Quanto si risparmia con il cappotto termico?

Hai una casa più vecchia che non ha intercapedine? L’interno è spesso molto freddo, anche con il riscaldamento acceso? Le bollette del riscaldamento domestico ti costano sempre di più ogni anno? L’esterno della tua casa attira muffe, crepe e vernice scrostata? C’è una soluzione per la tua casa che risolverà tutti questi problemi, e altro ancora, inoltre lascerà la tua proprietà con un aspetto esteriore completamente nuovo: è il cappotto esterno.

Perché dovrei fare un cappotto esterno alla mia casa?

Vogliamo tutti risparmiare denaro al giorno d’oggi e non c’è modo migliore per farlo se non con un rivestimento murale resistente alle intemperie montato all’esterno della tua casa, risparmierai così tanti soldi e la tua casa assumerà un’atmosfera completamente nuova. Inoltre, è possibile prendere in considerazione altre finiture delle pareti esterne per il nuovo isolamento, come i listelli di mattoni e altri tipi di rivestimenti murali.

Un isolamento termico delle pareti esterne, cioè un cappotto esterno, può ridurre la perdita di calore fino al 40%, il che significa che non solo risparmierai denaro sulle bollette del riscaldamento più basse, ma il sistema di isolamento esterno a parete solida si paga da solo in pochi anni.

Se non si installa l’isolamento delle pareti esterne, la maggior parte del calore generato nella vostra casa per riscaldarsi, da termosifoni, caminetti, ecc., esce direttamente dalle pareti e questo può essere dimostrato nominando un perito per eseguire una scansione termica sulla tua casa, che individuerebbe dove si sta perdendo il calore.

Come può l’isolamento con cappotto esterno farti risparmiare?

La perdita di calore avviene attraverso l’involucro della proprietà (pareti, pavimento e tetto). L’isolamento è un ottimo modo per rallentare questa perdita di calore; i sistemi di isolamento per pareti esterne, ad esempio, rallentano drasticamente la velocità con cui il calore si muove attraverso il muro.

Perché quanto sopra ti fa risparmiare sulla bolletta energetica? Ebbene, la maggior parte di noi riscalda le nostre case con sistemi di riscaldamento centralizzato (caldaia a gas e termosifoni) o riscaldamento elettrico. Quando uno di questi sistemi di riscaldamento è acceso, l’aria viene riscaldata.

In una casa non isolata, questa aria calda fuoriesce rapidamente attraverso le pareti esterne, il soffitto e il pavimento. Ma quando aggiungi l’isolamento a una di queste diverse aree, l’aria calda non può fuoriuscire altrettanto rapidamente. Non ha bisogno di essere costantemente rifornito dal tuo sistema di riscaldamento, quindi risparmi denaro potendo usare meno il riscaldamento!

Quanto posso risparmiare con l’isolamento termico?

Indicare esattamente quanto denaro ti farà risparmiare l’isolamento termico è complicato. Dipende dal consumo energetico corrente, dalla quantità di isolamento aggiunto e dal tipo di isolamento aggiunto, nonché dalla posizione in cui è installato nella casa.

Ad esempio, alcune persone riscaldano le loro case a 25 gradi centigradi anche in pieno inverno e non ci pensano neanche a ridurlo. Altri sono riluttanti ad accendere il riscaldamento fino alla fine di novembre! La quantità di denaro che risparmierai sulla bolletta del riscaldamento dipende da dove ti collochi su questa scala; un utente ad alta energia (a cui piace la casa bella e calda) risparmierà più di chi accende il riscaldamento solo 4 giorni all’anno.

Anche lo spessore dell’isolamento è importante, poiché il risparmio energetico di 100 mm di isolamento sarà maggiore del risparmio energetico derivante dall’aggiunta di 20 mm di isolamento (a condizione che il materiale isolante sia lo stesso). Un maggiore isolamento si tradurrà in un maggiore risparmio energetico.

Ad ogni modo, proviamo a mettere una cifra approssimativa sull’importo che potresti risparmiare sulla bolletta energetica quando isolerai. Normalmente circa l’80% della bolletta media del gas viene spesa per il riscaldamento, mentre il restante 20% viene speso per le altre cose.

Sulla base di questo, se la spesa annua per il gas è di 1000 euro, 800 sono per il riscaldamento. Se al muro vengono aggiunti 90 mm di isolamento in EPS, puoi aspettarti di dimezzare la bolletta del riscaldamento. Quindi risparmieresti circa 400 euro all’anno installando l’isolamento delle pareti esterne sulla tua proprietà.

Cos’è l’isolamento delle pareti esterne e dovrei averlo a casa mia?

L’isolamento esterno della casa è il primo passaggio che può essere applicato alle pareti interne o esterne di una casa, tuttavia per una maggiore resistenza alle intemperie e isolamento, consigliamo di isolare le pareti esterne, soprattutto se non sono presenti cavità, come nelle case costruite prima del 1920. L’isolamento delle pareti esterne (o cappotto esterno) è uno strato di materiale, a volte pannelli o intonaco a volte isolante, applicato alle pareti esterne della casa.

Questo può anche assumere la forma di rivestimento, o listelli di mattoni, pannelli isolanti che, se montati sulla casa, fanno sembrare che la proprietà abbia un muro nuovo di zecca. Sono disponibili altre finiture per pareti esterne come l’effetto ghiaia o altro.

Di quanto isolamento ho bisogno?

Lo spessore dell’isolamento della parete esterna dipende spesso dal livello di isolamento richiesto. Le case particolarmente fredde possono richiedere l’installazione del tipo più spesso di isolamento esterno, per massimizzare l’efficienza dell’isolamento e ridurre drasticamente la quantità di calore persa attraverso il muro.

Un buon modo per ridurre i costi è combinarlo con un altro isolamento, come l’isolamento del sottotetto che è facile da montare, abbastanza economico e porta grandi vantaggi molto rapidamente. Avere un isolamento delle pareti esterne porta molta differenza alla tua casa usa poiché non solo godrai di bollette del riscaldamento più basse, ma il calore generato internamente NON sfuggirà, quindi non lo sprecherai.

Il problema degli odori e dell’umidità

Il calore generato nella vostra casa, dalla cucina, dal riscaldamento, dal funzionamento del bagno e persino dal calore corporeo degli occupanti, alla fine sfuggirà dalla casa attraverso i muri, le porte, le finestre e il tetto. Ovviamente un po’ di calore, come nel cucinare, è incoraggiato a fuoriuscire, spesso attraverso una cappa aspirante, perché gli odori del cibo sono spesso fastidiosi.

Questo è lo stesso con la doccia e il calore umido che viene generato, che si cerca di eliminare dalla casa. Se l’ambiente non è adeguatamente ventilato, facendo qualcosa di semplice come aprire la finestra del bagno dopo la doccia, allora quest’aria umida troverà un modo per depositarsi sulle pareti e sulle finestre, il che è l’inizio di un problema di condensa.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *