la maggior parte dei purificatori d’aria HEPA di base possa rimuovere almeno una parte dell’inquinamento proveniente dal traffico, solo pochi sono progettati appositamente per svolgere un lavoro di questo tipo. La cosa principale da tenere a mente quando si sceglie il miglior depuratore d’aria per trattare gli inquinanti della combustione del traffico è che la contaminazione è divisa in due parti, ma la maggior parte dei purificatori d’aria tratta solo una di queste parti.

I due tipi di inquinanti: particelle e gas

In primo luogo, ci sono i “particolati” di scarico. Immagina che siano minuscoli granelli di fuliggine così piccoli che non puoi effettivamente vederli singolarmente. Non preoccuparti, tuttavia, molte di queste particelle possono essere intrappolate all’interno del filtro HEPA che si trova nei purificatori d’aria più comuni di questi tempi.

Gli scarichi diesel sono una delle fonti più prolifiche di inquinamento esterno. Le dimensioni delle particelle variano da circa 1 a 10 micron, con il volume massimo compreso nell’intervallo fino a 2,5 micron. Quindi, vedrai spesso l’inquinamento del traffico indicato come “PM2.5” nei media e nel materiale di marketing relativo ai purificatori d’aria. Il PM2,5 (particelle con un diametro di 2,5 micron o inferiore) viene rilasciato nella nostra aria anche da fonti comuni come bruciatori a legna, fuochi a carbone e processi industriali. Questi particolati sono quelli che spesso puoi vedere come “foschia” o “smog” nelle grandi città di tutto il mondo.

Il secondo (e più difficile da filtrare) tipo di inquinanti dall’inquinamento del traffico, tuttavia, sono i gas, come il biossido di azoto (NO2). Poiché questi sono gas e NON particolati, non possono essere intrappolati in un filtro HEPA. I gas sono così piccoli che passano direttamente attraverso qualsiasi filtro HEPA senza impedimenti.

Per essere certi di rimuovere anche i gas è necessario assicurarsi che qualunque purificatore d’aria si scelga (ne puoi trovare di ottimi ad es. qui) non abbia solo un filtro HEPA all’interno ma anche un filtro a carbone attivo. Il carbone attivo è l’unico tipo di filtro in grado di assorbire i gas nocivi e tenerli sotto chiave. Attenzione però, non tutti i filtri al carbone sono uguali. Molti purificatori d’aria di base che affermano di avere questi filtri all’interno hanno solo una quantità quasi insignificante di carbone attivo all’interno e quindi forniscono naturalmente solo un gesto simbolico di protezione.

Un purificatore d’aria può filtrare particelle così piccole?

Questa è una domanda chiave! Sì, ma alcuni sono più efficaci di altri. Il tipo più comune di purificatore d’aria utilizzato per rimuovere gli inquinanti dal traffico e da altre fonti di PM2,5 è uno con un filtro HEPA all’interno (Hepa sta per High Efficiency Particulate Arrestor). L’area grigia, tuttavia, è che ci sono diversi “gradi” di filtro HEPA. Sebbene la maggior parte di essi sia perfettamente in grado di filtrare particelle fino a 0,3 micron, il che copre più della fastidiosa categoria PM2,5, alcuni filtri HEPA sono effettivamente in grado di rimuovere particelle fino a 0,1 micron, il che significa che rimuovono molto di più degli inquinanti più pericolosi mancati da quelli standard.

Tuttavia, non è vero che qualsiasi purificatore d’aria con un filtro HEPA rimuoverà l’inquinamento del traffico. Il filtro HEPA, infatti, è solo una parte dell’equazione. Come accennato all’inizio dell’articolo, l’altro grande problema è la rimozione dei gas di accompagnamento. Ricorda, il filtro HEPA non si occupa dei gas, rimuove solo le particelle (PM2,5).

Come si rimuovono gli inquinanti gassosi associati (NOx, SO2)?

Questi gas nocivi (solitamente inodori) devono essere adsorbiti quando passano attraverso il filtro e prima di rientrare nella stanza. L’unica cosa che lo farà in modo efficace è un filtro a carbone attivo posizionato direttamente dietro il filtro HEPA. Il tipo e le dimensioni del carbonio sono direttamente correlati alla quantità di inquinamento assorbita. I depuratori d’aria migliori possono contenere circa un chilo o più di carbone attivo autentico.

La maggior parte delle unità economiche e allegre in commercio contengono solo una quantità simbolica di carbonio, spesso solo un leggero e sottile pezzo di spugna che è stato impregnato con una semplice spolverata di carbonio. Questa quantità simbolica è tutto ciò che è necessario al produttore per affermare che la sua macchina “contiene” carbonio e quindi rimuove gli inquinanti gassosi.

La realtà è tuttavia che solo una minuscola quantità di inquinanti potrebbe mai essere adsorbita da una quantità così piccola di carbonio e quindi il loro beneficio è praticamente trascurabile. Cerca sempre di scegliere una macchina con dei granuli di carbone attivo nel filtro invece di una semplice spugna impregnata di carbone.

Obiettivo: circa cinque cambi d’aria all’ora

Questo è uno degli errori più comuni che le persone commettono quando si tratta di scegliere un purificatore d’aria. Abbiamo già spiegato che il tuo purificatore deve contenere sia un filtro HEPA di buona qualità che un filtro a carbone attivo decente. Tuttavia, questi due elementi da soli sono resi inutili a meno che la ventola all’interno del purificatore non sia abbastanza potente da trascinare tutta (non solo una parte!) dell’aria inquinata nella tua stanza attraverso quei due filtri abbastanza frequentemente da evitare l’inquinamento.

I produttori di solito indicano le dimensioni della stanza in cui le loro apparecchiature sono progettate per funzionare, ma questa è una delle aree in cui è più facile essere fuorviati in quanto raramente ti dicono quanti cambi d’aria stanno fornendo. Ad esempio, se un purificatore d’aria afferma di essere “Ideale per stanze fino a 40 m2”, come fai a sapere quante volte all’ora sta effettivamente purificando tutta l’aria in quella dimensione della stanza? La risposta è che non lo sai.

Tuttavia, se il produttore specifica effettivamente questo “Fornisce 5 ricambi d’aria completi all’ora in stanze fino a 40 m2”, questo ci dice che questa particolare macchina purificherà ogni tot d’aria nella nostra stanza di 40 m2 almeno una volta ogni dodici minuti, il che è eccellente. Se in una stanza di 40 m2 l’unità impiegherà effettivamente trentotto minuti per pulire tutta l’aria una volta, fornisce solo 1,6 ricambi d’aria all’ora, il che non è eccezionale. Sarebbe comunque una buona macchina per stanze fino a circa 15 m2 dove fornirebbe effettivamente circa cinque ricambi d’aria all’ora.

I criteri di scelta del purificatore d’aria

Quindi il messaggio è, prendi le dimensioni della stanza pubblicizzata con un pizzico di sale, chiedi sempre quanti cambi d’aria effettivi l’unità fornirà nella tua stanza, indipendentemente da ciò che è dichiarato sulla scatola. In sintesi, quindi, per rimuovere l’inquinamento da traffico nel modo più completo possibile, scegli una macchina con i seguenti criteri:

  1. Un filtro HEPA di buona qualità (in grado di filtrare a 0,1 micron se possibile, ma filtrare a non meno di 0,3 micron sarà comunque sufficiente)
  2. Un filtro a carbone attivo (spugna di carbone attivo granulare, non semplicemente impregnata).
  3. Volume d’aria sufficiente per cambiare l’aria circa 5 volte ogni ora nelle dimensioni della stanza.

Dai un’occhiata ai purificatori d’aria con il miglior rapporto qualità / prezzo qui.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *