Quando cambiare lo scambiatore di calore della caldaia?

Pensi che lo scambiatore di calore della tua caldaia a gas sia rotto? Lo scambiatore di calore è un componente essenziale nelle caldaie, responsabile del trasferimento efficiente del calore dalla combustione del gas all’acqua fredda. Senza di esso, la tua caldaia non riuscirebbe a riscaldare l’acqua, il che è piuttosto importante. Sfortunatamente, quando lo scambiatore di calore è difettoso, una caldaia può non funzionare, portando ad acqua fredda o tiepida. Allora perché gli scambiatori di calore si guastano?

Cos’è uno scambiatore di calore?

Come suggerisce il nome, uno scambiatore di calore trasferisce il calore tra due sostanze, impedendo loro di entrare in contatto fisico. Nel caso delle caldaie a gas combinate, questo è tra fiamme infernali e acqua fredda. All’interno dello scambiatore di calore è presente un tubo a spirale, che è circondato dall’acqua fredda, pronto per essere riscaldato. Una volta che il calore infernale delle fiamme passa, l’acqua si riscalda. Questo sistema mantiene separate le sostanze, il che è super efficiente.

Lo scopo di uno scambiatore di calore è trasferire il calore da un fluido all’altro, da cui il nome. Nel caso di una caldaia, ciò significa trasferire il calore dal gas all’acqua che circolerà intorno alla tua casa ai termosifoni e al serbatoio dell’acqua calda. Le caldaie non a condensazione sono dotate di 1 solo scambiatore di calore, mentre le moderne unità a condensazione ne hanno 2, massimizzando la loro efficienza e contribuendo a risparmiare sulla bolletta energetica.

Quando accendi il riscaldamento, l’acqua circola intorno ai termosifoni di casa tua, ma sarà in grado di riscaldare l’ambiente solo se è caldo. È qui che entra in gioco uno scambiatore di calore. Le caldaie a gas bruciano gas, che poi si riscalda e sale verso lo scambiatore di calore attraverso il quale passa l’acqua fredda. Mentre l’acqua circola, il calore viene trasferito dal gas all’acqua, che poi si riscalda per riscaldare efficacemente i termosifoni o fornire acqua calda per un serbatoio.

Quindi, siamo partiti con gas caldo e acqua fredda ma grazie allo scambiatore di calore, si finisce con gas più freddo e acqua più calda senza che i 2 fluidi debbano nemmeno incontrarsi.

Poiché la caldaia è in funzione, vengono prodotti gas di scarico e hanno bisogno di un modo sicuro per lasciare l’edificio, motivo per cui le caldaie a gas hanno una canna fumaria. È un tubo o condotto bianco o nero, che vedrai sul lato delle case e degli edifici, che espelle il gas nell’atmosfera. A causa di questi gas di scarico potenzialmente dannosi, le normative sui fumi delle caldaie sono in vigore per proteggere te, la tua casa e i tuoi vicini.

Scambiatori di calore in caldaie non a condensazione ed a condensazione

Per legge, tutte le nuove caldaie devono essere a condensazione in quanto sono molto più efficienti delle unità senza condensazione. Ciò è dovuto alle caldaie a condensazione con 2 scambiatori di calore interni, 1 in più rispetto alle controparti senza condensa, il che significa che sono in grado di catturare e riutilizzare il calore dai gas di scarico. Diamo un’occhiata alla differenza tra il modo in cui funzionano queste caldaie.

Senza condensazione

Le unità senza condensazione hanno 1 scambiatore di calore, nel quale entra l’acqua fredda per essere riscaldata e poi circola in casa fino ai termosifoni e al serbatoio dell’acqua calda. I gas di scarico vengono inviati all’esterno tramite una canna fumaria, che può raggiungere temperature fino a 250 ° C, mostrando quanto calore viene sprecato. Questo non è un processo molto efficiente, motivo per cui le caldaie a condensazione sono state rese obbligatorie. Sono migliori per l’ambiente e per il tuo conto in banca grazie a un secondo scambiatore di calore.

Caldaie a condensazione

Le caldaie a condensazione sono dotate di 2 scambiatori di calore principali, il che significa che sono in grado di riciclare il calore dei gas di scarico, aumentandone l’efficienza. Per cominciare, l’acqua fredda entra nella camera secondaria, assorbendo il calore dai fumi che altrimenti verrebbe sprecato da un’unità non condensante. L’acqua passa quindi attraverso lo scambiatore di calore primario, riscaldandosi ulteriormente prima di arrivare ai radiatori e ai serbatoi dell’acqua calda.

È chiaro quanta differenza fa un secondo scambiatore di calore dalla temperatura della canna fumaria. Una canna fumaria a condensazione può essere più fredda di 200 °C rispetto a una canna fumaria senza condensa, che viene trasferita all’acqua anziché uscire nell’atmosfera. Perché questa è una cosa buona? In poche parole, il tuo sistema di riscaldamento sarà molto più efficiente, il che ti aiuterà a risparmiare sulle bollette energetiche.

Problemi comuni dello scambiatore di calore della caldaia

Gli scambiatori di calore sono una parte importante di qualsiasi caldaia, quindi nell’improbabile caso in cui incontrino un problema, è bene essere in grado di identificarlo in anticipo in modo che possa risolverlo rapidamente. Di seguito abbiamo evidenziato alcuni dei problemi più comuni dello scambiatore di calore della caldaia.

Rumori strani

Se senti rumori simili a quelli di un bollitore che bolle, è probabile che il tuo sistema di riscaldamento si stia bollendo. Ciò è causato dalla formazione di fanghi o calcare sullo scambiatore di calore, che limitano il flusso dell’acqua. Ciò può far sì che il tuo sistema costi di più per l’esecuzione e riduca la sua durata potenziale. Consigliamo vivamente di rivolgersi a un tecnico professionista se il sistema si sta surriscaldando, poiché sarà in grado di svuotare il sistema, rimuovere l’accumulo di depositi e farlo funzionare di nuovo in modo efficiente.

Perdita

Qualsiasi perdita o gocciolamento da uno scambiatore di calore è più comunemente causata da un componente interno rotto, tipicamente una guarnizione della pompa o una valvola di pressione. L’acqua proveniente dalla guarnizione della pompa significa che probabilmente si è consumata nel tempo e deve essere sostituita. Una perdita da una valvola di pressione suggerisce che la pressione della caldaia è troppo alta.

Formazione di calcare

Il calcare di solito non è un problema a meno che tu non viva in una zona con acqua dura. Questa sostanza bianca e gessosa può causare danni a elettrodomestici e tubazioni, accumulandosi nel tempo e lasciando depositi sui componenti chiave. L’acqua che scorre attraverso il sistema di riscaldamento e la caldaia può essere un problema se contiene molti di questi minerali. È particolarmente problematico per gli scambiatori di calore, poiché sono costantemente esposti all’acqua dura e soggetti a depositi di calcare.

Riparazione di uno scambiatore di calore rotto

Non tentare di riparare da soli un problema con lo scambiatore di calore, ma contattare un tecnico qualificato che sarà in grado di eseguire il lavoro in sicurezza.

Costo di sostituzione dello scambiatore di calore

Nel caso in cui lo scambiatore di calore della caldaia sia irreparabile, sarà necessario sostituirlo. Uno scambiatore di calore sostitutivo costa in genere tra 300 e 500 euro, ma questo varia a seconda del modello. Questo costo potenziale è solo per il componente stesso e non include quanto addebiterà il tecnico per l’esecuzione del lavoro. Diversi tecnici avranno prezzi diversi, motivo per cui consigliamo vivamente di ottenere preventivi da diversi installatori per aiutarti a trovare l’affare migliore.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *