Perché la stufa elettrica non riscalda la mia casa?

Per risolvere i problemi di una stufa elettrica, come ad esempio può essere una comune stufetta a termo ventola, inizia con l’ovvio e passa ai componenti complessi. Verifica innanzitutto che l’unità sia alimentata. A volte un’interruzione di corrente può causare il malfunzionamento della stufa elettrica elettrico. Se è presente un pulsante di reset, provare a resettare seguendo le istruzioni del produttore. Se non funziona, inizia la diagnosi della risoluzione dei problemi iniziando dal termostato.

Errato dimensionamento

Se la tua stufa elettrica funziona ma il problema è semplicemente che non scalda la tua casa, potrebbe essere dovuto a un ambiente da scaldare eccessivamente grande. Una tipica stufa da 1500 o 2000 W è adatta per scaldare al più un soggiorno chiuso. Se quindi non provvedi a chiudere le porte e le finestre della stanza, non raggiungerai mai una temperatura elevata.

Alimentazione

La prima e più comune causa di mancato funzionamento o accensione del riscaldatore elettrico è un problema con l’alimentazione. Dunque è necessario assicurarsi che l’alimentazione sia disponibile. In caso affermativo, verificare se l’interruttore di alimentazione funziona correttamente o meno. Questo può essere fatto collegando un altro dispositivo di alimentazione alla presa e verificando se funziona o meno. In caso contrario, c’è un problema con l’interruttore di alimentazione e deve essere riparato.

Termostato

Inizia la diagnosi della risoluzione dei problemi confermando che il termostato funziona correttamente. Impostare il termostato almeno da 3 a 5 gradi sopra la temperatura ambiente nell’impostazione di calore. Aspetta che la stufa si accenda per controllare il calore. Per i termostati meccanici, verificare che l’interruttore della ventola sia acceso prima di controllare il calore. I termostati digitali spesso utilizzano batterie per l’alimentazione. Controllare le batterie e sostituirle se non funzionano più.

Fusibili e interruttori automatici

Nel pannello di servizio per la casa, verifica che l’interruttore di circuito sia acceso per le prese domestiche. Le stufe non hanno un interruttore o un fusibile dedicato nel quadro elettrico, ma l’interruttore delle linea delle prese potrebbe essere scattato. Un’interruzione o sovratensione elettrica può far scattare interruttori di circuito sensibili o far saltare i fusibili. Per verificarne il funzionamento, spegni e riaccendi l’interruttore automatico.

Se il pannello di servizio utilizza i fusibili, spegni l’interruttore principale per verificare un fusibile bruciato. Rimuovere il fusibile della stufa e ispezionarlo per eventuali bruciature o rotture nel fusibile. Sostituire un fusibile rotto per ripristinare l’alimentazione alla stufa. Controlla all’interno della stufa con l’alimentazione spenta per eventuali fusibili bruciati.

Spegnimento automatico di sicurezza

Un altro motivo per cui una stufa elettrica non funziona potrebbe essere dovuto alla funzione di spegnimento automatico di sicurezza che viene fornita in diversi apparecchi oggigiorno. Quando i riscaldatori si surriscaldano, questa funzione spegne il dispositivo per motivi di sicurezza. Potrebbe essere a causa di questa caratteristica la tua stufa potrebbe non funzionare.

Quello che puoi fare è ripristinare la funzione spostando l’interruttore di alimentazione in posizione di spegnimento se il dispositivo non si riaccende. Scollegare il dispositivo e lasciarlo raffreddare per 10-15 minuti. Ricollegalo e accendi l’interruttore.

Problema con il cavo elettrico

Un’altra causa del mancato funzionamento della stufa elettrica potrebbe essere un problema con il cavo elettrico. Un cavo elettrico può guastarsi e potrebbe smettere di funzionare, il che a sua volta influisce sul funzionamento della stufa. Quindi assicurati di controllare il cavo per eventuali rotture. Non deve essere strappato o rotto da nessuna parte nel mezzo.

Sporco

Le stufe elettriche sporche non funzionano bene o in modo efficiente. Alcune termoventole aspirano l’aria attraverso un filtro prima che la riscaldi. Se il filtro è intasato o sporco, impedisce la capacità  di riscaldare l’aria. Sostituire o pulire i filtri sporchi o ostruiti. Il filtro si trova solitamente nel pannello inferiore o sul retro. Quando si apre il pannello e si nota molta polvere all’interno, utilizzare un aspirapolvere per rimuovere la polvere in eccesso dai componenti per aiutarli a funzionare in modo efficiente. Prima di controllare l’interno della stufa, assicurarsi che l’unità sia spenta e con l’alimentazione staccata.

Ventola

Verificare che la ventola sia operativa. Mentre il riscaldatore può funzionare, se il ventilatore o il motore del ventilatore non funzionano, la stufa non distribuirà efficacemente l’aria calda in tutta la casa. Verificare che la ventola sia impostata sulla posizione “on” o “auto” sul termostato. Se hai verificato che l’unità è alimentata e il termostato funziona, ma la ventola non si accende, il relè della ventola potrebbe essere rotto.

Se la ventola rimane accesa senza riscaldamento, controlla l’impostazione del termostato. Quando la ventola è impostata su “on”, rimane accesa finché non la si spegne. Imposta l’interruttore della ventola su “auto” per farlo funzionare con il calore. Verifica che la cinghia del motore del ventilatore non sia sfilacciata, usurata o rotta. Quando la cinghia è troppo lenta, provoca il malfunzionamento del motore del ventilatore.

Nessun calore dall’elemento riscaldante

Dopo aver verificato il funzionamento del termostato e della ventola e dopo aver pulito i filtri e l’interno della stufa, un elemento riscaldante difettoso potrebbe causare il malfunzionamento del riscaldatore. Se hai diagnosticato un elemento riscaldante difettoso, avrai bisogno dell’assistenza di un professionista per sostituire l’elemento riscaldante a meno che tu non abbia esperienza di lavoro con stufe e sostituzione di elementi riscaldanti.

Per verificare questo problema, sarà necessario testare la continuità dell’elemento riscaldante. Questo può essere fatto seguendo i passaggi indicati:

  • Scollegare e spegnere il riscaldatore dall’alimentazione principale e dall’interruttore di alimentazione.
  • Smontare la resistenza elettrica per accedere all’elemento riscaldante e impostare il multimetro su RX1 o resistenza per 1.
  • Ora tocca le sonde del multimetro a ciascuna estremità dell’elemento riscaldante del riscaldatore.
  • Se lo strumento mostra un’elevata resistenza, significa che l’elemento riscaldante è a posto e se la lettura è infinita significa che c’è un problema con l’elemento ed è rotto.
  • Nel caso in cui sia difettoso, è necessario sostituirlo ma assicurati di ottenere le stesse dimensioni, marca, forma, potenza e resistenza.


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *