Quali sono i diversi tipi di isolamento disponibili?

L’isolamento termico oggi è migliorato in molti modi da quando è stato concepito per la prima volta nel 20 ° secolo. L’isolamento in lamina, noto anche come isolamento riflettente, funziona riflettendo il calore da un lato della sua superficie verso l’esterno. A differenza dei tradizionali materiali di isolamento termico, la pellicola non riduce la conduzione del calore, ma fornisce in modo semplice ed efficiente una superficie su cui il calore può rimbalzare. Questo funziona alla grande per mantenere il calore fuori dalla tua casa in una giornata calda e aiuta anche a mantenere il calore all’interno in una giornata fredda.

Gli studi condotti sull’isolamento termico hanno dimostrato che oltre il 50% del budget energetico domestico può essere speso per il riscaldamento e il raffreddamento di un’abitazione, cifra che viene drasticamente modificata in meglio una volta installato l’isolamento.

Senza isolamento, le pareti di una casa consentono al 25% del calore di fuoriuscire da una casa in inverno ed entrare durante l’estate. Quando si tratta di finestre, il calore che fuoriesce è compreso tra il 10-15% in inverno e l’assorbimento può aumentare fino al 35% in estate, con la perdita di calore attraverso il pavimento che arriva fino al 20-25%. Poiché il calore aumenta, il tetto di una casa consente la fuoriuscita del calore fino al 35% e assorbe all’incirca la stessa percentuale in estate.

Una casa ben isolata porta molti vantaggi ai suoi residenti. Il primo e più ovvio è l’efficienza termica. Lo scopo principale dell’isolamento è quello di aiutare a bilanciare e mantenere temperature confortevoli in una casa, indipendentemente da quello che fa il tempo fuori. Dopotutto, nessuno vuole essere esposto apertamente alle temperature in continuo mutamento ed a volte estreme del nostro Paese.

Poiché la tua casa ora mantiene per lo più una temperatura piacevole tutto l’anno, potresti trovarti a generare risparmi in termini di bollette di riscaldamento e raffreddamento ridotte. Tendiamo a utilizzare eccessivamente il nostro riscaldamento e raffreddamento quando non abbiamo un isolamento sufficiente nell’edificio. Per alcuni, il più grande vantaggio dell’isolamento diventa la riduzione del proprio impatto sul pianeta. Quando consumiamo meno energia, smettiamo di prendere inutilmente risorse da madre natura.

Quali tipi di isolamento sono consigliabili?

Esistono tre principali tipi di isolamento per adattarsi a qualsiasi casa. Si tratta di isolamento delle pareti, isolamento del pavimento e isolamento del soffitto della casa. Ognuno di questi isolamenti ha i propri punti di forza e alcuni possono adattarsi meglio a una particolare area di una casa, mentre altri potrebbero essere più adatti a un’altra.

L’isolamento delle pareti è oggi un elemento fondamentale nella maggior parte delle case italiane. Man mano che sorgono molte nuove case, sta diventando una parte del processo di costruzione per più ragioni di quanto si possa pensare. Quando l’isolamento viene installato durante le fasi di costruzione, aiuta a velocizzare l’intero processo di costruzione, consentendo alle lavorazioni interne di procedere senza la necessità di completare murature e rivestimenti.

L’isolamento del pavimento è sorprendentemente efficace. Sei mai stato a casa e, nonostante la stufa accesa, hai avuto i piedi freddi? Questo perché i normali pavimenti tendono ad avere piccole fessure attraverso le quali fuoriesce il calore e entra l’aria fredda. L’isolamento del pavimento chiude queste fessure e consente la ritenzione del calore interno mantenendo il freddo lontano.

Infine, l’isolamento del soffitto spiovente della casa è l’ideale per coloro che desiderano isolare un soffitto della nuovo o esistente. I soffitti spioventi sono notoriamente difficili da isolare a causa delle loro piccole dimensioni delle cavità, motivo per cui occorre usare soluzione ad hoc.

I materiali isolanti termici più usati

Prima di decidere quale materiale isolante ritieni sia giusto per te, ci sono varie cose che devi considerare. Qual è il valore R, il prezzo, le proprietà di isolamento acustico e l’impatto ambientale. Ecco un elenco dei 5 materiali isolanti più comunemente usati e cosa possono fare per te.

Lana minerale

La lana minerale copre parecchi tipi di isolamento. Potrebbe riferirsi a lana di vetro, che è fibra di vetro prodotta con vetro riciclato, o lana di roccia, che è un tipo di isolamento a base di basalto. La lana minerale può essere acquistata in ovatta o come materiale sfuso. La maggior parte della lana minerale non ha additivi per renderla resistente al fuoco, rendendola scarsa per l’uso in situazioni in cui è presente calore estremo. La lana minerale ha un valore R compreso tra R-2,8 e R-3,5.

Fibra di vetro

La fibra di vetro è un materiale isolante estremamente popolare. Uno dei suoi principali vantaggi è il valore. L’isolamento in fibra di vetro ha un prezzo di installazione inferiore rispetto a molti altri tipi di materiali isolanti e, per prestazioni R-Value equivalenti (cioè resistenza termica), è generalmente l’opzione più conveniente rispetto ai sistemi di isolamento in cellulosa o schiuma spruzzata. A causa di come è fatta, tessendo efficacemente sottili fili di vetro in un materiale isolante, la fibra di vetro è in grado di ridurre al minimo il trasferimento di calore. È essenziale, quando si installa la fibra di vetro, che venga indossata l’attrezzatura di sicurezza necessaria, poiché si formano polvere di vetro e minuscoli frammenti di vetro, che potrebbero potenzialmente causare danni agli occhi, ai polmoni e alla pelle. La fibra di vetro è un eccellente materiale isolante non infiammabile, con valori R che vanno da R-2,9 a R-3,8 ogni 2,5 cm.

Polistirolo

Il polistirolo è una schiuma termoplastica impermeabile che è un eccellente materiale di isolamento acustico e termico. È disponibile in due tipi, espanso (EPS) ed estruso (XEPS) noto anche come polistirolo. L’XEPS più costoso ha un valore R di R-5.5 mentre l’EPS è R-4. L’isolamento in polistirene ha una superficie unica e liscia che nessun altro tipo di isolamento possiede. Trova impiego sia in contesti residenziali che commerciali. L’isolamento in polistirolo è molto rigido, a differenza dei suoi cugini più soffici. Tipicamente la schiuma viene creata o tagliata in blocchi, ideali per l’isolamento delle pareti.

Cellulosa

La cellulosa è una forma di isolamento molto ecologica. È composta dal 75-85% di fibra di carta riciclata, solitamente carta da giornale di scarto post-consumo. L’altro 15% è un ritardante di fiamma come l’acido borico o il solfato di ammonio. A causa della compattezza del materiale, la cellulosa non contiene quasi ossigeno al suo interno. Senza ossigeno all’interno del materiale, questo aiuta a ridurre al minimo la quantità di danni che un incendio può causare. Quindi non solo la cellulosa è forse una delle forme di isolamento più ecologiche, ma è anche una delle forme di isolamento più resistenti al fuoco. La cellulosa ha un valore R compreso tra R-3.1 e R-3.7.

Schiuma poliuretanica

La schiuma di poliuretano spray (SPF) viene prodotta mescolando e reagendo sostanze chimiche per creare una schiuma. I materiali di miscelazione e reazione reagiscono molto rapidamente, espandendosi al contatto per creare schiuma che isola, sigilla l’aria e fornisce una barriera contro l’umidità. Sono materiali relativamente leggeri e hanno un valore R di circa R-6,3 per ogni 2,5 cm di spessore.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *