Quanto dura una stufa a pellet?

Una delle domande più comuni poste in relazione alle stufe a pelle e di quelle a legna è quanto dovrebbero durare. Questo non è un argomento trattato in modo molto dettagliato su Internet, ma è uno che potrebbe sorprendere molte persone. Quindi, dopo aver investito una notevole quantità di denaro nella tua nuova stufa a legna, quanto tempo dovresti aspettarti che duri? Qui troverai la risposta a questa importante domanda.

La durata della stufa a pellet e quella di un sacco di pellet

Le stufe a pellet hanno generalmente una durata inferiore rispetto alle stufe a legna: da 15 a 20 anni, contro i 20 a 25 anni per queste ultime. La stragrande maggioranza delle stufe a pellet funziona con pellet di legno, costituito da segatura o residui di legno compresso. Dunque le stufe a pellet hanno una durata media di 15-20 anni con una corretta manutenzione.

Inoltre, ci si potrebbe domandare quanto brucia una stufa a pellet in un giorno? La maggior parte delle stufe a pellet brucerà 0,5-4 kg di pellet all’ora. Ogni kg di pellet di legno produce circa 15.000 btu all’ora. Una casa media di 120 metri quadrati nel nord-est richiede da 30.000 a 40.000 btu all’ora o brucia da 1,5 a 2 kg di carburante all’ora durante i periodi più freddi.

Allo stesso modo ci si potrebbe chiedere, quanto dura un sacco di pellet da 20 kg in una stufa a pellet? Per semplificare le cose, se la stufa è impostata su un livello basso / moderato (livello 2-3 di 5), un sacco di pellet di legno premium durerà per 16-18 ore di combustione continua.

Inoltre ci si potrebbe chiedere quanti sacchi di pellet usa una stufa a pellet? Quando viene bruciato in una stufa a pellet, un sacco di pellet può fornire fino a un giorno intero di calore costante. In media, la fornitura di pellet per un inverno è compresa tra 100 e 150 sacchi (2-3 tonnellate), a seconda del clima, delle dimensioni della casa e delle variazioni dello stile di vita.

Inoltre, le stufe a pellet valgono i soldi spesi. Le stufe a pellet possono essere una fonte di calore primaria o secondaria efficace ed economica per la maggior parte delle abitazioni. “Gli apparecchi a pellet sono quasi sempre meno costosi da utilizzare rispetto agli apparecchi a resistenza elettrica, petrolio e propano”, come afferma il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti (DOE).

Garanzia sul corpo stufa

Che tu abbia una stufa a pelle o a legna tradizionale o contemporanea, non sorprende sapere che il corpo della tua stufa è la parte più resistente. Questo è il motivo per cui i produttori di stufe a pellet o a legna offrono una garanzia estesa sul corpo della stufa con la maggior parte dei pezzi di ricambio non coperti. Alcune persone potrebbero essere un po’ preoccupate che sia solo il corpo della stufa a essere incluso nella garanzia estesa, ma non c’è motivo di preoccuparsi.

Negli anni abbiamo affrontato in modo molto dettagliato il tema della manutenzione delle stufe a pellet o  a legna. Non stiamo parlando di smontarle e rimontarle con un programma di manutenzione, stiamo semplicemente parlando di rimuovere la cenere in eccesso su base regolare, controllare vari elementi per crepe e segni di usura e sostituire le parti come e quando appropriato. La stragrande maggioranza delle parti di ricambio sono relativamente economiche e facili da montare senza richiedere l’assistenza di un installatore qualificato.

Se pensi a una manutenzione regolare simile a un servizio regolare per la tua auto, sappiamo per esperienza che un’azione tempestiva sui pezzi di ricambio può impedire un effetto a catena su altre aree della tua macchina. Risparmiare qualche euro sui pezzi di ricambio puntando al breve termine potrebbe in teoria costarti una fortuna a lungo termine e potenzialmente rovinare la tua stufa.

Quanto dovrebbe durare una stufa a legna?

Abbiamo sentito parlare di stufe che durano fino a 40 anni con regolare manutenzione e utilizzando il giusto combustibile. Sebbene varie parti possano essere state sostituite in quel periodo, deflettori, mattoni refrattari, ecc., è il corpo della stufa che è estremamente resistente e duraturo.

Se usi la tua stufa in modo errato, il calore in eccesso può effettivamente rompere e fratturare il corpo della tua stufa che è a tutti gli effetti insostituibile. Anche se abbiamo sentito parlare di stufe che durano più di 40 anni, ciò non significa che tutte le stufe dureranno per questo lasso di tempo. Tuttavia, non c’è motivo per cui non dovresti essere in grado di contare l’età della tua stufa in decenni verso la fine della sua vita naturale.

Quali sono i vantaggi delle stufe a pellet?

Le stufe a pellet sono ideali per fornire un riscaldamento supplementare nelle mezze stagioni. In quanto tali rappresentano un buon rapporto qualità-prezzo (anche se il pellet è diventato più costoso rispetto ad altre fonti di energia), perché l’utilizzo di una stufa evita di dover riavviare il riscaldamento ad inizio inverno e permette di spegnerlo anticipatamente alla fine del stagione di riscaldamento. Fornisce inoltre sollievo al sistema di riscaldamento centralizzato durante la stagione fredda.

Se la stufa funziona per poche ore al giorno tra ottobre e aprile, ti costerà dai 150 ai 200 euro all’anno in pellet ed elettricità e fino a 300 euro per un uso più intensivo.  I prezzi del pellet sono rimasti notevolmente stabili negli ultimi dieci anni, mentre tutte le altre fonti energetiche oscillano bruscamente con il mercato.

Da anni un sacco di pellet da 15 kg acquistato singolarmente al supermercato e ritirato dall’acquirente costa circa 4,5 € (IVA inclusa), ovvero tra 0,30 e 0,36 € al chilo. Acquistato a tonnellata o pallet da 64 a 102 sacchi, il pellet è disponibile a prezzi compresi tra € 0,26 e € 0,30 al chilo.

Inoltre tutti i modelli di stufe a pellet hanno almeno un termostato, quindi si spengono e si riaccendono automaticamente. Alcuni modelli hanno anche funzioni avanzate: programmazione, telecomando, controllo smartphone / internet e altro.

L’efficienza di una stufa a pellet di qualità può superare il 90%. Quindi solo il 10% dell’energia contenuta nel pellet si perde nel camino. Pertanto è molto meglio di un classico caminetto a legna, la cui efficienza è solo dal 40 al 50% (dal 60 all’80% per le recenti stufe ad alta efficienza) e molto più di un fuoco aperto, che ha un’efficienza solo tra il 5 e il 15%.

Infine, non avrai bisogno di una canna fumaria con un buon tiraggio per la tua stufa a pellet: il fumo viene espulso all’esterno mediante ventilazione forzata tramite un tubo da 80 a 120 mm, posizionato verticalmente o orizzontalmente. Il tubo può anche avere una curva.

La stufa può quindi essere installata quasi ovunque, contro o vicino a una parete esterna e alla presa di corrente o sotto un soffitto. Le stufe a pellet consumano aria ambiente o aria esterna (sui modelli con doppio tubo di scarico e aspirazione o alimentazione d’aria esterna separata).

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *