Riscaldamento battiscopa: temperatura dell’acqua

I tradizionali sistemi di riscaldamento ad acqua calda sono progettati intorno a temperature superiori a quelle delle applicazioni a condensazione e non vedono le basse temperature dell’acqua di mandata e ritorno necessarie per massima efficienza. I tipici sistemi di irraggiamento a battiscopa ad acqua calda utilizzano lo standard di temperatura dell’acqua di alimentazione di 80 °C che viene fatta circolare attraverso la disposizione delle tubazioni del tubo alettato in rame e alluminio per riscaldare l’ambiente desiderato e ritorna in caldaia a circa 70 °C (20° di Delta T).

Questo è il funzionamento standard e lascia il funzionamento della caldaia al di sopra di una vera modalità di condensazione, limitando così il potenziale di efficienza delle moderne apparecchiature per caldaie di oggi. I nuovi battiscopa a bassa temperatura permettono alle moderne caldaie modulanti ad alta efficienza di oggi di funzionare al loro pieno potenziale massimizzando l’efficienza del sistema fornendo ai proprietari di edifici tutti i vantaggi economici della loro nuovo caldaia a condensazione.

Il battiscopa a bassa temperatura è l’alternativa a basso costo a costosi pavimenti radianti, pannelli radianti e applicazioni a soffitto ed è il complemento perfetto per l’alta efficienza di oggi con una caldaia modulante. Il riscaldamento idronico offre il più confortevole ed efficiente metodo di riscaldamento disponibile. I sistemi idronici sono versatili e la casa può essere facilmente suddivisa in zone per il comfort individuale pur mantenendo livelli di umidità equilibrati.

Come funziona un impianto di riscaldamento a battiscopa ad acqua calda?

Con il riscaldamento a battiscopa ad acqua calda, una caldaia riscalda l’acqua e la invia attraverso i tubi dal riscaldatore al riscaldatore. Ogni unità preleva una piccola quantità di calore dall’acqua e la invia al riscaldatore successivo. Con un’installazione di fascia bassa, ciò significa che le unità più lontane dalla caldaia ottengono meno calore.

Il sistema di riscaldamento in questione è un sistema di riscaldamento ad acqua calda in cui l’acqua viene riscaldata in una caldaia ad acqua calda e poi fatta circolare da una pompa elettrica attraverso tubi o tubazioni ai convettori a tubi in ogni stanza o spazio riscaldato.

Lì l’energia termica si sposta dall’acqua e riscalda le alette metalliche del termoconvettore. Queste alette metalliche riscaldate causano una corrente d’aria che sale attraverso le alette mentre l’aria viene riscaldata. Questo aspira aria più fresca dal pavimento verso l’alto e nel convettore, creando una corrente d’aria calda convettiva nella stanza. L’acqua più fredda torna quindi alla caldaia per essere nuovamente riscaldata.

È un mito comune che abbassando il termostato solo per poche ore, ci vorrà più calore per riportare la tua casa alla temperatura desiderata. Questo non è corretto. Ridurre l’impostazione del termostato farà sempre risparmiare energia e denaro.

I sistemi idronici non utilizzano ventilatori che possono far circolare polvere e allergeni causando una vita malsana ambienti per tutti gli occupanti. Quando si tratta di costi operativi, tuttavia, il riscaldamento a battiscopa rappresenta una delle opzioni di riscaldamento domestico più costose.

Quali sono i pro e i contro del riscaldamento a battiscopa?

Se stai pensando di acquistare un riscaldatore per battiscopa ad acqua calda, dovresti considerare i suoi pro e contro:

  • Risparmiare.
  • Efficienza energetica.
  • Flusso di calore costante.
  • Installazione semplice.
  • Nessun rischio di tossicità.
  • Calore basso.
  • Richiede più tempo per riscaldare una stanza.
  • Posizione del riscaldatore.

Come regolare i riscaldatori del battiscopa

  1. Individuare i coperchi terminali sul riscaldatore all’estremità del riscaldatore dove si monta il tubo di ingresso dell’acqua.
  2. Individuare la valvola di controllo del flusso d’acqua sotto il tappo terminale.
  3. Ruotare in senso orario per aumentare il flusso d’acqua o in senso antiorario per diminuire il flusso d’acqua.

È possibile utilizzare uno scaldabagno per riscaldare il battiscopa?

Non cercare di utilizzare uno scaldabagno per riscaldare il riscaldamento domestico e dell’ambiente. Il battiscopa ha una parete MOLTO sottile e non resiste alla pressione utilizzata per uso domestico.

Installa un cronotermostato

Ti consiglio di installare un cronotermostato. Il termostato può essere programmato per abbassare l’impostazione della temperatura subito dopo essere uscito di casa e quindi aumentare l’impostazione appena prima di arrivare a casa. Ciò consente il massimo comfort risparmiando energia. Sono un fan della semplicità, quindi consiglierei di acquistare un termostato semplice da usare e non eccessivamente computerizzato, a meno che non sia quello che desideri.

Ti consiglierei di abbassare il termostato quando esci di casa e poi di riaccenderlo quando arrivi a casa, come descritto sopra. Se il tuo stile di vita è tale che esci la mattina e torni a casa la sera come una normale routine, puoi risparmiare energia e denaro impostando il termostato per abbassare il riscaldamento quando non ne hai bisogno.

Programmazione del termostato

Dici che la temperatura confortevole quando sei in casa è di 18 °C. Poiché il riscaldamento del battiscopa ad acqua calda fornisce calore abbastanza rapidamente, puoi facilmente impostare il termostato a una temperatura inferiore a 15,5 °C a condizione di programmare e tenere conto del tempo necessario per portare la temperatura in coincidenza con il vostro arrivo a casa. Ciò consente di risparmiare energia e costi senza rinunciare al comfort.

Potresti anche voler impostare una temperatura più bassa prima di coricarti e programmare il riscaldamento in modo che si accenda prima di alzarti dal letto al mattino. Ciò consente ulteriori risparmi durante la notte quando sei al caldo nel tuo letto.

A seconda della severità del clima locale, dovresti fare attenzione a non impostare la temperatura più bassa troppo bassa. Il gradiente tra la temperatura esterna e la temperatura interna più bassa potrebbe causare il congelamento dei tubi e altri problemi se il termostato viene impostato troppo basso per troppo tempo.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *