Quanti kW sono necessari per alimentare una casa?

Le case moderne utilizzano molti più apparecchi elettrici che mai e, di conseguenza, è necessaria molta più energia elettrica per poter far funzionare la casa media. I progressi nell’isolamento e nella tecnologia moderna hanno fatto molto per sfruttare al massimo il nostro consumo energetico, ma ci sono ancora diverse azioni che possiamo intraprendere per ridurre ulteriormente il nostro consumo di energia. Qui diamo uno sguardo a quanta energia è necessaria per gestire una casa normale, nonché ad alcuni modi per ridurre al minimo la quantità che stai utilizzando.

In una normale casa da 100 mq, 3 kW sono in genere sufficienti, a meno che non usi la rete anche per ricaricare la tua auto elettrica. Altrimenti puoi richiedere un contratto da 4,5 kW o 6 kW o più, a seconda delle tue esigenze. Ovviamente, la quantità di energia necessaria per gestire una casa varierà notevolmente in base al modo in cui vivi e alla quantità di elettrodomestici, controllo della temperatura e così via, che usi regolarmente. Potrebbe anche dipendere da:

  • quanto è grande la tua residenza
  • il numero di persone che vivono lì
  • il tipo e il numero di apparecchi
  • quando e come vengono utilizzati gli apparecchi
  • che tu abbia una piscina, una spa, un condizionatore d’aria o altri dispositivi che richiedono molta energia
  • il clima in cui vivi (e quindi se hai bisogno di usare più riscaldamento rispetto ad altri luoghi).

È relativamente facile capire quanta elettricità consumano i tuoi elettrodomestici se conosci il loro wattaggio. Il wattaggio è solitamente stampato sull’apparecchio o sulla sua confezione ed è seguito da una “W” per i watt o “kW” per i kilowatt. Questo ti dirà quanta elettricità utilizzerà l’apparecchio per ogni ora di funzionamento.

Sebbene i volumi possano variare notevolmente, in media si utilizza il 40% dell’energia domestica per il riscaldamento e il raffreddamento, il 25% per il riscaldamento dell’acqua, il 16% per l’elettronica e gli elettrodomestici, il 7% per i frigoriferi e i congelatori, il 7% per il illuminazione, il 4 per cento in cucina e il 3 per cento in stand-by.

Quanta elettricità consumano i tuoi elettrodomestici?

Il consumo di elettricità dei tuoi elettrodomestici varia notevolmente, a seconda delle dimensioni e del modello, dell’impostazione di temperatura o velocità scelta e del clima locale. Tuttavia, conoscere la potenza nominale approssimativa degli elettrodomestici ti aiuterà a monitorare il consumo di elettricità della tua casa.

Per una misurazione più precisa, è possibile controllare gli apparecchi a 230 volt con un monitor dell’utilizzo dell’elettricità. Questo terrà traccia della potenza assorbita con un uso normale e anche del “carico fantasma” quando il dispositivo è in stand-by. Ecco i consumi di alcuni apparecchi comuni:

  • Lampadina a LED a risparmio energetico: consuma pochissima energia, ma a seconda di quante lampadine hai acceso, potrebbe presto accumularsi.
  • Bollitore: Il bollitore medio contiene 1,5 litri di acqua e utilizza circa 0,1 kWh di elettricità per far bollire per 3 minuti.
  • Forno elettrico: i fornelli elettrici consumano circa 0,87 kWh di elettricità all’ora.
  • Frigo-congelatore: sono attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Un frigorifero da 240 litri utilizza 269 kWh all’anno e gli ingombranti frigocongelatori in stile americano consumano circa 358 kWh.
  • Computer: il PC medio necessita di circa 1,3 kWh di elettricità (per funzionare per tre ore.
  • TV: la maggior parte delle Smart TV da 55 pollici utilizza circa 1 kWh per alimentare circa 12 ore di visione.

Come risparmiare energia elettrica

Considerando che gli esseri umani hanno vissuto per migliaia di anni senza elettricità e sono sopravvissuti benissimo, è incredibile vedere quanto le persone siano diventate dipendenti dall’elettricità. La maggior parte di noi si sente persa in un blackout. Ma l’elettricità non è magica e richiede molte risorse naturali per funzionare. Quindi risparmiare energia non è solo un bene per le bollette elettriche, ma aiuterà a ridurre le emissioni di carbonio che stiamo rilasciando nell’atmosfera.

Ci sono molti semplici modi per essere responsabili del consumo di energia e risparmiare energia nella tua casa. Ecco alcune delle cose che puoi fare per ridurre il consumo di energia della tua casa:

  • Lava i tuoi vestiti in acqua fredda
  • Imposta il computer in modo che passi alla modalità “sospensione” quando non è in uso
  • Utilizza meglio la luce naturale
  • Guarda meno televisione
  • Fai docce più brevi
  • Isolare nuovamente la tua casa
  • Riduci al minimo l’utilizzo dell’aria condizionata
  • Spegnere gli elettrodomestici dalla parete quando non sono in uso
  • Usa una lampada al posto di una luce principale quando hai bisogno solo di una piccola quantità di luce
  • Usa lampadine a risparmio energetico, come i globi fluorescenti compatti
  • Spegni sempre le luci nelle stanze che non utilizzi
  • Usa un bollitore elettrico per far bollire l’acqua invece del fornello
  • Fai funzionare la lavastoviglie solo quando è piena e utilizza il ciclo di risparmio energetico ove possibile
  • Asciugare i vestiti in modo naturale piuttosto che nell’asciugatrice, ove possibile
  • Vestiti in modo appropriato per le stagioni, invece di rivolgerti immediatamente a condizionatori o stufe
  • Isolare il tetto.


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *