Quando conviene sostituire la propria caldaia a gas

“Devo sostituire la mia caldaia con una caldaia a condensazione?” è una delle domande più frequenti che la gente si pone riguardo alle caldaie a gas. In questo articolo proveremo a darti consigli concreti e approfonditi sull’opportunità o meno di spendere i tuoi sudati guadagni per una nuova caldaia. Secondo una stima, il riscaldamento rappresenta circa il 55% di ciò che spendi in un anno in bollette energetiche. Quindi, una nuova caldaia a condensazione ad alta efficienza fa una grande differenza.

Innanzitutto mettiamo la logica al di sopra delle emozioni e diamo uno sguardo ai motivi legittimi per la sostituzione della caldaia:

  1. Odora (la sicurezza prima di tutto)

No, non credo che spruzzare deodorante sulla tua caldaia risolverà questo problema. L’unica volta che una caldaia emette un odore è quando c’è qualcosa che non va.

Se la caldaia funziona correttamente, la fiamma dovrebbe essere sempre blu. Se la fiamma appare gialla, potrebbe essere un segno di monossido di carbonio. Se vedi una fiamma gialla, potrebbe essere potenzialmente pericolosa. Ogni giorno almeno quattro persone devono frequentare i servizi di pronto soccorso in tutto il Paese con sospetto avvelenamento da monossido di carbonio.

Anche se il monossido di carbonio di per sé è inodore, potrebbe interferire con il modo in cui la caldaia brucia il combustibile. Per favore NON ignorarlo. A bassi livelli, può replicare sintomi simili all’influenza come: nausea, vertigini, mal di testa, sensazione letargica. Ma un’esposizione grande e prolungata può causare difficoltà respiratorie e persino la morte.

Dopo aver chiesto a un tecnico di ispezionare la caldaia per rilevare eventuali perdite di monossido di carbonio e aver risolto eventuali problemi, non aspettare che accada di nuovo. Alla fine è una tua decisione, ma dopo averlo affrontato una volta, riteniamo che la tua prossima domanda dovrebbe essere “Devo sostituire la mia caldaia?”

  1. Bollette ad alta energia

Se ti senti come se stessi pagando molto di più di quanto dovresti realmente per le bollette energetiche, potresti aver bisogno di una sostituzione della caldaia. Secondo gli esperti, puoi risparmiare fino al 30% – e in pratica circa 500 euro all’anno – sulla bolletta energetica sostituendo la tua vecchia caldaia con una moderna caldaia a condensazione.

  1. La tua caldaia ha più di 15 anni

Se la tua caldaia esistente ha più di 15 anni, è molto probabile che non sia una caldaia a condensazione. Cos’è una caldaia a condensazione? In breve: i gas di scarico di una caldaia sono costituiti principalmente da vapore caldo con un certo contenuto di acido. Le caldaie senza condensa di età superiore a 15 anni lasciano uscire questi gas di scarico attraverso la canna fumaria. Quindi esse sprecano energia che può essere recuperata. Il vapore caldo contiene energia e le moderne caldaie a condensazione raccolgono quell’energia riciclando i gas di scarico caldi attraverso lo scambiatore di calore primario prima che escano attraverso la canna fumaria all’esterno.

  1. La caldaia si guasta spesso

Se hai già speso un paio di centinaia di euro per la riparazione della caldaia nell’arco di un anno, hai speso troppo. Aggiungi questa cifra alle bollette energetiche elevate a causa della bassa efficienza energetica causata dall’usura e dalla corrosione dei componenti interni di una caldaia, e scoprirai che stai pagando una fortuna per riscaldare la tua casa.

Probabilmente, è inutile continuare a pagare i tuoi soldi guadagnati duramente per riparare una caldaia che ti fa perdere soldi sulle bollette energetiche a breve e lungo termine. Investire in una caldaia di fascia alta ora può garantire riscaldamento e acqua calda senza mal di testa per almeno 2 decenni.

  1. I radiatori impiegano molto tempo per riscaldarsi

Ciò potrebbe essere dovuto a un paio di motivi:

  • Aria intrappolata. I radiatori potrebbero aver bisogno di eliminare l’aria.
  • Verifica che le valvole di blocco del radiatore siano aperte.
  • Controllare se le valvole termostatiche del radiatore sono accese.
  • I tuoi radiatori potrebbero aver bisogno di un risciacquo elettrico o chimico.

Se hai provato tutto quanto sopra, ma il problema persiste, è abbastanza chiaro che il problema riguarda la tua caldaia o il sistema di riscaldamento. E se non può essere riparato, o sei stanco di pagare per le riparazioni senza molto ritorno, la soluzione può essere la sostituzione della caldaia.

  1. La caldaia perde

In breve, i motivi per cui la tua caldaia perde acqua possono essere:

  • Guasto valvola pressione caldaia
  • Perdita dalla valvola di temperatura
  • Corrosione nel tuo sistema
  • Raccordi per tubi che perdono
  • Perdite dalle guarnizioni della pompa della caldaia
  • Corrosione dello scambiatore di calore.

Soprattutto se c’è corrosione sullo scambiatore di calore, può essere molto costoso sostituirlo. E se la tua caldaia ha più di 15 anni, è una caldaia senza condensa e il produttore probabilmente non produce più quei pezzi di ricambio, ti conviene prendere seriamente in considerazione la sostituzione della caldaia.

Devo sostituire la mia caldaia anche quando funziona?

Dipende da un paio di fattori. Se sei soddisfatto del tuo riscaldamento e dell’acqua calda e delle tue bollette energetiche, fantastico, non c’è bisogno di riparare ciò che non è rotto. È così che pensa la maggior parte delle persone. Tuttavia, come accennato in precedenza, se la tua caldaia ha più di 12 anni ed è una caldaia senza condensa, è probabile che funzioni a bassa efficienza energetica.

Il che significa che sta bruciando più combustibile del necessario, perché è più difficile riscaldare la casa a causa della corrosione dei componenti interni. E potresti vedere le tue bollette energetiche aumentare gradualmente nel tempo. Se ritieni che le tue bollette energetiche potrebbero essere inferiori. E hai già pagato un paio di 100 euro per la riparazione della caldaia quest’anno, o non riesci a trovare pezzi di ricambio perché il produttore ha smesso di produrli, allora è il momento perfetto per porsi questa domanda: “Devo sostituire la mia caldaia?”.

Una maggiore efficienza energetica si traduce in risparmio di denaro

Supponiamo che tu abbia una caldaia più vecchia e senza condensa. Queste hanno circa l’80-85% di efficienza quando sono nuove. E nel corso degli anni l’efficienza scende al 70% o addirittura al 50% a causa della corrosione causata da forti sollecitazioni termiche simili a un forno sui componenti interni della caldaia. In particolare lo scambiatore di calore primario è stressato dall’uso quotidiano, soprattutto in inverno.

In termini monetari, un’efficienza del 70% significa che stai perdendo 30 euro per ogni 100 euro che spendi in bollette energetiche. Ciò può accumularsi raggiungendo una grossa cifra in un anno, soprattutto se spendi anche soldi per le riparazioni della caldaia. È una battaglia persa e il prossimo passo logico è chiedersi davvero: devo continuare a buttare via denaro o devo sostituire la mia caldaia?

Come può una caldaia a condensazione far risparmiare denaro?

Le caldaie a condensazione hanno un’efficienza superiore al 90% e possono raggiungere un’efficienza energetica fino al 94% con l’aiuto di termostati intelligenti programmabili e termostati di apprendimento intelligenti, abilitati a Internet. Alcune caldaie di alta qualità funzionano con un’efficienza sorprendente del 98% e possono persino raggiungere un’efficienza del 100% se è sempre in modalità di condensazione riciclando l’aria esterna.

Cosa significa in termini monetari? Un’efficienza energetica dal 94% al 98% significa che stai perdendo solo da 2 a 6 euro per ogni 100 euro spesi in bollette energetiche, che è trascurabile rispetto a 30 o 50 euro per le vecchie caldaie senza condensa.

La sostituzione di una caldaia avrà il maggiore impatto sulle bollette energetiche. Ma prima di porre la domanda “Dovrei sostituire la mia caldaia per risparmiare sulla bolletta energetica”, forse alcune misure di risparmio energetico potrebbero aiutarti a risparmiare molto in più e mantenere la tua casa calda per gli anni a venire:

  • Isola le pareti della cavità e il sottotetto
  • Proteggi le tue finestre e porte dalle correnti d’aria
  • Isola le finestre e utilizza tende spesse
  • Usa un termostato programmabile o intelligente
  • Passa a una tariffa energetica più conveniente.

Fare tutto quanto sopra insieme alla sostituzione della caldaia può farti risparmiare una “tonnellata” di denaro a lungo termine. Inoltre, hai una casa confortevole, calda e accogliente dove non devi chiederti perché fa ancora freddo con il termostato al massimo!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *