Una pompa di calore basta per scaldare casa?

Una pompa di calore offre al proprietario di una casa un’ottima opzione per il comfort… oltre a un dilemma un po’ sconcertante. Le pompe di calore funzionano in modo simile ai condizionatori d’aria: fanno circolare il refrigerante per assorbire il calore da un luogo e poi rilasciarlo in un altro. Durante l’estate, questo significa rimuovere il calore dall’interno di una casa e esaurirlo all’esterno. Quando arriva l’inverno, la pompa di calore passa in modalità riscaldamento in modo che funzioni in modo opposto: sottraendo calore all’esterno ed esaurendolo all’interno.

“Aspetta un minuto…” Sì, sappiamo cosa stai per chiedere. Come può una pompa di calore rimuovere il calore dall’esterno durante l’inverno quando fuori fa freddo? Una pompa di calore sarebbe in grado di prelevare abbastanza calore per riscaldare una casa?

Funzionamento pompa di calore in inverno

Innanzitutto, è vero che le pompe di calore non sono così efficienti dal punto di vista energetico durante la modalità di riscaldamento come in modalità di raffreddamento. Ma possono ancora fornire abbastanza calore per il comfort. Non importa quanto fa freddo all’aperto, c’è ancora energia termica disponibile finché c’è movimento molecolare. Le moderne pompe di calore sono progettate per estrarre energia termica dalle temperature di congelamento senza subire enormi cali di efficienza.

Le pompe di calore sono sistemi di climatizzazione popolari perché racchiudono la potenza di un riscaldatore e di un condizionatore d’aria in un’unica unità. Utilizzando il processo di scambio termico, spostando il calore da un luogo all’altro per riscaldare o raffreddare gli ambienti interni, le pompe di calore forniscono un efficace raffreddamento in estate e riscaldamento in inverno senza scaricare quantità eccessive di energia.

Ma potresti aver sentito dire che la pompa di calore soffre di un grave inconveniente: una perdita di efficienza in modalità riscaldamento quando la temperatura scende troppo. Se vivi in un posto freddo, riscaldare la tua casa sarà importante per te, quindi non vorrai rimanere intrappolato con un riscaldatore che inizierà a rinunciare al lavoro quando ne avrai più bisogno.

Pompe di calore e sistemi ibridi

È vero che una pompa di calore può avere difficoltà con i minimi estremi: il refrigerante all’interno della pompa di calore deve estrarre calore dall’esterno e portarlo all’interno, e una volta che la temperatura scende al di sotto del punto di equilibrio economico (che varia a seconda dell’umidità, ma di solito è intorno agli 0 °C), la pompa di calore lavorerà di più per rimuovere abbastanza calore. Se prevedi temperature sotto lo zero per buona parte dell’inverno, una pompa di calore da sola potrebbe non essere sufficiente per tenerti al caldo.

Tuttavia, una pompa di calore ibrida offre una soluzione. Questi sistemi combinano una pompa di calore con un riscaldatore di riserva che utilizza una fonte di combustibile separata, solitamente un forno a gas. Ogni volta che la temperatura scende al di sotto del punto di equilibrio economico, il secondo sistema si accende automaticamente per compensare la differenza. Ottieni tutti i vantaggi di una pompa di calore e devi solo pagare un po’ di più in costi di carburante per il sistema secondario, che funzionerà solo occasionalmente.

Meglio pompa di calore o sistema dual fuel?

Dovresti sempre consultare esperti di riscaldamento prima di fare una scelta su una pompa di calore o su qualsiasi sistema di riscaldamento. Gli esperti possono eseguire un calcolo del carico termico a casa tua per determinare la potenza di riscaldamento necessaria per il tuo comfort e quindi abbinarti al sistema ideale. Forse è sufficiente una pompa di calore standard, o forse dovresti investire in un ibrido.

Una pompa di calore è un sistema di riscaldamento E raffreddamento che estrae il calore dall’aria e quindi lo sposta, utilizzando un sistema di trattamento dell’aria, o “soffiante”, come a volte vengono chiamati, nella posizione desiderata.

Tutto quello che devi veramente capire è che c’è un calore significativo nell’aria anche nelle giornate gelide. “Freddo” è un termine relativo. Come esseri umani, 0 °C si sentono freddi a causa della nostra temperatura corporea di 37 gradi. In effetti, c’è calore nell’aria fino allo zero assoluto o -273 °C.

Lo zero assoluto è l’assenza di tutto il calore. Giusto per semplificare, quando la temperatura esterna (ambiente) è, diciamo, 0 °C, una pompa di calore può catturare il calore sostanziale che esiste nell’aria tramite un circuito refrigerante e “pompare” questo calore esistente nella tua casa senza doverlo effettivamente crearlo.

Quindi spostando il calore esistente è dove si verificano i risparmi operativi; è molto meno costoso trasferire il calore esistente che crearlo effettivamente.

È importante notare che poiché la quantità di calore disponibile che può essere trasferita nella tua casa diminuisce con l’abbassamento della temperatura ambiente, una pompa di calore utilizza sempre una fonte di calore di riserva, solitamente sotto forma di una striscia di calore come menzionato sopra.

Una pompa di calore è più efficiente a temperature superiori – 0 °C. A questa temperatura approssimativa e superiore, la pompa di calore può produrre quasi tutto il calore necessario per mantenerti a tuo agio senza fare affidamento sulla fonte di calore di riserva molto più costosa

Quando la temperatura esterna diminuisce, la capacità di riscaldamento della pompa di calore diminuisce di pari passo. Quindi la pompa di calore continuerà a produrre calore, ma non abbastanza per mantenere la tua casa confortevole da sola.

Tuttavia, tra la fonte di calore di riserva e la pompa di calore stessa, le forze combinate manterranno una temperatura confortevole all’interno della tua casa, senza fare affidamento esclusivamente su nessuna delle due fonti.

Le pompe di calore tradizionali sono arrivate al punto di essere utilizzate nei climi freddi del nord e sono ancora efficaci. Se vivi in ​​un clima in cui si prevede che la temperatura ambiente scenda sotto gli 0 °C quasi ogni inverno, ti consigliamo di studiare una pompa di calore “ibrida”, nota anche come “dual fuel”.

Invece di utilizzare il calore elettrico meno efficiente come fonte di backup, utilizzerà un combustibile fossile come gasolio o gas. A seconda del servizio elettrico locale e delle tariffe dei combustibili fossili (questo può variare notevolmente in base alla regione), il backup dei combustibili fossili può essere l’opzione più efficiente ed efficace nei climi più freddi del nord.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *