Una pompa di calore funziona anche con la neve?

Le pompe di calore sono costruite per resistere a tutti i tipi di tempo, ma le forti tempeste di neve nella possono mettere alla prova i loro limiti. Una leggera spolverata di roba bianca non è motivo di preoccupazione. Un’unità esterna coperta di neve è un’altra cosa. Un singolo cumulo di neve può spingere l’attrezzatura fino al punto di rottura. Fortunatamente, ci sono modi per prenderti cura del tuo sistema e gestire la neve sulla tua pompa di calore per garantire che la tua famiglia rimanga comoda e accogliente nella tua casa. In questo articolo sviscereremo l’argomento.

A differenza della pioggia, la neve e il ghiaccio non evaporano subito. Invece, si accumulano e causano una serie di problemi. Neve e ghiaccio potrebbero non danneggiare il tuo sistema di climatizzazione al punto in cui sai che hai bisogno di una riparazione. A volte, la pompa di calore in modalità riscaldamento o d’estate l’aria condizionata non funziona in modo efficiente come dovrebbe. Quando ciò accade, stai pagando di più sulle tue bollette energetiche mensili. Il sistema utilizza più potenza ma fornisce risultati uguali o più deboli. Perché la neve è così pericolosa per il tuo apparecchio?

Le prestazioni di una pompa di calore sotto la neve

Che si tratti di un modello di solo raffreddamento o di uno che fornisce anche il riscaldamento domestico, tutte le pompe di calore si basano su un flusso d’aria adeguato. Funzionano estraendo calore dall’aria e spostandolo in una nuova posizione. I componenti critici alloggiati nell’unità esterna possono subire danni se il flusso d’aria è ostacolato. Quelli che continuano a funzionare possono inviare bollette energetiche mensili notevoli a causa dell’involucro innevato.

Le prestazioni di una pompa di calore sono influenzate negativamente quando sono coperte da un mucchio di neve. Un accumulo di neve sull’unità limita la quantità di aria disponibile per la circolazione alla serpentina di riscaldamento. Ciò influisce sulla capacità del refrigerante di agire sull’aria che passa sulle bobine. All’interno della casa, la bassa temperatura indicata dal termostato spinge il proprietario della casa ad attivare il riscaldamento supplementare.

A meno che il condensatore della pompa di calore non sia rialzato o coperto, è probabile che la neve si accumuli e interferisca con il corretto funzionamento del sistema della pompa di calore. Sebbene la maggior parte delle pompe di calore disponga di meccanismi di sbrinamento, non sono sufficienti per prevenire l’accumulo di neve. Quando la neve copre il condensatore, seguiranno problemi di flusso d’aria e consumo energetico.

I condensatori sono particolarmente vulnerabili. La maggior parte delle parti importanti su di esse sono esposte. Dai un’occhiata al tuo condensatore. Puoi vedere la ventola in alluminio proprio attraverso la parte superiore. E ci sono tutte quelle alette scanalate all’esterno. Quelle alette della batteria sono particolarmente facili da danneggiare. Quando l’umidità si intromette tra di loro, ti imbatti in problemi quando si congela. Il ghiaccio si espande e può piegare quelle bobine.

Deformazioni e riduzione del flusso d’aria

Altrove, i ghiaccioli possono essere un grosso problema. Dipende molto da quanto l’unità è vicina alla casa o alle grondaie. Saresti sorpreso di quanti danni può causare la caduta del ghiaccio. Abbiamo visto le bobine e la protezione sulla parte superiore dei condensatori piegate fuori forma per un impatto del genere. A volte, il ghiaccio riesce persino a far ammaccare il ventilatore. Alla fine, esso si scioglie e penetra ulteriormente all’interno dell’unità. Quando si ricongela, può provocare danni a quei componenti interni.

Quando ghiaccio e neve si accumulano intorno, sopra o nel tuo sistema di climatizzazione, rendono più difficile il flusso d’aria attraverso di essi. Una volta che ciò accade, l’aria non può circolare come deve. È allora che finisci per pagare più soldi ogni mese. Come avviene questo? Fondamentalmente, stai osservando l’accumulo di ghiaccio sulle prese d’aria e sullo scarico.

La limitazione del flusso d’aria è ancora più un problema per le minipompe senza condotto perché mancano di calore supplementare. Se l’accumulo di neve persiste, il meccanismo di sbrinamento funzionerà più a lungo e potrebbe eventualmente spegnere il ventilatore interno. Nel momento in cui ciò accade, i proprietari di casa potrebbero effettivamente sentire l’aria fredda che circola nella casa.

Una volta che una pompa di calore senza condotti spegne la ventola a causa dell’accumulo di neve, potrebbe essere necessario un po’ di tempo prima che sia completamente sbrinata o fino a quando il sensore di temperatura non raggiunge i 4 gradi. Per questo motivo, le case dotate di pompe senza condotti hanno probabilmente un’altra fonte di calore che può essere attivata quando la neve si accumula sopra il condensatore.

Eliminazione della neve dalle pompe di calore

Un po’ di neve e ghiaccio è normale. Un’unità completamente congelata, tuttavia, non lo è. Se la tua pompa di calore esterna rimane gelata o congelata per più di 3 ore, dovresti farla controllare da un professionista per evitare ulteriori danni. Il lavoro include lo sgombero di neve e ghiaccio dall’unità.

Usare una pala per rimuovere un forte accumulo di neve su una pompa di calore può essere rischioso perché può danneggiare i tubi di rame sulla parte superiore del condensatore. Se ha nevicato e non riesci a raggiungere la pompa di calore, potresti dover accendere una fonte di calore secondaria finché non puoi accedere alla pompa di calore. È sempre una buona idea contattare un professionista per assicurarsi che non ci siano danni e che la pompa di calore funzioni come dovrebbe.

Per sciogliere il ghiaccio, utilizza un tubo o acqua calda. Non utilizzare acqua bollente e non sciogliere il ghiaccio quando la temperatura esterna è sotto lo zero. Se necessario, sostituisci il filtro dell’aria. Questo aiuta a garantire che il tuo sistema di climatizzazione abbia un flusso d’aria adeguato.

Inoltre, prendi delle precauzioni quando pulisci dopo una nevicata:

  • Evitare di piegare le alette metalliche che consentono all’aria di entrare e uscire dall’unità esterna.
  • Quando spalate, fate attenzione a non spingere neve e ghiaccio nell’unità.
  • Rimuovere eventuali cumuli di neve, vegetazione o detriti che si trovano entro 50 cm dall’attrezzatura.
  • Non dimenticare di rimuovere anche i ghiaccioli, in particolare quelli che pendono dalle gronde e dagli alberi sopra la parte superiore dell’unità.

Il modo migliore per preparare la tua pompa di calore per la neve è ottenere una messa a punto prima che arrivi il gelo. Un tecnico qualificato eseguirà i test, i controlli e le calibrazioni necessari per garantire che l’apparecchiatura funzioni alla massima efficienza. I piani di manutenzione preventiva offrono anche risparmi a lungo termine, se ci si trova in una zona afflitta da questo problema.

Come evitare neve e ghiaccio

Ecco alcune cose che puoi fare per prevenire l’accumulo di neve e ghiaccio nella pompa di calore. Innanzitutto, crea una copertura, una tettoia o un riparo indipendente per la tua unità (questo migliorerà anche l’efficienza in estate fornendo ombra). Potresti essere tentato di mettere una copertura direttamente sopra l’unità, ma non farlo! Non impilare mai nulla sopra la pompa di calore e ricorda che lo spazio di 50 cm si applica anche alla parte superiore dell’unità.

Guarda sopra l’unità e assicurati che non ci siano rami deboli che potrebbero cadere e danneggiare l’unità. Copri e isola tutti i tubi che tendono a scoppiare a temperature di congelamento. Controlla visivamente il tuo condensatore, assicurati che sia libero da neve e non danneggiato (se il motore del ventilatore di condensazione non ha il flusso d’aria adeguato, c’è un problema).

Assicurati di avere un sistema di drenaggio adeguato. Quando il ghiaccio e la neve si sciolgono, l’acqua deve defluire dall’unità. Significa che niente dovrebbe gocciolare nell’unità stessa. Assicurati che la grondaia e il sistema di drenaggio siano puliti e ispezionati almeno due volte all’anno.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *