Meglio stufa a pellet o condizionatore per riscaldare la casa?

Quando si parla di sistemi di riscaldamento o di climatizzazione, efficacia ed efficienza non sono la stessa cosa. Le stufe a legna e quelle a pellet sono molto brave a riscaldare, ma lasciano molto a desiderare in termini di efficienza perché consumano tantissimo combustibile. Diamo un’occhiata alle tue opzioni di riscaldamento e climatizzazione. Essere efficaci significa raggiungere i propri obiettivi. Essere efficienti significa farlo con risorse minime. È una differenza molto evidente e ci sono infiniti modi per essere efficaci ma molto inefficienti. Un esempio di questo è un jet privato, che può portarti da A a B in un lampo, ma consuma così tanto carburante che inevitabilmente scegliamo mezzi di trasporto più efficienti.

Ci sono numerose opzioni disponibili per raffreddare e riscaldare la tua casa. Il calore arriva con l’elettricità o il combustibile, come gas o pellet, e si discute molto su cosa funzioni meglio per il riscaldamento. Al contrario, ci sono meno alternative per raffreddare la tua casa: sia l’aria condizionata che i sistemi passivi come le tende da sole e la costruzione bioclimatica (geotermica).

Che cos’è un condizionatore d’aria o climatizzatore?

Pensa a un condizionatore d’aria come a una macchina “metti il calore da qualche altra parte”. Sapevi che non puoi “aggiungere il raffreddamento” a una stanza? Il calore è energia; le temperature più fredde sono la mancanza di energia termica. Se raffreddi la tua casa, raccogli l’energia termica all’interno e la trasferisci all’esterno. Un condizionatore d’aria utilizza l’elettricità per rimuovere il calore dalla tua casa. Ciò abbassa la temperatura e lo rende più confortevole in estate. Il climatizzatore usa una pompa di calore ed è in grado di fare anche l’inverso, cioè di riscaldare la casa d’inverno.

Confronto dell’efficienza di una pompa di calore con una stufa a pellet

L’aria condizionata, fredda o calda che sia, può essere ottenuta solo utilizzando l’elettricità.

D’altra parte, ci sono molti modi per riscaldare la tua casa. Puoi bruciare legna o pellet, che rilasciano energia termica; puoi usare gas naturale o propano, che è un combustibile che viene bruciato in una fornace per rilasciare calore; puoi usare l’elettricità in battiscopa, stufe a parete o forni elettrici, oppure puoi usare l’elettricità in una pompa di calore, che è essenzialmente un condizionatore d’aria che può essere azionato al contrario (spostando il calore all’interno invece che all’esterno).

Quando usi il gas naturale per riscaldare la tua casa, a seconda dell’efficienza del tuo sistema di riscaldamento, ottieni tra il 60% e il 98% dell’energia termica dal combustibile. Le stufe a propano ed a pellet hanno un’efficienza di circa il 70%. Per il legno, è circa il 60%. Quando si utilizza l’elettricità in battiscopa a resistenza termica, riscaldatori a parete o un forno elettrico ad aria forzata, si opera con un rapporto di efficienza del 100%, il che significa che per ogni kilowattora inserito, si ottiene un numero uguale di BTU. BTU sta per “British Thermal Units”, una misura comune dell’energia termica.

Sembra abbastanza buono, finché non si considera che un condizionatore d’aria o una pompa di calore è efficiente fino al 250%! Questo perché si sfrutta il cambiamento di fase del refrigerante (da gas a liquido e viceversa), che gli conferisce la capacità di raccogliere e rilasciare energia in modo più efficiente.

Inoltre, ogni sistema di climatizzazione o pompa di calore ha un diverso livello di efficienza complessiva. Il grado di efficienza di un sistema è chiamato coefficiente di prestazione (CoP). Più alto è il CoP, più efficiente è un sistema e più basso è il costo di funzionamento. Quando guardi un sistema di raffreddamento, potresti anche vedere una valutazione del rapporto di efficienza energetica stagionale (SEER). In tutti i casi, maggiore è il numero, più efficiente è il sistema.

Le stime di efficienza del sistema non tengono in considerazione il metodo di “consegna” dell’energia termica. Per battiscopa, stufe a parete, pompe di calore senza condotto, caminetti o stufe a pellet, potresti dire che ottieni un indice di efficienza del 100% sull’erogazione del calore perché generalmente funzionano nella tua stessa stanza. Se la tua casa utilizza i condotti, a seconda delle condizioni e del design dei tuoi condotti, potresti vedere una penalità di efficienza del 70% o inferiore.

Quando si confronta un condizionatore d’aria (o una pompa di calore) con un forno elettrico ad aria forzata o un altro riscaldamento a resistenza elettrica, è ovvio che un condizionatore d’aria è molto più efficiente nel spostare l’energia termica.

L’importanza della differenza di temperatura

Un altro grande contributo al basso costo del raffreddamento rispetto al riscaldamento è la differenza di temperatura. Il fattore più importante nel determinare quanti BTU (energia termica) inserire (o rimuovere) da un ambiente durante il riscaldamento o il raffreddamento è la differenza di temperatura tra l’aria esterna e l’aria interna, impostata dal termostato.

La maggior parte degli esperimenti di scienza delle costruzioni usa 18 °C come base di riferimento adatta per il comfort umano. Capisco che potrebbe essere freddo o caldo, a seconda delle tue preferenze. Per il nostro esempio, supponiamo che il tuo termostato sia impostato su 18 °C. Ad agosto, quando la temperatura è di 25°, il sistema di raffreddamento deve rimuovere il calore a una velocità tale da ridurre la temperatura di 13°. A dicembre e gennaio, quando la temperatura minima media è di 1°, l’impianto di riscaldamento deve aggiungere calore a una velocità tale da aumentare la temperatura di 32°.

All’aumentare della differenza di temperatura, il trasferimento di calore (perdita o guadagno) accelera. In estate, il calore entra nella tua casa a un ritmo molto più lento che in inverno, e quindi il tuo condizionatore d’aria non deve lavorare tanto per spostarlo all’esterno. Avere una casa ben isolata può aiutare a rallentare la perdita/guadagno di calore, ma l’impatto maggiore è sempre la differenza di temperatura.

Le stufe a pellet o biomassa: molto comode, ma costose

I riscaldatori termici, siano essi a legna, pellet, carbone, butano, biomassa, ecc. – e includiamo i caminetti in questa classificazione – sono un’opzione interessante se vuoi stare comodo e accogliente durante gli inverni rigidi. Tuttavia, sono più decorativi di un modo efficiente per riscaldare la casa. Un meccanismo di combustione non ottimale li rende un’opzione difettosa.

Vantaggi: buona opzione in luoghi isolati. Il calore sprigionato da questi sistemi è molto gradevole e donano alla casa un’atmosfera accogliente. In luoghi isolati possono fornire un’alternativa in caso di mancanza di corrente. A seconda di quanto sono grandi, possono essere usati per cucinare.

Svantaggi: inefficienti. Questi sistemi sono costosi e dannosi per l’ambiente. A meno che non installi un sistema di canalizzazione per distribuire il calore, non sarai in grado di segmentare la tua casa. Eppure è difficile eliminare la massa termica, motivo per cui questi sistemi sono adatti solo per case isolate in luoghi con inverni molto rigidi.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *