Quanta condensa produce una caldaia a condensazione?

Le caldaie a condensazione raggiungono una maggiore efficienza energetica rispetto alle caldaie standard condensando il vapore acqueo nei fumi e utilizzando l’energia latente recuperata attraverso questo processo per riscaldare l’acqua di ritorno che entra nello scaldacqua. Il processo di condensazione si ottiene facendo passare i fumi caldi convogliati attraverso l’acqua di ritorno del refrigeratore che rifluisce nella caldaia. I fumi iniziano a condensare quando scendono al di sotto del punto di rugiada di 55 °C.

Cos’è la condensa di una caldaia?

Una caldaia a condensazione estrae calore aggiuntivo dai gas di scarico condensando questo vapore acqueo in acqua liquida, recuperando così il suo calore latente di vaporizzazione. La condensa prodotta è leggermente acida (pH 3-5), quindi nelle aree in cui è presente del liquido devono essere utilizzati materiali idonei. Ci si potrebbe anche chiedere, cosa esce dal tubo della condensa di una caldaia?

Il tubo della condensa è un tubo attraverso il quale una caldaia a condensazione scarica le acque reflue del processo di condensazione nella fogna. Poiché non è possibile utilizzare tubazioni metalliche, spesso è facilmente identificabile come l’unico tubo in plastica collegato alla caldaia.

Quanta acqua produce una caldaia a condensazione?

Una efficiente caldaia a condensazione produrrà circa 2 litri di acqua di condensa all’ora ad una temperatura di circa 30-40 ° C. Questo deve essere smaltito in modo sicuro, all’interno del sistema di acque reflue degli edifici.

Come regola generale, vengono prodotti 3,5 litri di condensa per ogni 30 kW di ingresso a condizione che la caldaia funzioni in modalità di condensazione completa. Una caldaia da 30 kW in ingresso che funziona per 1200 ore all’anno produrrà circa 4200 litri di condensa.

Quanto è corrosiva la condensa della caldaia?

Questo liquido di condensa risultante è acido e richiede un trattamento per evitare danni ai sistemi di tubazioni, ai sistemi fognari e ad altri elementi con cui potrebbe entrare in contatto.

Infatit, l’acido carbonico è un acido debole, ma poiché l’acqua di condensa è pura, questo acido debole riduce il pH in modo significativo, spesso nell’intervallo 5-6. A questo pH basso, l’acqua di condensa è molto corrosiva per le tubazioni in acciaio al carbonio.

La condensa trattata dovrebbe essere il più vicino possibile a 7 (neutro) come pH, con 5 come minimo. La maggior parte dei codici nazionali e statali proibisce a chiunque di consentire a liquidi acidi in un sistema di drenaggio senza trattarlo per aumentarne il pH.

Per aumentare il pH a livelli accettabili, per cui non ha più il potenziale di danneggiare il sistema fognario o l’ambiente, è necessario installare un neutralizzatore di condensa. I neutralizzatori di condensa sono progettati specificamente per questo compito e sono costituiti da un serbatoio o modulo contenente aggregati o trucioli di calcare alcalino.

Cosa è un neutralizzatore di condensa?

La condensa prodotta da apparecchiature di condensazione ad alta efficienza, comprese caldaie a gas residenziali e commerciali, scaldacqua e forni, ha un pH intrinsecamente basso (è acido) e rappresenta un problema per le tubazioni fognarie e i sistemi settici.

Perché utilizzare un neutralizzatore di condensa?

Quando le griglie di drenaggio in metallo (soprattutto rame e ottone), le tubazioni di scarico e i raccordi sono esposti alla condensa, si corrodono rapidamente, causando spesso danni estesi e costose riparazioni. Sebbene le tubazioni in PVC siano molto più resistenti alla condensa rispetto al metallo, non è sempre possibile dire se ci sono parti metalliche (soprattutto in rame) più in basso lungo la linea di scarico.

Anche una combinazione di un sistema settico con apparecchiature ad alta produzione di condensa (ad esempio un forno) può rappresentare un problema poiché la condensa acida uccide i batteri benefici nelle fosse settiche e quindi interrompe il loro normale funzionamento.

In entrambi gli scenari, i vantaggi e la tranquillità derivanti dall’installazione di un neutralizzatore di condensa superano di gran lunga i rischi di non averne uno. Ma come selezionare un neutralizzatore di condensa di dimensioni adeguate?

Il modo più semplice per dimensionare un neutralizzatore è dalla quantità di condensa prodotta dall’attrezzatura di condensazione in un’ora. Se questi dati non sono disponibili, i produttori suggeriscono di utilizzare la classificazione BTU dell’apparecchiatura.

È possibile sottodimensionare il neutralizzatore solo se il volume della condensa prodotta supera la capacità del neutralizzatore. In genere non è possibile sovradimensionare il neutralizzatore di condensa: il mezzo del neutralizzatore durerà semplicemente più a lungo, ma altrimenti non darà alcun vantaggio o causerà un problema.

Ogni quanto tempo deve essere sostituito il mezzo neutralizzante dipende dalla frequenza di utilizzo e dal volume di condensa trattata. Poiché entrambi i fattori variano notevolmente, i produttori di neutralizzatori di condensa non forniscono questo tipo di dati e suggeriscono invece di sostituire il supporto secondo necessità.

Livelli di acidità

Il livello di acidità della condensa in una caldaia a condensazione o in altri sistemi viene misurato come pH. La maggior parte della condensa degli apparecchi a gas naturale avrà un pH compreso tra 2,0 e 4 con 7 neutro. Il pH effettivo varierà in base alla composizione chimica effettiva del carburante che viene bruciato.

La condensa contiene diversi tipi di acidi che sono corrosivi per molti materiali e contengono concentrazioni di acidi nitrico, nitroso, solforico e solforoso e cloridrico. Questi acidi possono diventare più concentrati da ripetute condensazioni ed evaporazioni su scambiatori di calore e camini.

Un pH di 4 può danneggiare i tubi di drenaggio, le fosse settiche, gli impianti di trattamento e altri materiali che trattano le acque reflue. La scala del pH non è lineare. Ogni gradino di un numero intero inferiore a 7 è 10 volte più acido del numero successivo più alto.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *