Qual è la durata di una caldaia a gas e della garanzia?

Si prevede che una tipica caldaia a gas moderna duri fino a 15 anni prima di dover essere sostituita, a seconda che si tratti di un marchio premium, di fascia media o economico. Questo, però, è solo se hai a che fare con professionisti che possono installare una caldaia utilizzando metodi e pratiche della massima qualità. Se sono installate in modo errato, potresti dire addio alla tua “nuova” caldaia in soli 3-4 anni se soffre di uno dei problemi comuni della caldaia.

Ci sono due ragioni per cui probabilmente stai leggendo questo articolo sulla durata di una caldaia o gas. O la tua caldaia attuale è già rotta, oppure hai subito così tante riparazioni che pianificare una sostituzione è ora un’opzione molto migliore. Anche se tutti preferiremmo un po’ di tempo per anticipare un guasto alla caldaia, possiamo comunque essere colti alla sprovvista.

Non dovresti mai aspettare che il clima diventi troppo freddo prima di sostituire la caldaia. C’è molta pressione sugli installatori in quel periodo dell’anno a causa della quantità di vecchie caldaie che si rompono. A causa di questa pressione sulle caldaie e sugli installatori, a volte le date di installazione possono essere lontane, rendendo più importante che tu ottenga la nuova caldaia prima di essere colpito dal freddo.

Quando devo iniziare a cercare una nuova caldaia?

La maggior parte delle caldaie prodotte oggi durerà fino a 15 anni. In generale, questo consiglio si applica alle moderne caldaie di marca premium. e questo solo se hai scelto marchi premium come Viessmann, Bosch o Vaillant che sanno davvero cosa stanno facendo. Con questo in mente, è meglio scegliere un installatore che si è allineato con il produttore scelto.

La maggior parte dei produttori di caldaie smette di produrre componenti per le proprie caldaie dopo 12 anni. Per questo motivo, devi iniziare a pensare a una caldaia sostitutiva quando si avvicina ai 10 anni. In questo modo, puoi attuare le misure preventive necessarie per assicurarti che non si guasti quando ne hai più bisogno, durante la fredda stagione invernale. Sicuramente non vuoi trovarti così durante l’inverno!

Inoltre, se la tua caldaia proviene da un’azienda meno conosciuta che potrebbe o non potrebbe essere ancora in funzione, potresti avere difficoltà a ottenere le parti necessarie. Nella maggior parte dei casi, potrebbe non esserci un problema: la maggior parte dei produttori mantiene le parti disponibili per 12 anni a meno che non dichiarino bancarotta. Se alcune parti non sono ottenibili, la riparazione della caldaia attuale non sarà più un’opzione.

Non è un segreto che le caldaie diventano meno efficienti nel tempo. Questo è proprio quello che accade con qualsiasi altro pezzo di tecnologia moderna come ad esempio le automobili: devono ancora essere ben curate. Senza le cure adeguate, potresti cercare un sostituto prima di quanto probabilmente preferiresti. Più tempo lasci passare prima di sostituire la caldaia, più soldi sprechi. La tua caldaia sta semplicemente lavorando più duramente del necessario.

Come posso aumentare la durata della mia caldaia?

Anche se l’arresto della caldaia può essere una cosa spaventosa da affrontare, ci sono molte misure preventive che puoi adottare per assicurarti che non vada così male. Se la tua caldaia si spegne, non significa necessariamente che hai bisogno di una sostituzione immediata. Tuttavia, sono disponibili opzioni per prolungare la durata della caldaia:

  • Organizzare un servizio di caldaia – Rivolgersi sempre a installatori che sono stati approvati direttamente dal produttore scelto
  • Controlla se i tuoi radiatori hanno bisogno di eliminare l’aria interna
  • Avere un filtro magnetico installato
  • Evita di sovraccaricare la tua caldaia – Potrebbe anche essere troppo piccola per la tua proprietà se ti sono stati dati scarsi consigli in passato. In tal caso, è ancora più importante che parli con esperti in dettaglio del tuo prossimo acquisto
  • Assicurati che l’inibitore venga aggiunto al tuo sistema dopo che è stato lavato
  • Imposta la tua caldaia per un “funzionamento estivo”
  • Mantieni i tubi ben isolati

La manutenzione della mia caldaia prolungherà la sua durata?

Senza ombra di dubbio. Ci sono due ragioni principali per cui è necessario sottoporre a manutenzione la caldaia una volta all’anno: (1) Avere un servizio organizzato ti consente di mantenere la garanzia della tua caldaia; (2) La tua caldaia riceverà le cure professionali necessarie per massimizzare la sua durata.

Fintanto che viene eseguito da un tecnico completamente qualificato e registrato per la sicurezza del gas, la manutenzione annuale della caldaia può essere eseguita da qualsiasi azienda. La qualità del tuo servizio dipende anche da chi scegli di svolgerlo. Accade spesso che vengano eseguiti test sull’efficienza e le prestazioni, oltre a verificare eventuali perdite o guasti nel sistema attuale.

Fruendo di un servizio di manutenzione periodica per la tua caldaia (oltre a quella obbligatoria per i fumi, che è meno frequente), puoi identificare e risolvere eventuali problemi prima che peggiorino, salvandoti da eventuali incubi più avanti. In poche parole, i servizi della caldaia sono un requisito per mantenere la garanzia. Se questo non viene onorato, ti troverai in una situazione difficile.

Usa un inibitore nel tuo sistema dopo un lavaggio

A volte ci sono delle macchie fredde che appaiono intorno alla parte inferiore del tuo radiatore. Nel corso del funzionamento della caldaia, l’aria può rimanere intrappolata all’interno dei radiatori. Anche se all’inizio può sembrare innocuo, può anche impedire alla caldaia di funzionare a piena efficienza. Questo perché l’aria che rimane intrappolata all’interno del tuo radiatore crea delle zone fredde lungo la sua superficie, ed è dove l’acqua calda non può arrivare.

Puoi risolvere il problema con uno spurgo dei radiatori, seguendo questi semplici passaggi;

  • Accendi il riscaldamento centrale per scoprire quali termosifoni necessitano di spurgo
  • Spegnere il riscaldamento centrale e attendere che si raffreddi
  • Ruotare la valvola di spurgo utilizzando la chiave del radiatore
  • Quando il sibilo si ferma e l’acqua esce dal foro, chiudere la valvola
  • Riaccendi il riscaldamento.

Un altro metodo spesso utilizzato è un lavaggio chimico o elettrico, entrambi metodi popolari per rimuovere i fanghi dal sistema in modo sicuro. Quando viene eseguito un lavaggio, un professionista in visita utilizzerà speciali sostanze chimiche per aiutare ad abbattere i fanghi prima di risciacquarli con l’acqua calda dell’impianto di riscaldamento centralizzato.

Una volta fatto questo, è estremamente importante che venga utilizzato uno speciale inibitore chimico. L’inibitore stesso è una soluzione anticorrosione che viene aggiunta per prevenire incrostazioni e corrosione. Applicando uno strato protettivo contro i depositi metallici e non metallici, aiuta a ridurre eventuali futuri accumuli di fanghi che si verificano.

Quanto dura la garanzia su una caldaia a gas

La legge Europea che tutela il consumatore obbliga il venditore e il produttore ad assicurare 24 mesi di garanzia per uso personale e 12 per uso commerciale. Pertanto, come previsto dalla legge italiana, la garanzia legale di una caldaia è di due anni. Può essere prorogata in seguito a particolari accordi con il produttore o venditore. In quanto acquirenti però, voi avete il diritto di chiedere la sostituzione o riparazione della caldaia entro due mesi da quando avete scoperto il problema.

La garanzia della caldaia, tuttavia, può essere fatta valere solo quando il danno non è causato da voi per imperizia nell’uso o cose del genere, ma il guasto o difetto è un errore di fabbrica o nato successivamente non a causa vostra. In seguito a un urto ad esempio, la caldaia non potrà più essere sostituita mediante la garanzia. Durante la prima accensione della caldaia, l’installatore si accerterà che l’installazione sia avvenuta in modo corretto e convaliderà la cartolina di garanzia.

Ricordatevi comunque di conservare la ricevuta fiscale, prova dell’effettivo acquisto presso la sede del venditore, della data e della caldaia che avete acquistato. Vi consigliamo anche di effettuare una fotocopia dello scontrino, perché solitamente tende a scolorire e rischiate di perdere la garanzia in questo modo.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *