Qual è un riscaldamento elettrico a basso consumo?

Quando il freddo si avvicina durante l’autunno e l’inverno, è facile lasciarsi trasportare dall’esatta quantità di elettricità che stiamo usando, specialmente quando si tratta di riscaldare la tua casa. I riscaldatori elettrici (o riscaldatori per ambienti) sono un ottimo modo per riscaldare le singole stanze della casa. Ciò significa che non devi sempre accendere il riscaldamento centralizzato se hai freddo, il che spesso finisce per sprecare energia riscaldando stanze che non stai utilizzando! Tuttavia, sul mercato sono presenti diversi tipi di riscaldatori elettrici, il che rende difficile sapere quale tipo di riscaldatore elettrico è più adatto alle proprie esigenze e quali sono più efficienti dal punto di vista energetico rispetto ad altri.

Se stai cercando riscaldatori ad alta efficienza energetica per riscaldare la tua casa, o se stai facendo qualche ricerca prima di acquistare un nuovo riscaldatore elettrico, ecco una ripartizione di ogni tipo di riscaldatore elettrico. Esamineremo per cosa sono utili e quanto ti costerà usarli.

I vari tipi di riscaldatori elettrici

  • Portatile: economico da acquistare ma i costi di gestione possono essere elevati.
  • Ceramica radiante e quarzo: ti dà calore radiante istantaneo.
  • Ventilatore: riscalda l’aria e può riscaldare rapidamente stanze più piccole.
  • Colonna d’olio: si riscalda lentamente e crea una combinazione di calore convettivo e radiante.
  • Termoconvettore – non adatto ad ambienti con soffitti alti o scarso isolamento perché riscalda l’aria che poi sale.
  • Riscaldatori ad accumulo: il calore viene prodotto durante la notte utilizzando energia elettrica a tariffa ridotta e poi immagazzinata in mattoni.
  • Riscaldatori a pannello a parete: costosi da utilizzare, quindi confrontali con i riscaldatori ad alta efficienza energetica che costano di più da acquistare ma sono più economici da gestire
  • Condizionatori d’aria con sistema split a ciclo inverso (pompe di calore) – il riscaldatore elettrico più efficiente dal punto di vista energetico. Le unità a ciclo inverso a 5 e 6 stelle possono essere anche più economiche da gestire rispetto ai riscaldatori a gas, producendo solo un quinto delle emissioni di gas serra che crea un riscaldatore elettrico standard. Sono più silenziosi da utilizzare perché il compressore è all’esterno e forniscono riscaldamento a basso costo in inverno e raffreddamento in estate

Le stufe alogene

I riscaldatori alogeni sono ottimi per il calore istantaneo. Prendono il nome dall’elemento alogeno all’interno della lampadina o lampada del riscaldatore che, combinato con l’elettricità, si riscalda e fornisce un calore radiante.

Il calore radiante significa che i riscaldatori alogeni riscalderanno l’area direttamente di fronte a loro, il che è fantastico se vuoi una rapida esplosione di calore ma non così tanto se stai cercando di riscaldare un’intera stanza allo stesso modo.

In generale, i riscaldatori alogeni sono uno dei tipi più economici di riscaldatori elettrici. Hanno una media di circa 1200 W in termini di potenza erogata e poiché forniscono calore istantaneo a distanza ravvicinata, non dovresti aver bisogno di lasciarli accesi per lunghi periodi di tempo.

Le stufe a infrarossi

Proprio come i riscaldatori alogeni discussi sopra, i pannelli a infrarossi funzionano sul calore radiante. È essenzialmente la stessa tecnologia, leggermente modificata.

Mentre un riscaldatore alogeno utilizza la tecnologia “vicino infrarosso” e ha un forte calore direzionale, i pannelli a infrarossi sono “infrarossi lontani”. Ciò significa che hanno una dispersione molto più ampia e nessun elemento luminoso. Possono essere posizionati su piedi e utilizzati in modo portatile, ma funzionano meglio se montati a parete oa soffitto.

Anche in questo caso, dal momento che non riscaldano l’aria, sono perfetti per gli spazi pieni di correnti d’aria e le vecchie case che altrimenti farebbero fatica a mantenere il calore. Fai solo attenzione se la tua proprietà ha molto vetro: il vetro non può contenere il calore a infrarossi correttamente, quindi è un po’ no-go.

Termoventilatori

Sebbene super economici da acquistare, questi tipi di riscaldatori possono essere una falsa economia a seconda dell’area che stai cercando di riscaldare. Se la stanza non è ben protetta dalle correnti d’aria, l’aria calda espulsa da questo tipo di riscaldatore a convezione fluirà semplicemente fuori dalla porta. Non appena lo spegni, l’aria calda sarà sparita. Quello che guadagni in risparmio iniziale e calore immediato, lo perdi in efficienza.

Se stai pensando di acquistare un riscaldatore come questo, assicurati che tutte le porte e le finestre della stanza siano chiuse e che eventuali camini siano bloccati. In questo modo la stanza può trattenere il calore anche dopo averlo spento e i costi di gestione del termoventilatore saranno notevolmente ridotti.

Radiatori a olio

I radiatori ad olio funzionano sulla base del fatto che quando l’elettricità viene fatta passare attraverso di essi, il fluido si espande e rilascia calore attraverso la superficie del radiatore. Come un radiatore tradizionale, è questa temperatura superficiale che riscalda la stanza.

A differenza di un termoventilatore, che è direzionale e istantaneo, un sistema a olio riscalda l’ambiente in modo più lento e uniforme. Poiché è solo un altro modo per ottenere il riscaldamento a convezione, si applicano le stesse regole dei termoventilatori. Mantieni sigillate tutte le aree con correnti d’aria e urla ad alta voce a chiunque lasci la porta aperta.

Confronto con le stufe a gas

Quando si tratta di riscaldatori, i riscaldatori a gas perdono calore e fumi, ma qualsiasi tipo di riscaldatore elettrico è efficiente al 100%. Se non vuoi sprecare calore, vai all’elettrico.

Naturalmente, le stufe a gas funzionano anche a gas naturale, che è un combustibile fossile. Ciò significa che i riscaldatori elettrici sono la scelta più ecologica. E se stai usando elettricità rinnovabile per alimentare il tuo riscaldatore, sarà sempre più pulito e migliore per il pianeta rispetto a un divoratore di gas.

Ma ricorda: i riscaldatori d’ambiente sono efficienti solo se li usi per integrare il tuo impianto di riscaldamento autonomo quando necessario. Non usarli come principale fonte di calore! Ci vorrebbe molta più energia del solito riscaldamento autonomo.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *