Quanta energia elettrica consuma un acquario?

Il consumo di elettricità dell’acquario è un importante fattore di costo, terzo solo ai costi del cibo e della manutenzione. Questo perché hai bisogno di più elettricità per far funzionare cose come filtri, luci, riscaldatori, skimmer di proteine, pompe ad aria, pompe dell’acqua e filtri UV. Spesso, la manutenzione di un acquario è più di un semplice drenaggio della tua pazienza: può essere un salasso per il tuo portafoglio grazie anche ai costi di gestione. Continua a leggere di seguito per vedere quanto puoi aspettarti di pagare in termini di consumo energetico per mantenere il tuo hobby. Quindi, quanto costa gestire un acquario?

Fattori che incidono sul consumo elettrico di un acquario

Nel complesso, l’uso dell’elettricità negli acquari dipende fortemente da alcuni fattori:

  • Illuminazione: che tipo di lampadine usi, quante ce ne sono e per quanto tempo restano accese
  • Riscaldamento: quale temperatura imposti, se si tratta di pesci tropicali o d’acqua dolce e per quanto tempo tieni acceso il riscaldamento
  • Extra: cose extra come pompe dell’acqua e dell’aria, filtri UV e piante da sole non consumano molto, ma insieme potrebbero aggiungere fino a qualche dollaro e centesimo

Naturalmente, non saprai esattamente quanta energia consumano i componenti del tuo acquario a meno che non abbiano una classificazione energetica allegata, o non controlli tu stesso il consumo di energia in un determinato periodo, tenendo conto dei flussi e riflussi di riscaldamento e illuminazione.

Bene, la tua bolletta elettrica aumenterà sicuramente a seconda di quanto è grande il tuo serbatoio e dei tipi di pompe e filtri che hai. E luci. Se sai cosa stai pagando per l’elettricità ora, di solito ti viene fatturato per chilowatt, puoi calcolare i watt del tuo acquario semplicemente sommando tutte le parti del tuo acquario.

  1. Illuminazione

Simile alle normali lampadine intorno alla tua casa, diversi tipi di lampadine che illuminano il tuo acquario possono ovviamente influenzare la quantità di energia che usi e di conseguenza potrebbero influenzare la tua bolletta elettrica. In molti casi, l’illuminazione dell’acquario è il fattore più importante che influenza il consumo di energia: a volte la metà dei costi di gestione dell’acquario potrebbe essere attribuita all’illuminazione!

Gli acquari usano comunemente lampadine fluorescenti, che comunemente usano ovunque da 15-40 watt. Tuttavia, gli acquari richiedono comunemente lampadine a wattaggio più elevato. I carri armati piantati di solito richiedono compatti che consumano fino a 100 watt, mentre i tuoi bei carri armati di barriera corallina, ma con una manutenzione più elevata, possono utilizzare alogenuri metallici, che possono utilizzare fino a 1000 watt!

Supponendo il peggio, i serbatoi di barriera richiedono generalmente 4-8 watt ogni 4 litri di acqua, che equivale a circa due alogenuri metallici di capacità di 1000 watt. La durata dell’illuminazione per il tuo acquario varia a seconda del tuo gusto personale e delle tue esigenze. In genere, 12 ore sono una durata “normale”, che equivale, per il nostro esempio sopra, a 24 kWh al giorno. Usando la nostra metrica di 28c/kWh, ciò equivale a 6,7 euro al giorno!

Naturalmente, sono stati usati ancora esempi estremi, ma ciò dimostra come, proprio come la maggior parte degli altri elettrodomestici in casa, l’illuminazione del tuo acquario possa facilmente essere un’impresa non da poco.

  1. Riscaldamento

Essendo il secondo più grande consumatore di energia nel tuo acquario, i riscaldatori potrebbero sorprendentemente usare meno energia dell’illuminazione, ma hanno ancora la propensione a aumentare il consumo energetico in generale. I pesci d’acqua dolce generalmente possono cavarsela con temperature intorno ai 22°C, ma i pesci tropicali hanno bisogno di temperature intorno ai 28°C e, naturalmente, più grande è l’acquario, più energia è necessaria per mantenere queste temperature. Gli acquari in ambienti più caldi richiedono generalmente meno energia per riscaldarsi rispetto a quelli in ambienti più freddi: ecco perché in inverno la bolletta elettrica potrebbe aumentare.

Gli ambienti più freddi richiedono riscaldatori con capacità maggiori Se hai bisogno di riscaldare il tuo acquario per dire 10 ° C sopra la temperatura ambiente durante la notte, un serbatoio da 4 ‘potrebbe richiedere due riscaldatori, con una capacità di 100 watt ciascuno. Se funzionano 12 ore al giorno, ciò equivale a 2,4 kWh al giorno Questo può equivalere a costi di circa 0,7 euro al giorno Come previsto, l’utilizzo varia a seconda del pesce, delle dimensioni dell’acquario, dell’ambiente e delle proprie preferenze. Potresti scoprire che il riscaldamento del tuo acquario costa meno o molto di più.

  1. Attrezzature extra

In misura minore rispetto al riscaldamento e all’illuminazione, anche le pompe e i filtri UV hanno la possibilità di contribuire alla bolletta dell’elettricità:

  • Ancora una volta, le dimensioni della pompa dell’acqua necessarie dipendono ampiamente dalle dimensioni del tuo acquario e da quanti litri all’ora (LPH) dovrai attraversare
  • Un serbatoio da 4′ avrà bisogno di una pompa dell’acqua di circa 1100 LPH: le pompe di queste dimensioni possono consumare circa 30 watt al giorno, ma possono facilmente superarlo
  • I filtri UV possono consumare minuscole quantità di energia, ma alcuni possono consumare fino a 100 watt.
  • I serbatoi densamente piantumati richiedono anche un’ulteriore filtrazione, pompaggio e luci UV per mantenere la salute del serbatoio e prevenire l’accumulo di alghe e funghi

Consumo generale di elettricità dell’acquario

Se vuoi conoscere la quantità esatta di consumo di elettricità dell’acquario, vedrai che in realtà dipende dalle dimensioni del tuo acquario. In generale, questo è il seguente:

  • Un piccolo acquario d’acqua dolce (circa 40 litri) utilizza circa 150 kWh all’anno.
  • Un acquario medio di acqua dolce (circa 110 litri) utilizza circa 150 – 200 kWh all’anno.
  • Un grande acquario d’acqua dolce (circa 210 litri) utilizza circa 200 – 400 kWh all’anno.

Quando si dimensionano gli acquari si può capire quanti ampere o quanti watt useranno. Spendiamo un po’ più di denaro in schiumatoi di proteine ​​più efficienti e pompe di ritorno in modo che alla fine, a lungo termine, il serbatoio costerà meno per funzionare. Andare con le luci a LED rispetto a quelle T5 o agli alogenuri metallici ti farà risparmiare denaro a lungo termine perché usano meno watt e ti danno più potenza per watt. Quindi, spendere un po’ più soldi in anticipo ti farà risparmiare denaro ogni mese.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *