Quali piante migliorano di più la qualità dell’aria indoor?

Di tutte le tendenze degli anni ’70 che hanno goduto di una rinascita negli ultimi anni poche hanno mostrato la crescita esplosiva delle piante d’appartamento e del giardinaggio indoor. Le famiglie fanno più giardinaggio che mai, e sempre più il giardiniere è un giovane. Una delle domande più frequenti delle persone che acquistano piante nelle grandi città è: “Che tipo di piante sono le migliori per pulire l’aria?”.

Le piante d’appartamento sono divertenti da curare, hanno un bell’aspetto su Instagram ed esprimono bellezza ambientale attraverso l’interior design. Ma una delle virtù più comunemente ripetute delle piante d’appartamento sostiene che non sono solo organismi viventi, ma anche piccole macchine depuratrici: le piante d’appartamento, presumibilmente, filtrano l’aria.

Per diversi anni, la ricerca ha davvero suggerito che le piante d’appartamento potrebbero purificare l’aria da alcuni inquinanti. Ma ora la maggior parte degli scienziati afferma che non è vero. È un’idea così allettante, ma la letteratura scientifica mostra che le piante d’appartamento da interni, come quelle tipicamente implementate a casa di una persona, fanno molto poco per pulire l’aria.

Concordano anche ricercatori di lunga data sull’inquinamento atmosferico: le piante d’appartamento non puliscono l’aria “non più di un vecchio paio di calzini o di un berretto che appenderei al muro”. Affinché le piante migliorino effettivamente l’aria, anche in un appartamento compatto, è necessaria una concentrazione di piante d’appartamento che solo gli amanti delle piante più impegnati possono effettivamente ottenere.

Il famoso studio della NASA

Alla fine degli anni ’80, lo scienziato della NASA Bill Wolverton ha studiato se piante d’appartamento comuni potessero rimuovere un certo tipo di inquinante atmosferico, chiamato “composti organici volatili”, o COV, dall’aria. I COV vengono regolarmente rilasciati da prodotti domestici comuni come cartongesso, pitture per la casa, smalti per unghie, shampoo e quasi tutto ciò che ha un profumo. I loro effetti nocivi possono variare da un prurito alla gola al cancro rinofaringeo.

A differenza di altri tipi di inquinamento atmosferico, come fuliggine o particolato, i COV non possono essere filtrati dall’aria con un filtro di grado fine. Ciò significa che possono accumularsi in ambienti ermeticamente sigillati, come laboratori o veicoli spaziali. Il problema per la NASA era ovvio. Così Wolverton, un ex scienziato militare, ha esaminato se le piante d’appartamento fossero in grado di assorbire i COV.

Il suo rapporto del 1989 annunciava una risposta allegra. Le piante erano “una soluzione economica e promettente per l’inquinamento dell’aria interna”. Il rapporto – finanziato congiuntamente dalla NASA e dall’Associated Landscape Contractors of America, un gruppo commerciale – è stato ripreso dai media. L’idea ha guadagnato ancora più popolarità nel 1996, quando Wolverton ha pubblicato il libro How to Grow Fresh Air: 50 Houseplants That Purify Your Home or Office.

Quello studio fornisce la base scientifica per quasi tutti gli articoli di inquinamento atmosferico e vegetale che trovi online. “Ricercatori della NASA” è la frase comune che vedi. In effetti, non c’è niente di particolarmente sbagliato nello studio di Wolverton del 1989. I suoi risultati sono in linea con altri dati misurati in letteratura.

La rimozione di COV e dell’ozono

Ma prendere i suoi risultati alla lettera esagera in modo significativo la potenza delle piante. Wolverton ha misurato se le piante d’appartamento potevano rimuovere i COV da un ambiente di laboratorio a tenuta d’aria. Ma una casa non è una camera ermetica. Ha finestre e porte aperte, correnti d’aria e perdite e molto altro disordine.

Recentemente, Waring e colleghi hanno riesaminato tutti i 195 studi che hanno esaminato se le piante d’appartamento possono filtrare l’aria. Hanno scoperto che alcuni tipi di piante possono rimuovere quantità maggiori di COV rispetto ad altri. Ma una volta che si tiene conto degli effetti del lavorare in una stanza grande, nessuna delle piante è in grado di fare molto.

Waring scrive di immaginare un piccolo ufficio: “Dovresti mettere 1.000 piante in quell’ufficio per avere la stessa capacità di depurazione dell’aria di cambiare semplicemente l’aria una volta all’ora, che è il tasso di cambio d’aria tipico in un sistema di ventilazione dell’ufficio”. Sono 10 piante per ogni 30 cm quadrati di superficie. Anche se scegliessi il tipo più efficace di impianto di filtraggio dei COV, avresti comunque bisogno di una pianta per piede quadrato.

Ma forse gli scienziati hanno studiato l’inquinante sbagliato. Diversi anni fa, un team di ricercatori ha esaminato se le piante d’appartamento potessero rimuovere l’ozono a livello del suolo. Gli effetti dell’ozono sono spesso descritti come “scottature solari nei polmoni” e possono causare respirazione dolorosa, attacchi d’asma e persino la BPCO, malattia polmonare cronica.

Sfortunatamente, neanche le piante d’appartamento possono fare molto al riguardo. I ricercatori hanno scoperto che anche le piante più efficaci riducevano a malapena il livello di ozono negli spazi interni. Se i livelli di ozono nella tua casa fossero di 30 parti per miliardo, potresti ridurli a circa 29,7 parti per miliardo, come rivela uno studio realizzato da un gruppo di ricercatori americani.

Un problema di superficie e densità

Guarda la superficie delle piante d’appartamento nella tua casa, e poi considera la superficie di ogni altro oggetto nella tua casa: i muri, i flaconi spray, i cuscini del divano, tutto. La superficie di qualsiasi vegetazione è molto, molto bassa rispetto a tutto il resto che potrebbe funzionare come una fonte o un pozzo per gli inquinanti atmosferici.

Per iniziare a ridurre anche marginalmente l’ozono indoor, i ricercatori hanno stimato che avresti bisogno di almeno una pianta d’appartamento per ogni 60 cm quadrati di superficie. E ci sono aspetti negativi in ​​questo: finisci infatti per avere un sistema vivente nel tuo stesso spazio, e ciò potrebbe aumentare l’umidità interna – non una buona idea se hai dei mobili – e causare altri problemi.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *