Posso combinare pompa di calore e solare fotovoltaico?

Molti consumatori che hanno una certa comprensione del funzionamento di una pompa di calore sanno che utilizza l’energia dell’aria esterna o del suolo per produrre riscaldamento e acqua calda per la casa e/o l’azienda. Per far funzionare la pompa di calore utilizza l’elettricità, quindi una pompa di calore ad aria può produrre 3 KW o più (a seconda del COP della pompa di calore) da 1 KW di elettricità e una pompa di calore geotermica può produrre 3,5 KW o più (di nuovo in base al calore COP) da 1KW di energia elettrica.

I consumatori sanno anche che i pannelli solari fotovoltaici vengono utilizzati per generare elettricità assorbendo energia dal sole e convertendola da corrente continua a corrente alternata. Quindi, le pompe di calore richiedono elettricità per funzionare e installando il solare fotovoltaico per produrre elettricità e insieme si potrebbe naturalmente presumere (o talvolta viene detto) che il solare fotovoltaico coprirà tutti o la maggior parte dei requisiti elettrici della pompa di calore.

Quando il solare FV integra di più durante l’anno?

Riscaldamento gratuito per sempre! Sembra la combinazione perfetta, vero? Il problema con questa combinazione è che i pannelli solari fotovoltaici producono una quantità relativamente piccola di elettricità nel periodo dell’anno in cui le richieste di riscaldamento e acqua calda sono al massimo e inoltre l’ora del giorno in cui il fotovoltaico produce l’energia in eccesso è durante il giorno – non le tempistiche tipiche di un impianto di riscaldamento.

I periodi dell’anno in cui hai bisogno del tuo riscaldamento non corrispondono al periodo dell’anno in cui il solare fotovoltaico funziona meglio. I pannelli solari fotovoltaici avranno un impatto minimo sulla riduzione dei costi per il funzionamento di una pompa di calore durante i mesi freddi, durante l’estate la pompa di calore non utilizzerà la pompa di calore molto altro che per riscaldare l’acqua calda e con tempi di controllo corretti e contenitori cilindrici dell’acqua calda adeguatamente dimensionati, questo può essere massimizzato per darti acqua calda quasi gratuita 3-4 mesi all’anno.

L’uso di un controller a immersione solare

Tuttavia, c’è un’altra soluzione per ridurre l’utilizzo di energia in estate se si dispone di solare fotovoltaico. Installando un controller ad immersione solare FV, puoi deviare qualsiasi generazione di elettricità extra alla tua immersione nel tuo accumulatore termico o bollitore per riscaldare gratuitamente la tua acqua calda invece di esportarla di nuovo nella rete nazionale.

Qualsiasi elettricista qualificato può installarlo per te. Sul mercato sono disponibili diversi controller a immersione solare FV che vanno da 200 euro in su e ti daranno un potenziale risparmio simile.

Le pompe di calore e il solare fotovoltaico hanno ancora entrambi un argomento forte e un vantaggio finanziario, ma la combinazione non ti farà risparmiare in modo significativo rispetto a un semplice controller ad immersione, e prima di gridare BATTERIA, pensa a quando genererai un eccesso da mettere nella batteria.

È possibile far funzionare una pompa di calore con l’energia solare?

È possibile combinare un sistema di riscaldamento a pompa di calore con pannelli solari per garantire che le vostre esigenze di riscaldamento e acqua calda siano soddisfatte nel rispetto dell’ambiente. È del tutto possibile che i pannelli solari siano in grado di produrre tutta l’elettricità necessaria per far funzionare la pompa di calore a seconda delle dimensioni del pannello solare. Cioè, a conti fatti genereresti più elettricità di quanta ne useresti nel corso di un anno, anche se questo non sarebbe applicabile all’utilizzo notturno.

Esistono due diversi tipi di energia solare: solare termico e fotovoltaico:

  • Poiché il solare termico utilizza il calore del sole per riscaldare l’acqua calda, questo può aiutare a ridurre l’energia elettrica richiesta dalla pompa di calore per soddisfare le vostre esigenze.
  • Al contrario, i sistemi solari fotovoltaici (PV) convertono l’energia del sole in elettricità. Questa elettricità può essere utilizzata per alimentare la tua pompa di calore, riducendo il fabbisogno di elettricità dalla rete che è principalmente creata dalla combustione di combustibili fossili.

Generalmente, i sistemi di pannelli solari sono dimensionati in kilowatt (kW). Questa misurazione si riferisce alla quantità di energia prodotta dai pannelli all’ora quando il sole è più forte. Il sistema medio è di circa tre o quattro kW e questo riflette la potenza massima che può essere prodotta in una giornata di sole molto limpida. Questa cifra potrebbe essere inferiore se è nuvoloso o durante le prime ore del mattino e la sera quando il sole è più debole. Un sistema da quattro kW genererà circa 3.400 kWh di elettricità all’anno e occuperà circa 26 m2 di spazio sul tetto.

La casa media utilizza circa 3.700 kWh di elettricità all’anno, il che significa che un sistema di pannelli solari da quattro kW dovrebbe fornire quasi tutta l’elettricità di cui hai bisogno. Una piccola percentuale dovrebbe essere utilizzata dalla rete.

Tuttavia, vale la pena notare che la proprietà media utilizza una caldaia, e non una pompa di calore, per fornire riscaldamento e acqua calda. In queste abitazioni il consumo di gas sarà maggiore e quello di elettricità minore. Ma le pompe di calore consumano più elettricità, anche una molto efficiente con una CoP di quattro utilizza circa 3.000 kWh all’anno.

Ciò significa che mentre i pannelli solari dovrebbero essere in grado di produrre la maggior parte, se non tutta, l’elettricità necessaria per riscaldare la casa e l’acqua, è improbabile che siano in grado di alimentare sia la pompa di calore che altri apparecchi senza l’assistenza della rete.

Di quanti pannelli FV ho bisogno per alimentare una pompa di calore?

Sulla base delle cifre di cui sopra, i pannelli solari dovrebbero essere in grado di fornire circa il 50 per cento dell’elettricità di cui la famiglia avrebbe bisogno in totale, con il restante 50 per cento proveniente dalla rete (o da altri metodi rinnovabili, come un piccolo impianto eolico turbina se ne hai una installata).

Quando si tratta di pannelli solari, più si può montare sul tetto, meglio è. Troppi pochi pannelli e riuscivano a malapena ad alimentare anche il più piccolo dei dispositivi elettrici. Come discusso in precedenza, se desideri che l’energia solare alimenti la tua pompa di calore, il sistema di pannelli solari dovrebbe essere probabilmente di almeno 26 m2, anche se potresti trarre vantaggio dall’avere più di questo.

I pannelli solari possono variare di dimensioni a seconda del produttore, ma sono più grandi di quanto si possa pensare. Su una casa, sembrano relativamente piccoli, ma ogni pannello è alto circa 1,6 metri per un metro di larghezza. Hanno uno spessore di circa 40 mm. I pannelli devono avere un’ampia superficie in modo che possano assorbire più luce solare possibile.

Il numero di pannelli di cui avrai bisogno dipende dalle dimensioni del sistema che desideri. In genere, sono necessari quattro pannelli solari per un sistema da un kW. Pertanto, un sistema da un kW avrà bisogno di quattro pannelli solari, un sistema da due kW otto pannelli, un sistema da tre kW 12 pannelli e un sistema da quattro kW 16 pannelli. Quest’ultimo crea una superficie stimata di circa 26 mq. Tieni presente che un sistema da quattro kW è l’ideale per una famiglia di tre o quattro persone. Per più residenti di questo, potrebbe essere necessario un sistema da cinque o sei kW che potrebbe richiedere fino a 24 pannelli e occupare fino a 39 m2.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *