Quali sono i vari tipi di stufa a propano?

Una stufa a propano è l’ideale per chi cerca una soluzione di riscaldamento portatile che possa essere utilizzata sia all’interno che all’esterno, ed è una scelta intelligente per coloro che non sono in grado di posizionare i propri apparecchi di riscaldamento vicino a una fonte di alimentazione elettrica. Queste stufe affidabili e robuste possono essere utilizzate in un’ampia gamma di spazi, inclusi portici esterni, cortili e garage. Costituiscono anche un pratico riscaldatore opzionale per battute di caccia e pesca. Ecco come determinare quale stufa a propano sia più adatta alle tue esigenze.

I vantaggi dell’utilizzo del propano

Le stufe per interni, in generale, possono funzionare sia con elettricità che a gas. I modelli alimentati a gas utilizzano prodotti a base di petrolio come cherosene, propano e gas naturale. Di tutte le possibili fonti di carburante utilizzabili per il riscaldamento domestico, il propano è considerato il più economico. È un sottoprodotto della lavorazione del gas naturale e della raffinazione del petrolio. Esaminiamo brevemente i vari vantaggi dell’utilizzo di una stufa alimentata a propano.

Il propano è più economico dell’elettricità. Sulla base di una ricerca condotta dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, riscaldare una casa con sistemi di riscaldamento a propano costa molto meno che riscaldare la stessa casa con un sistema elettrico. Uno dei motivi principali di ciò è il fatto che il propano brucia in modo più caldo ed efficiente, quindi otterrai lo stesso livello di calore di una stufa elettrica da una stufa a propano, anche se rimane accesa per un periodo di tempo più breve.

I costi del propano e dell’elettricità variano in base a dove vivi, ma nella maggior parte dei casi è stato osservato che spendi meno in energia se acquisti propano anziché elettricità. Uno dei principali vantaggi dell’utilizzo del propano è che non viene fornito tramite una rete: puoi fare scorta di propano quando i prezzi sono bassi, il che dovrebbe assicurarti di risparmiare durante l’inverno quando le richieste fanno aumentare i prezzi.

Il propano è sicuro, non è tossico, senza piombo e presenta un contenuto di zolfo estremamente basso. L’intervallo di infiammabilità è basso e il suo punto di accensione è quasi il doppio di quello della benzina. Tutti questi fattori rendono il propano incredibilmente facile da immagazzinare e trasportare. Inoltre, il propano è considerato un carburante “pulito”. Il propano brucia molto bene e genera pochissimi residui rispetto al cherosene, al gas naturale o alla benzina.

Se pensavi che l’elettricità fosse un combustibile pulito, ripensaci: almeno metà dei fornitori di elettricità genera la propria elettricità bruciando combustibili fossili. Un enorme fetta dell’elettricità è generata dall’olio combustibile e dal carbone, rendendolo uno dei maggiori contributori alle emissioni di gas serra. A meno che l’elettricità che usi a casa non sia generata da fonti rinnovabili, stai effettivamente facendo un favore all’ambiente usando propano invece di energia elettrica.

Gli elettrodomestici a propano durano più a lungo. Basta chiedere a uno chef serio perché preferiscono le grigliate e i barbecue a propano rispetto a quelli elettriche. Con una cura e una manutenzione adeguate, una stufa a propano ha il potenziale per sopravvivere a una stufa elettrica di prezzo simile. Inoltre, la tua stufa elettrica non riscalda molto in caso di interruzione di corrente. Se vivi in ​​una zona soggetta a frequenti interruzioni di corrente o temporali, scommetti su una soluzione di riscaldamento a propano.

Stufe a propano a convezione naturale

Le stufe a propano a convezione naturale sono dotati di un bruciatore situato accanto a una piastra dello scambiatore di calore. Il bruciatore si accende e riscalda la piastra dello scambiatore, che poi riscalda l’aria a contatto con la piastra. Questa aria calda avrà la tendenza a fluire intorno a causa delle forze di galleggiamento generate a causa del disadattamento di densità tra aria calda e aria fredda. Le stufe a propano a convezione naturale sono i modelli più economici in circolazione e generano pochissimo rumore poiché non è presente alcuna ventola all’interno dell’unità.

Lo svantaggio principale di questo design è il fatto che potrebbe essere necessario più tempo per riscaldare una determinata area, quando si confrontano queste stufe con tipi a convezione forzata. Se desideri fornire calore in un’area per lunghi periodi di tempo e non sei preoccupato della velocità con cui il calore si diffonde, una stufa a convezione naturale è un’ottima scelta. Consumano meno energia, sono più silenziose e costano meno della convezione forzata o dei riscaldatori radiativi.

Stufe a propano a convezione forzata

Le stufe a propano a convezione forzata sono molto simili ai modelli a convezione naturale, ma con una leggera modifica: sono dotate di ventilatori per far circolare rapidamente l’aria calda, con conseguente riscaldamento più rapido. I principali svantaggi sono l’aumento della rumorosità e un consumo energetico leggermente superiore. Con una stufa a propano a convezione forzata, dovrai assicurarti che il riscaldatore sia collegato a un’alimentazione di 230 V AX prima di accenderlo.

Molti modelli sono dotati di un interruttore della ventola che consente di far funzionare la stufa in modalità di convezione naturale, riducendo la rumorosità e il consumo energetico ogni volta che non è necessaria quella velocità di riscaldamento aggiuntiva. Alcuni modelli a convezione naturale supportano gli attacchi del ventilatore che possono essere acquistati separatamente, è possibile trasformare questi riscaldatori a convezione naturale in modelli ad aria forzata collegando il kit del ventilatore del ventilatore.

Stufe a propano catalitiche

Le stufe catalitiche sono la soluzione di riscaldamento a base di propano più efficiente e più silenziosa sul mercato. Non generano tanto calore quanto le loro controparti a convezione e producono energia termica radiante proprio come le stufe a infrarossi. L’unico vero svantaggio di questi riscaldatori è che non è possibile utilizzarli in aree più grandi di 25 a 50 metri quadrati. Inoltre, sono piuttosto costosi. Le stufe catalitiche generano calore senza produrre fiamme, lo fanno costringendo il propano a bruciare a una temperatura molto inferiore al suo punto di accensione.

Una piastra riscaldante catalitica impregnata di platino funge da nucleo di questo tipo di stufa, accelera notevolmente le reazioni chimiche che si verificano quando il propano brucia. Un piccolo bruciatore o fiamma pilota situata accanto al pad catalitico lo riscalda fino a quasi 300 gradi ed è fondamentale che l’intero pad sia riscaldato in modo uniforme affinché si verifichi la reazione catalitica.

Una volta che il tampone impregnato di platino raggiunge una temperatura di soglia, i sensori invieranno un comando al circuito di controllo elettronico che poi rilascia propano sul tampone catalitico. Allo stesso tempo, l’aria fresca ricca di ossigeno dall’esterno si diffonde attraverso il tampone e si mescola con il propano. Il risultato è una reazione chimica che scompone rapidamente le molecole di propano e produce calore compreso tra 400 e 950 gradi. Non è caldo come i bruciatori a fiamma blu utilizzati nei riscaldatori a convezione, ma è ottimo per riscaldare piccoli spazi in un breve lasso di tempo.

I migliori riscaldatori catalitici a propano possono raggiungere un’efficienza superiore al 99%, il che è sbalorditivo. Gli unici sottoprodotti generati da questa reazione sono il vapore acqueo e una leggera quantità di anidride carbonica. La maggior parte dei riscaldatori catalitici sono senza canna fumaria o senza sfiato. Sono estremamente compatti e possono essere utilizzati per il riscaldamento a punti in camper, soggiorni e piccole officine.

Riscaldatori radiativi o ad infrarossi

Il riscaldamento a radiazione esiste da più tempo di quanto si pensi: la tecnologia era utilizzata nell’antica Roma per riscaldare pavimenti e pareti in bagni caldi e ville. Sperimentiamo il calore radiante su base giornaliera, ogni volta che siamo esposti ai raggi solari. Hai mai provato un’improvvisa sensazione di calore in una fredda mattina quando i primi raggi di sole ti raggiungono attraverso i vetri delle finestre? Questo perché la luce solare contiene radiazioni infrarosse e l’energia all’interno dei fotoni della luce viene trasferita direttamente alle molecole della tua pelle quando sei esposto alla luce solare.

I riscaldatori a infrarossi sono estremamente silenziosi e trasferiscono il calore direttamente a te invece di riscaldare l’aria circostante. Uno dei principali vantaggi di questo design è che la potenza termica può essere concentrata su una piccola area con grande efficacia. Tuttavia, i riscaldatori radianti non possono coprire aree molto grandi e sono anche più costosi dei riscaldatori a convezione a causa degli elementi che emettono luce a infrarossi. Questi elementi vengono riscaldati da bruciatori a propano ed emettono radiazioni termiche quando si illuminano.